sabato, Luglio 13, 2024

Scienza, stress e ambiente – La primavera silenziosa di Rachel Carson compie 60 anni | Centro per la teoria della scienza

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Naomi Oreske: Percorsi verso una primavera meno silenziosa

Vedi l’ultimo pezzo in Scientifico americano.

Jeroen van der Slugs: Scienza normativa e precauzionale: lezioni apprese dal caso dei neonicotinoidi

Negli ultimi 65 anni siamo stati in una spirale di pesticidi: generazioni successive di pesticidi vengono rilasciate e poi vietate un decennio o due dopo, una volta che il danno ambientale che causano diventa chiaro. Sebbene i pesticidi siano spesso sostituiti da nuovi, questa nuova generazione di sostanze chimiche spesso solleva preoccupazioni di rischio nuove e inaspettate.
I rischi che richiedevano un’azione precauzionale venivano sistematicamente trascurati a causa dei punti ciechi nei protocolli di valutazione del rischio eccessivamente ridotti. Questi protocolli sono in gran parte modellati dalla lobby dei pesticidi. La conoscenza relativa ai rischi che non rientrano in tali protocolli (come gli studi scientifici accademici nella letteratura sottoposta a revisione paritaria e la conoscenza relativa agli endpoint non coperti dai protocolli) è spesso sottovalutata, emarginata o sistematicamente ignorata. Spesso, le coalizioni di scienziati e attori della comunità competenti hanno dovuto intervenire e “rompere il copione” dei processi di valutazione e gestione di routine per riconoscere le principali incertezze e il potenziale di gravi danni alla salute umana e animale e all’ambiente. Sulla base dei risultati del progetto finanziato dall’Unione Europea.Conciliare scienza, innovazione e cautela attraverso il coinvolgimento degli stakeholder(prescrizioni), possiamo imparare lezioni importanti per le riforme necessarie ai quadri di valutazione del rischio ambientale e oltre.

Andrea Saltelli: Scienza e cattura organizzativa

Stanno diventando evidenti nuove frontiere per la cattura normativa che coinvolga l’uso efficace della scienza. Qui gli interessi aziendali, dal settore farmaceutico a quello agrochimico, operano a diversi livelli epistemologici, dall’invalidazione delle prove, della metodologia o della legittimità dei regolatori, all’uso più recente delle tecnologie di piattaforma per costruire una visione della realtà in cui l’“intervento normativo” deve essere limitato responsabilità specifiche spettano agli scienziati in generale e al mondo accademico in particolare?

READ  Area per incrementare la produzione idroelettrica Norsk Industri

Stephane Foccart: Guardiani della mente

L’istituzione dell’Environmental Protection Agency nel 1970 fu uno dei risultati dell’avvertimento di Rachel Carson sui danni all’ambiente e alla salute pubblica derivanti dall’uso indiscriminato dei pesticidi. Seguendo questo modello, altri paesi hanno istituito le proprie agenzie responsabili delle competenze. Inizialmente, le aziende si sono opposte alla maggior parte di queste agenzie e nel corso degli anni sono diventate alleate delle industrie che generano rischi per la salute e l’ambiente. Oggi, l’esistenza stessa di queste istituzioni crea confusione tra decisioni normative e consenso scientifico.

Nina Olanda: Lobbisti al lavoro

I lobbisti aziendali finanziano e promuovono la scienza e gli scienziati vengono cooptati o pagati per sostenere la loro narrativa e i loro interessi. Sperano che ciò contribuisca alla credibilità delle loro argomentazioni, che ad esempio mettono in dubbio i danni o confermano le affermazioni di perdite economiche per il loro settore e “l’innovazione”.

Il mio respiro Ohman Nielsen: Spargi pesticidi nei giardini, nei campi e nelle foreste norvegesi, 1945-1995

La seconda e la terza generazione di pesticidi sono state imposte agli agricoltori norvegesi, agli orticoltori familiari e ai lavoratori forestali da interessi aziendali, istituzioni statali, organizzazioni sussidiarie e associazioni ad ampio spettro, prima e dopo Silent Spring. Come è stato fatto in pratica? In che modo questo regime ha resistito alle riforme e alle voci di preoccupazione ambientale?

More articles

Latest article