Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Schermi neri 2.0

Questo testo è la funzione del dibattito. Il contenuto del testo esprime l’opinione dell’autore.

Schermi neri Era un problema noto nell’istruzione superiore sin dalla sua prima incoronazione. Hai evidenziato il fenomeno in uno Cronaca A Khrono già il 27.4.20 e successivamente ha partecipato a discussioni con diversi circoli professionali su questo argomento. Molti si sono impegnati in un dibattito pubblico, ma questo è ancora ciò che sottolinea Evind Coulflath Khrono 5/19/21Molte sfocature intorno agli schermi neri.

insieme Continuiamo con più di ciò che si è dimostrato infruttuoso e gli schermi neri continuano a dominare in molti contesti di insegnamento digitale. Ma deve essere così? Come creiamo spazi di apprendimento digitale che riflettano veramente l’approccio sociale e culturale che molti di noi sostengono? Come si passa dalla “costrizione” e dalla “lotta” alla responsabilità condivisa e alla creatività condivisa quando si tratta di apprendimento?

Ci sono ambienti Chi ha trovato buone soluzioni digitali. Alcuni lavori sono attivi Festival dell’apprendimento 2021 Gli esempi sono. Pertanto, questo articolo mira principalmente ad essere una base per la discussione sulla via da seguire negli ambienti di apprendimento in cui gli schermi neri dominano in un modo che inibisce l’apprendimento.

Leggi anche

Buoni motivi per gli schermi neri

Discussioni About e l’approccio agli schermi neri fino ad ora – quello che io chiamo Black Screens 1.0 – riflette esperienze, comprensioni e prospettive diverse. Alcuni hanno affermato che l’educazione digitale non funziona senza una fotocamera. Ecco perché le telecamere sono accese! Altri pensano che qualcosa del genere non sia la strada da percorrere. Alcuni vedono gli schermi neri come responsabilità degli insegnanti, altri incolpano gli studenti.

Al centro della discussione È anche l’effetto degli schermi neri: insegnanti frustrati e stanchi, studenti che diventano meno motivati ​​e ricevono scarsi risultati di apprendimento e aule caratterizzate da silenzio, mancanza di partecipazione e impegno. Ciò che gli insegnanti hanno diritto a richiedere e ciò che gli studenti hanno diritto a rinunciare sono domande frequenti.

Discussioni Se gli schermi neri appaiono finora secondo me spesso come una forma di lotta con un tocco di coercizione e protesta. È necessario discutere dove questo ci porta. Cosa rischiamo di perdere nell’istruzione superiore se noi insegnanti vinciamo la battaglia sullo schermo nero? È una partita che chiunque può vincere? Retoricamente, possiamo chiederci: qualcuno può essere costretto a imparare?

READ  Non si applica a SV per abbandonare il referendum - VG

In quello che chiamo Black Screen 2.0 L’immagine è diversa. In questo scenario, i membri della facoltà pianificano l’insegnamento digitale sulla base di questo insegnamento. Dedichiamo tempo allo sviluppo di risorse di apprendimento digitale appropriate e all’utilizzo di approcci pedagogici appropriati negli spazi digitali. Lo facciamo perché noi, come educatori, leader e coloro che gettano le basi per l’istruzione superiore, comprendiamo e riconosciamo che i nuovi spazi di apprendimento richiedono nuovi progetti educativi. Lo facciamo perché ci concentriamo sull’insegnamento.

Leggi anche

Invece delle lezioni serali dall’insegnamento digitale

Spazio digitale La versione 2.0 presenta meno monologo e più istruzioni inverse. Quando insegnanti e studenti si incontrano digitalmente, la partecipazione e l’attività sono pianificate e non solo lezioni. La conoscenza è ampiamente presentata in altre forme, ad esempio in videoconferenze.

Gli studenti Siamo invitati a dialogare quando ci incontriamo. Sperimentano che ci si aspetta che partecipino, che c’è spazio per le loro voci e il loro uso e che il dialogo, l’attività e l’interazione sono importanti per l’apprendimento. Quando la collaborazione e la risoluzione attiva dei problemi fanno parte di un insegnamento sempre più coordinato, è probabile che la partecipazione aumenti. Quindi è probabile che anche gli schermi neri vengano ridotti.

insieme Nella prossima edizione di Black Screen, gli insegnanti iniziano una discussione sul perché è importante essere visibili e indossare le fotocamere. L’attenzione è focalizzata su come sia gli insegnanti che gli studenti contribuiscono alla creazione di una comunità di apprendimento costruttiva. Quindi anche gli studenti dovrebbero essere impegnati, ma gli insegnanti dovrebbero mostrare la via e condurre. Negli incontri con i nuovi studenti, il tempo viene riservato per importanti chiarimenti, in modo che vengano creati buoni schemi da zero. Quando emergiamo da un gruppo di studenti esistente, stiamo tentando di riavviare con l’intenzione di annullare la pratica inappropriata.

