Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

“Scienza” di Langdahl-Morgenbladet

“Scienza” di Langdahl-Morgenbladet

Cosa si dovrebbe dire a qualcuno che afferma che è “fede” e “non scienza” riconoscere che l’uomo è una specie animale – è una scimmia, e gli scimpanzé e gli scimpanzé pigmei sono i suoi parenti più stretti? Bisognerebbe consultare il grande dizionario norvegese, Darwin, o la biologia delle scuole elementari? Oppure respira con la pancia e continua a litigare? L'ho scelto. Per la parola chiave i La negazione dell'uomo come animale da parte di John Langdale Lui è “giusto” – non vuole che siamo “solo un animale tra gli altri animali”.

È assolutamente impossibile uscire da questo miscuglio di pregiudizi in cui tutto ciò che riguarda le specie diverse dall’uomo è visto come “giusto”? Se hai l’idea infondata che gli animali non abbiano alcun valore intrinseco di cui parlare oggettivamente, allora forse puoi comprendere il disperato desiderio di prendere le distanze. Ma non c’è motivo di temere l’associazione con i nostri parenti all’interno del regno animale, a meno che non derivi dal desiderio di sfruttarli per i nostri scopi. Se vuoi ferire qualcuno per il tuo tornaconto, è un autoinganno molto utile pensare che l'altra persona non valga molto. Darwin disse ai suoi tempi: “Abbiamo reso gli animali nostri schiavi e non vogliamo considerarli nostri pari”. Temo che Darwin abbia trovato la vera ragione della folle paura di realizzare la nostra parentela con gli animali.

Prima di iniziare a parlare di “animali”, dovrei dire a Langdahl che ciò non implica alcuna valutazione morale o biologica. In una discussione specificatamente sul rapporto dell'uomo con le altre specie, è solo un modo di parlare per cercare di capire se stesso.

READ  Nel 2015 hanno ricevuto le scuse che stavano aspettando da così tanto tempo - ora hanno il loro centro - NRK Oslo e Viken - Notizie locali, TV e radio

Langdahl sostiene che sto cadendo in una sorta di trappola “misurando la disuguaglianza nello status morale”. Ma non sono il tipo che elenca le caratteristiche e afferma che fanno la differenza per lo status morale. Questo è ciò che fa Langdall: miti, guerre, parlare lingue diverse, fare piani quinquennali – Langdall sembra pensare che queste siano caratteristiche rilevanti della posizione morale. Non intendo quello. Il comandante di dipartimento che non riesce a creare un piano quinquennale, l’ateo che non ha un osso leggendario nel suo corpo o il pacifista che non farebbe mai la guerra, naturalmente non hanno uno “status morale” inferiore. Onestamente mi sto stancando di tutte queste proprietà casuali che scaviamo nella nostra scatola delle curiosità e poi lanciamo in aria con un “Guarda qui, ho questo, gli animali no!” sentimenti. Attività di pensiero. per imparare. Pianificazione. utensili. Pensiero astratto. Uno dopo l’altro, i mattoni del muro che separa gli esseri umani dagli altri animali sono caduti – e ci si è resi conto che “loro” sono più simili a noi di quanto ad alcuni piaccia credere. Non so se è perché Langdale considera la qualità “fare la guerra!” Il che è così fantastico che c'è un punto esclamativo dopo, ma sfortunatamente anche gli animali fanno la guerra – e questo è ben documentato negli scimpanzé. I “piani quinquennali” sono il nuovo grande asso nella manica dell’umanità?

Non importa quanto bene pensiamo di noi stessi, non abbiamo buone ragioni per cancellare il valore intrinseco delle altre specie. Non chiudo mai gli occhi davanti alle qualità che contano. Al contrario, spero che tutti possiamo aprire gli occhi sul fatto che ciò che conta davvero per noi è vivere, evitare il dolore e la sofferenza, sperimentare la gioia e le buone relazioni, la libertà e la sicurezza, ed essere in grado di raggiungere questo obiettivo . Volontà, desideri, potenziale: in realtà abbiamo cose in comune con molti dei nostri parenti. E che ci rendiamo conto che le nostre capacità possono essere utilizzate anche a beneficio di altre specie anziché sfruttarle.

READ  Dibattito, cultura | spazio per il successo