Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sei arrestati in una massiccia azione di polizia contro il sito web di notizie di Hong Kong – VG

Appello: mercoledì la polizia di Hong Kong ha rapito l’editore di Stand News Patrick Lam.

Un disastro per la libertà di stampa, ha dichiarato mercoledì la Commissione norvegese per l’azione di polizia di Hong Kong. Editori, membri del consiglio di amministrazione e una pop star dovrebbero essere tra gli arrestati.

Inserito:

La polizia di Hong Kong ha effettuato un altro giro di arresti legati alla stampa.

Mercoledì mattina presto, ora locale, hanno arrestato le sei persone che avrebbero “cospirato per diffondere contenuti di ammutinamento”, scrive NTB.

La polizia ha detto che le loro case sono state perquisite, secondo l’agenzia di stampa.

Stand News ha pubblicato un video su Facebook di agenti di polizia a casa di uno degli editori del sito e la polizia afferma di aver inviato più di 200 agenti per perquisire gli uffici del sito nell’area di Kwun Tong.

Nel video qui sotto, puoi vedere la polizia sequestrare forzieri da Stand News:

La polizia di Hong Kong ha arrestato mercoledì l’editore di Stand News Ronson Chan. Chan è anche presidente dell’Associazione dei giornalisti di Hong Kong.

Editori, pop star e politici

Gli arrestati includono i redattori di Stand News Patrick Lamm e Ronson Chan. Oltre al suo lavoro presso Stand News, Chan è anche presidente dell’Associazione dei giornalisti di Hong Kong.

La pop star locale Denise Ho, ex membro del consiglio di amministrazione del sito, ha scritto su Facebook di essere stata arrestata.

Tra gli arrestati c’erano il co-fondatore, avvocato ed ex politico Margaret Ng e l’ex caporedattore di Stand News Chung Boye Quinn, secondo quanto riportato dai media locali.

READ  Joe Biden non ritarderà il ritiro dall'Afghanistan - VG
Arresto: la pop star e attivista democratico Dennis Ho.

stringere

Le autorità di Hong Kong hanno lanciato un giro di vite sul movimento democratico nella regione dopo l’entrata in vigore della legge sulla sicurezza nazionale. La Cina ha introdotto la legge l’anno scorso, dopo che il 2019 ha visto mesi di manifestazioni democratiche diffuse a Hong Kong.

Tra le altre cose, anche l’ex magnate dei media e attivista Jimmy Lai è stato accusato questa settimana di distribuire contenuti ribelli. È stato anche accusato di violazione della legge sulla sicurezza nazionale ed è stato condannato per aver partecipato a manifestazioni illegali.

Lais, Apple Daily è stato chiuso a giugno dopo l’intervento delle autorità, prima sotto forma di un raid della polizia durante il quale sono stati arrestati diversi leader e poi i fondi del giornale congelati.

Molti esponenti dell’opposizione sono stati imprigionati o sono fuggiti all’estero.

I muscoli mostrano: la polizia ha in diverse occasioni represso le manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong. Eccoli di guardia durante una manifestazione in occasione della Giornata Nazionale della Cina, 1 ottobre 2020.

Grave escalation

Il Comitato norvegese di Hong Kong ha definito gli arresti un “brutale attacco alla libertà di stampa a Hong Kong”.

Un comunicato stampa afferma che gli arresti hanno rappresentato una pericolosa escalation di attacchi ai restanti diritti e libertà di Hong Kong, garantiti da Pechino nel 1997, in riferimento alla “costituzione” di Hong Kong, adottata quando Hong Kong ne è stata consegnata. . Dal Regno Unito alla Cina nel 1997.

La legge aveva lo scopo di garantire che la promessa di un paese, due sistemi fosse mantenuta.

READ  Un'eruzione esplosiva da un vulcano a Saint Vincent

Gli ultimi aspetti rimasti della società civile, che separano Hong Kong dalla Cina continentale, continuano a essere rimossi a un ritmo allarmante, continua la commissione.

In evidenza La rimozione del monumento “Support Shame” dall’Università di Hong Kong e monumenti simili dopo il massacro di piazza Tiananmen del 1989.

Leggi di più sullo stato della stampa a Hong Kong qui:

Grande operazione di polizia a Hong Kong: arrestati dignitari dei giornaliGli attacchi della Cina alla stampa libera