Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Sembra totalmente senza speranza – VG

Decisivo: Carolyn Berkeley Groffdale capisce poco delle medicazioni al Villaggio Olimpico. Foto: Annika Birdy

Nel Villaggio Olimpico, gli atleti dovrebbero allenarsi con le bende. È una regola che Carolyn Berkeley Groffdale (31) spera di cambiare in poco tempo.

Attualmente sta pagando per le Olimpiadi estive di Fukuoka, nel sud del Giappone. Lì può correre quanto vuole sulla pista di allenamento, al parco e sul tapis roulant, ma quando arriva nella città olimpica di Tokyo, deve prepararsi ad allenarsi con una benda.

VG Studio Olimpico: Ricevi le ultime notizie qui

Collaborazione EditorialeScopri +

Guarda tutto dai Giochi Olimpici di Tokyo alla scoperta +

L’ostilità reagisce in modo aggressivo a questo. Non ha esperienza di corsa con una maschera facciale.

– Sembra totalmente senza speranza quindi spero che sia una regola che funzioni quando inizi e più corridori entrano nel villaggio e capiscono che è totalmente impossibile da fare. A quanto ho capito, c’è del plexiglass tra ogni tapis roulant in palestra e puoi fare un giro fuori, dice Grovedale e continua:

– Allora non riesco a capire che devi correre con una benda. Dobbiamo relazionarci con le regole, e poi possiamo sperare di poter allentare un po’ le regole alla fine.

è dentro Guida ai giochi di Tokyo Quel regolatore scrive che tutti dovrebbero indossare sempre una maschera facciale, a meno che non si mangi, si dorma, si beva o si faccia esercizio fisico. Tuttavia, è stato stabilito che durante l’allenamento nel Villaggio Olimpico stesso, deve essere utilizzata una maschera facciale.

– Suppongo che molti reagiranno a questa regola. Gerkely Grofdal pensa che dobbiamo affrontarlo e ottenere il massimo da esso, o alla fine potrebbero rendersi conto che non è del tutto speranzoso per un corridore eseguire gli intervalli con una benda all’interno di un grinder.

READ  Ciclismo e sport | Bernal il migliore in caso di maltempo - Voss è aumentato nel riepilogo

L’allenatore Knut Jaeger Hansen afferma che la questione è stata affrontata dalla Norvegia.

Nel peggiore dei casi, devi correre con una maschera, ma l’abbiamo adottata e stiamo lavorando per rimuoverla quando sei sul tapis roulant. Come dice Caroline, ci sono plexiglass sul lato e sul davanti, e ci sono due metri tra ogni mulino. Sembra inutile, ma siamo contenti che ci siano ordini di bende in molti altri posti.

Leggi anche

Apertura delle Olimpiadi di Tokyo: l’inizio della salita è accidentato

Il caldo è stato un altro fattore che ha entusiasmato Birkeley Grovedale prima dei giochi, ma per ora suggerisce che correre in Giappone è molto più facile di quanto non fosse durante il corso d’acqua a Doha nel 2019.

– Sono stato davvero piacevolmente sorpreso. Fa caldo qui, ma è molto diverso da quello che ho vissuto a Doha. C’è poca aria. A Doha è stato come scavalcare un muro, afferma Bjerkley Grovedale.

Aggiunge che la calda estate di Oslo e l’uso di una stanza riscaldata per il vertice olimpico hanno aiutato.

Leggi anche

Porsche ha distrutto i concorrenti: – Il corpo bolle come un inferno

Gli sport sono per lo più la sera e sfuggono alle temperature più calde. Secondo Yr, sono stati segnalati circa 30 gradi, ma con qualche pioggia.

– Fa molto caldo quando il sole è a metà giornata, ma fortunatamente le mie gare si svolgono la sera. Quindi le condizioni sono notevolmente migliori, dice Bjerkeli Grøvdal a VG.

Il fisiologo della nutrizione sportiva presso l’Accademia sportiva norvegese, Kristin Lundans Gunvik, è dietro l’importanza dell’acclimatazione al calore, specialmente per i corridori di lunga distanza come Grofdal.

READ  Crystal Palace ha trovato suo marito

Gli atleti che si esibiranno per periodi più lunghi spesso hanno più difficoltà a mantenere una temperatura corporea di 37 gradi. Più lunga e intensa diventa l’attività, più energia il corpo usa per liberarsi del calore, dice Jonvik a VG.