Nella nuova versione Dagli schermi neri, gli schermi sono spesso accesi, ma non sempre. Chiariamo quando è necessario mostrare il viso e quando è accettabile non farlo. Non è l’ingiunzione che governa. E non passiamo più il tempo negli eterni round introduttivi sull’uso della fotocamera. Invece, è determinato da ciò che sta accadendo e dalle regole di leadership che insegnanti e studenti mettono insieme. Ad esempio, se è una lezione pura, se uno di loro sta comunicando, mentre gli altri stanno ascoltando, allora potrebbe essere opportuno lasciarla agli studenti anche se vogliono essere visibili o meno.

READ  Dibattito Corona | Non c'è ancora spazio per il rilascio a Fredrikstad

Appena Poiché noi come dipendenti dell’istruzione superiore decidiamo se abbiamo una telecamera a conferenze e seminari in cui ascoltiamo ciò che qualcuno ha da offrire. Può essere importante per la persona che presenta o insegna vedere alcune facce. Ovviamente la registrazione è legittima. L’ambiente di apprendimento dovrebbe essere buono anche per gli insegnanti. Un buon ambiente di apprendimento è qualcosa che dobbiamo sviluppare insieme.

Poi andiamo avanti Un altro passo è capire l’apprendimento come lo chiamo io Creazione comune 1.0 Tale approccio è stato sempre più utilizzato nello sviluppo dei servizi nello stato sociale. Le esperienze dei destinatari dei servizi sono viste come una base importante per l’ulteriore sviluppo di servizi di assistenza sociale migliori e più adattivi. Nel contesto dell’istruzione, ciò significa che gli studenti sono visti come operatori con esperienze di grande importanza per lo sviluppo di un insegnamento di qualità.

Sono invitati Pertanto, in parità di cooperazione, è qui inteso come un uguale diritto di influenza. Sono già coinvolti nello sviluppo di spazi di apprendimento funzionale. L’insegnante ha ancora la responsabilità generale dell’amministrazione scolastica in conformità con la legislazione, le linee guida, i quadri e i risultati di apprendimento formulati esistenti. Ma gli studenti partecipano anche come partner attivi, rispettosi e impegnati nel lavorare con l’ingegneria dell’apprendimento e del design.

Nella creazione comune 1.0 Come insegnanti, ci preoccupiamo per gli studenti Qualità della vita studentesca. Ciò significa che ci sentiamo sensibili e riconosciamo le esperienze e le esperienze degli studenti riguardo a ciò che conta per l’apprendimento. Qualità dello studio e dell’apprendimento nell’istruzione superiore Dimostra che gli studenti sono interessati alla struttura dimensionale, padronanza, attività, relazione e trasformazione e l’acronimo di SMART. La conoscenza delle esperienze degli studenti può costituire la base per una collaborazione paritaria con gli studenti Pianificazione intelligente dell’insegnamento.

Partecipa alla creazione 1.0 È anche l’antitesi dell’insegnamento inteso come trasferimento di conoscenza che è caratteristico degli insegnanti, coloro che possono e sanno, impartire conoscenza a studenti che non possono e sanno. In Co-Creation Edition, riconosciamo che gli studenti hanno importanti conoscenze ed esperienze nel campo dell’apprendimento, non ultimo quando si tratta di ciò che migliora il loro apprendimento.

READ  Ha ricevuto 100 suggerimenti per puzzle loft

Un tale scenario Richiede un cambio di prospettiva e velocità. La qualità nell’istruzione superiore, quindi, non può essere collegata principalmente all’efficienza, alla produzione e a ciò che può essere misurato e calcolato. Una comprensione della qualità deve includere anche dimensioni qualitative che tengano conto di ciò che conta per insegnanti e studenti.

Inoltre esso Dovrebbe essere possibile dare la priorità al lavoro con la qualità dello studio e allo sviluppo di nuovi contesti educativi lavorativi. Dovrebbe anche essere possibile discutere le condizioni di apprendimento per le lezioni con centinaia di studenti nella stessa aula. Questo vale sia quando ci incontriamo digitalmente che in classe fisica.

Schermi neri È diventato un problema con la transizione rapida e non pianificata dall’insegnamento fisico all’educazione digitale. Non scompaiono da soli. Forse non possono nemmeno essere cacciati via. Se possibile, non porterebbe di per sé a un rafforzamento dell’apprendimento. Ha insistito sul fatto che non si può essere costretti a imparare. Quindi, il punto di partenza è che il passaggio dagli schermi neri 1.0 agli schermi neri 2.0 e oltre alla co-build 1.0 non è stato stabilito tramite comandi e soluzioni rapide.

Questo movimento Come educatori con gli studenti, ci richiede di dedicare tempo e sforzi alla scoperta di come creare spazi di apprendimento digitale costruttivi e di come interagire in essi. perché? Perché è essenziale che gli spazi digitali funzionino e siano una buona arena per l’apprendimento e perché comprendiamo che l’apprendimento è anche qualcosa che accade tra le persone.

Il dibattito: Hilda Larsen Damsgaard

Schermi neri nell’aula digitale