Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Scialpinismo, fondo | Non correre rischi. Il direttore della stampa ha chiesto aiuto dopo la vittoria di Klæbo:

Al direttore dei media del paese non è piaciuto quello che Johannes Husfluth Klaibow aveva in serbo dopo l’impressionante vittoria di 15 km in Val di Fiemme.

VAL DI FIEMME (Nettavisen): Non ci sono dubbi su chi sia la più grande star del Tour de Ski.

Johannes Høsflot Klæbo ha rovinato diverse gare durante il Tour, e al momento sembra che malattie o infortuni potrebbero impedire al norvegese di diventare un re olimpico entro un mese.

Proprio per questo né lui né la Norwegian Ski Association rischieranno alcuna possibilità di fronte alla crescente situazione di contagio in Europa.

Si è sentito quando alcuni tifosi italiani hanno voluto un pezzo del norvegese dopo la vittoria di lunedì in Val di Fiemi.

L’organizzatore aveva già iniziato a smantellare la maggior parte delle recinzioni e degli ostacoli quando Klæbo si è avvicinato alla fine del giro di interviste nell’area stampa.

Di conseguenza, molti adulti e bambini in attesa hanno potuto entrare alla fine dell’area delle interviste.

Chiamare per aiuto

Ma in una pandemia con tassi di infezione alle stelle e appena quattro settimane dopo la fine delle Olimpiadi, la scrittura di autografi e i “selfie” sono i numeri uno nell’agenda delle forse più grandi speranze olimpiche della Norvegia.

Quindi il responsabile dei media norvegesi per il paese Gro Eddy non ha apprezzato la scena che li aspettava quando Klæbo ha iniziato a finire tutte le interviste lunedì.

Eddie si è affrettato a chiedere aiuto alla FIS quando ha visto una fila di fan in attesa di Klæbo.

– Sono molto interessato a trovare buone soluzioni perché è importante per Johannes e per lo sci di fondo in generale prendersi cura delle masse, ma bisogna tenere conto del covid. Allora dovremmo cercare di sistemarlo, dice Eddie a Netavizen.

READ  L'agente risponde

– Ho dovuto prenderne uno dalla FIS perché non ho autorità e non voglio nemmeno essere uno che insegue le persone. Eddy spiega che poi dobbiamo lavorare un po’ insieme e spesso lo facciamo.

Allo stesso tempo, è chiaro che Klæbo vuole disperatamente difendere i tifosi.

Con l’aiuto della FIS, la soluzione è stata quella di scattare alcune foto in comune poiché Klæbo si è tenuta a una buona distanza dai partecipanti.

– Non può fare il solito giro. Questo solo a causa del covid. Eddie dice che vuole disperatamente presentarsi.

Non correre rischi

Klæbo sorride alla situazione e descrive Eddie come una guardia di sicurezza “media”.

Allo stesso tempo, sta chiaramente valutando la situazione del contagio a poche settimane dall’inizio dei Giochi di Pechino.

– Ora sono in ansia. C’è un gruppo qui dietro e non ne selezionerò uno, per così dire. Dovrebbero essere autorizzati a stare in disparte e scattare una foto. Indosserò una maschera facciale e starò attento. Ora non ha senso rischiare, dice Klæbo a Nettavisen.

Inoltre non l’avrebbe preso nelle ultime settimane prima di lasciare le Olimpiadi.

È solo questione di tornare a casa, acquistare tutto ciò di cui hai bisogno per le prossime settimane e allenarti all’estero. Questo è il piano. Non possiamo fare altro che rendere le persone diffidenti. Almeno dovremmo esserlo, dice Klæbo.

Prima di tornare a casa, Klæbo concluderà il Tour de Ski con la tappa finale della collina dei mostri in Val di Fiemme.

Trøndelag guida il giro in modo superbo con due minuti di vantaggio su Aleksandr Bolshunov prima della tappa decisiva.

READ  "Dannazione, dammi un'altra possibilità" - VG