Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Scienza solida ed etica sono una combinazione di valori

La Norvegia ha una delle regole più restrittive per l’uso della genetica nel mondo, rendendo la maggior parte dei nuovi strumenti di allevamento off-limits. Molte nazioni cercano di influenzare le loro posizioni ben discusse e i portavoce degli OGM sostengono che la nazione ha preso la strada giusta.

Le regole della nazione del nord possono essere cambiate?

La Norvegia sta ora rivedendo le sue regole. Potrebbe consentire un maggiore uso di strumenti genetici, ma potrebbe anche essere il primo paese a incorporare considerazioni etiche come parte di qualsiasi processo di approvazione della modificazione genetica.

Le norme attuali sono soggette a interpretazioni relativamente ampie. La nuova proposta probabilmente metterebbe le considerazioni etiche alla pari con quelle scientifiche.

Il resto del mondo dovrebbe ascoltare? E cosa impariamo?

Un recente articolo di ricerca norvegese suggerisce che è tempo di riconsiderare l’approccio del governo e ridurre l’ambiguità nel linguaggio normativo dell’educazione molecolare.

Il mese scorso, due ricercatori hanno pubblicato una versione inglese aggiornata di un articolo accademico norvegese-norvegese del 2020 che suggeriva di stabilire regole accettate a livello globale per l’uso di strumenti GM e includere standard etici.

L’approvazione norvegese richiede che lo sviluppo degli OGM sia sostenibile, eticamente valido e vantaggioso per la società. Richiede inoltre che l’uso e il rilascio di sostanze non siano dannosi per la salute umana e per l’ambiente.

Le analisi dei rischi vengono eseguite in conformità con gli standard internazionali e si basano, come in Canada, su dati forniti principalmente dagli sviluppatori.

Per gli agricoltori, è probabile che la giustificazione etica per l’utilizzo di tecnologie genetiche avanzate delle colture includa rese più elevate, costi inferiori e una maggiore efficienza nell’uso del suolo.

READ  La Russia sta discutendo quando i leader dell'Unione europea si incontrano nella stessa stanza

Gli autori dell’articolo norvegese affermano che un approccio etico terrà conto di tutte le esigenze delle parti interessate nella società e attribuirà a ciascuna di esse un peso appropriato, ma non uguale, e riconoscerà che ogni singola situazione è stata rivista.

Le attuali regole norvegesi usano termini che includono comportamenti etici come cura e naturale piuttosto che danno e supervisione. Questi concetti soggettivi dipendono dall’esperienza e dalla prospettiva di coloro che interpretano l’atto costitutivo.

I ricercatori che hanno scritto l’ultimo articolo suggeriscono che questi concetti dovrebbero essere rimossi o perfezionati per essere più specifici e misurabili ed evitare opinioni soggettive sulla moralità.

L’aggiunta dell’etica come condizione per l’utilizzo di strumenti molecolari nell’allevamento delle piante ridurrà l’efficienza della produzione alimentare globale? Incoraggia la deforestazione, la coltivazione di terre marginali e l’uso improprio dei seminativi? O accadrà il contrario?

Questo approccio inizia in Norvegia, ma considerare l’etica come parte degli elementi fondamentali di un sistema normativo può diventare uno standard globale. In questo caso, il Canada dovrebbe essere preparato.

È anche un’opportunità per esperti di etica professionale, non solo ricercatori e amministratori, di partecipare al giudizio sull’uso di strumenti genetici nella produzione e nel commercio di alimenti.

La scienza forte da sola si è rivelata difficile da vendere in ampi settori della società, ma il comportamento etico è al centro. La scienza agraria è accusata di molti mali, ma non condannata, soprattutto quando si tratta di biologia molecolare. L’aggiunta di nuove regole che spieghino il comportamento etico già in atto dovrebbe essere una buona cosa per il settore.

La morale non deve essere temuta. Niente dovrebbe essere più etico che nutrire il mondo.

READ  dibattito, orrore | È nostra responsabilità garantire che ciò non accada di nuovo

Karen Brier, Bruce Dick, Barb Glen e Mike Ryan contribuiscono alla scrittura editoriale per il produttore occidentale.