Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Scienza. Publimetro México Primo rilevamento di una fusione di buchi neri altamente distorta

Madrid, 21 (Stampa europea)

Per la prima volta, i ricercatori del Rochester Institute of Technology (RIT) e dell’Università della Florida ritengono di aver rilevato la fusione di buchi neri con tracce eccentriche.

Secondo un articolo su Nature Astronomy, questo potrebbe aiutare a spiegare come alcune delle fusioni di buchi neri scoperte dalla LIGO Scientific Collaboration e dalla Virgo Collaboration siano molto più pesanti di quanto si pensasse in precedenza.

Le orbite eccentriche sono un segno che i buchi neri possono inghiottirsi a vicenda durante incontri casuali in regioni densamente piene di buchi neri, come i nuclei galattici. I ricercatori hanno studiato la più grande binaria di onde gravitazionali osservata fino ad oggi, GW190521, per determinare se la fusione avesse orbite eccentriche.

“La massa stimata dei buchi neri è più di 70 volte la dimensione del nostro Sole, il che li rende ben al di sopra della massa massima stimata attualmente prevista dalla teoria dell’evoluzione stellare”, ha affermato in una dichiarazione Carlos Lusto, professore di evoluzione stellare. College of Mathematical Sciences e membro del CCRG (Center for Computational Relativity and Gravitation) a Rochester. “Questo è un caso interessante da studiare come sistema di seconda generazione di buchi neri binari e apre nuove possibilità per scenari di formazione di buchi neri in densi ammassi stellari”.

La nuova ricerca voleva esaminare i dati disponibili per vedere se i buchi neri avessero traiettorie eccentriche prima che si fondassero. Scoprono che la migliore spiegazione per la fusione è un modello introduttivo altamente distorto. Per raggiungere questo obiettivo, il team ha eseguito centinaia di nuove simulazioni numeriche complete su supercomputer in laboratori locali e nazionali, impiegando quasi un anno per essere completato.

READ  Te la cavi bene con il più economico

“Questo è un enorme passo avanti nella nostra comprensione di come i buchi neri si fondono”, ha affermato Campanile. “Con le nostre simulazioni di supercomputer all’avanguardia e una vasta gamma di nuovi dati forniti dai rivelatori LIGO e Virgo, stiamo facendo nuove scoperte sull’universo a una velocità sorprendente”.

Un’estensione di questa analisi dello stesso team RIT e UFL ha utilizzato un potenziale isotopo elettromagnetico osservato dalla Zwicky Transient Facility per calcolare in modo indipendente la costante cosmologica di Hubble con GW150521 come una fusione eccentrica di buchi neri binari. Hanno trovato un’ottima corrispondenza con i valori attesi e hanno recentemente pubblicato il lavoro su The Astrophysical Journal.