Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Serie Elite 2021, Mushaga Bakenga | Oltre al calcio, per Pakanga è all’opera qualcosa di completamente diverso:

La prima stagione di Odd è stata una grande spinta per Mushaga Bakenga. Fuori dal campo, tuttavia, c’è un progetto scolastico in Congo che richiede molto tempo al Trøndelag.

SUGGERIMENTI PER LA TABELLA SERIE ELITE:
5 ° posto: strano

Cosa ne pensi della tua squadra in questa stagione, Mushagha Pakanga?

Se trascorriamo bene le ultime settimane all’inizio della serie e partiamo bene, penso che almeno riusciremo a classificarci meglio dell’anno scorso. Stiamo inseguendo lo sviluppo lungo la strada e siamo molto desiderosi di aumentare la linea di fondo dello scorso anno, quindi se possiamo e smettiamo di scherzare con i punti alla fine delle partite, sono abbastanza sicuro che saremo lì.

Quale giocatore della tua squadra merita di essere visto quest’anno?

– Sarà lo stesso dell’anno scorso con Joshua (Kitolano) e Filip (Jørgensen). Ma abbiamo un sacco di cose buone, e quello che credeva in lui avrebbe fatto progressi e sarebbe apparso sul palcoscenico più grande, penso che sarebbe stato Solomon Ouso. È stato terribilmente impressionante e sono sicuro che quest’anno sarà il massimo nella serie Elite.

Chi pensi che vincerà le Elite Series quest’anno?

– Sarei scioccato se i nostri amici spagnoli del Budo non avessero approfittato delle buone possibilità che avevano, ma continuo a pensare che non sarebbe abbastanza buono considerando che hanno perso molti goal. Quindi penso che il mio molie supererà Bodo / Glimt. Sembravano molto forti e hanno fatto bene, a differenza di molti di noi. Partite e si sono comportati bene in Europa.

– Chi sta andando giù?

– Non ne ho idea, potrebbe essere quasi chiunque. Ma non credo che Mjundalen combatterà in fondo quest’anno.

– Perché non la pensi così?

– Adesso hanno una bella formula stabile. Inoltre, hanno messo Gauseth a posto, quindi se riesce a mantenere il suo vecchio corpo sano. Si vantava così tanto che non si è mai sentito meglio, quindi con Gauseth in campo, penso che Mjøndalen potrebbe essere in grado di riprendersi un po ‘da quella battaglia finale.

Chi pensi che sarà il grande profilo di quest’anno e perché?

– Penso che in Vålerenga, (Osame) Sahraoui, se gioca troppo, avrà tutto ciò di cui ha bisogno.

READ  Milano, morti | Trovato morto un ex talento del Milan

– Se non potessi scegliere il tuo allenatore, chi era l’allenatore nelle Elite Series? Hai il più grande buonsenso?

– Kjetil Knudsen. Ha un fascino al Nord. Sembrava avere un piano chiaro ed era in grado di far correre chiunque al massimo delle proprie capacità, quindi è stato emozionante vedere i trucchi che aveva nella manica.

Nel 2016 sono stato al Molde sotto l’attuale allenatore del Manchester United Ole Gunnar Solskjaer. Come lo ricordi come allenatore?

Ricordo Solskjaer come un buon allenatore. Tutti pensano che Solskjaer sia un “brav’uomo” e ricordo quando andò al Manchester United e la gente gli chiese se fosse abbastanza duro e cose del genere. Ma tutti quelli che hanno Solskjær sanno che non è giusto. Sa come impostare i giusti requisiti. Ma è stato molto emozionante per me come attaccante, ho imparato molto da lui in pochissimo tempo, che è quello che ho portato di più con me.

Cosa ne pensi di quello che sta facendo al Manchester United adesso?

– Non sorprendermi. Ma penso che sia fantastico e sono d’accordo con lo United, quindi spero solo che continui a fare bene. Quindi sì, mi piace davvero quello che sta facendo.

Se dovessi proiettare un talento in un franchise d’élite in cui credi molto, chi sceglieresti?

– Poi ho scelto Filip Jørgensen. È uno dei più grandi talenti che abbia mai avuto, quindi sì, è un estremo.

Quale squadra ospite preferisci di più all’Eliteserien?

– Lerkendall. Hanno un bel giardino e io sono debole per questo. Poi sono cresciuto lì dopo quello.

– Sei arrivato a Odd la scorsa estate e sei diventato rapidamente una parte importante della squadra. Come hai passato il tempo allo sci club finora?

– È stato un periodo molto bello. C’era molto da fare quando sono arrivato, sia con l’allenatore che con il gruppo di giocatori. Allo stesso tempo, ho finalmente sofferto un anno intero senza infortuni, che non ho avuto per 7-8 anni. Allora sono davvero entusiasta di continuare a salire e continuare a raggiungere. Perché sento che posso svilupparmi di più.

READ  Ora arrivano le nuove stelle

– Hai fatto irruzione al Rosenborg una decina di anni fa, ma da allora la tua carriera è stata segnata da una quantità enorme di infortuni. Come ti senti ora rispetto al look precedente?

– Ho ancora un tendine d’Achille fumante che ha fatto la loro parte, ma sento decisamente di poter arrivare dove ero prima. Ho anche una mente calcistica leggermente migliore ora rispetto ai tempi della mia giovinezza, che intendo usare.

Oltre alla tua carriera calcistica, tu e la tua famiglia avete avviato un progetto scolastico in Congo. Puoi parlarci un po ‘di questo?

Si tratta di voler aiutare e mi sento privilegiato. Quindi volevo fare qualcosa, e poi è stato avviare una scuola in una zona molto povera, e questo è davvero il modo migliore per far uscire bambini e generazioni dalla povertà. La scuola non è qualcosa che tutti hanno in Congo, costa poco.

Quindi ci sono circa 1.000 studenti e 1.200 partecipanti, ed è andata davvero bene. È costato molta energia, denaro e tutto il resto, ma è molto gratificante. In realtà abbiamo 25 persone che si sono laureate e sono andate al college, e praticamente non avevano nulla. Poi abbiamo anche comprato alcune aree intorno alle quali coltiviamo cibo e così via, in modo che le madri che non avevano un lavoro in quel villaggio potessero usarlo e prendersi cura delle piante e del cibo, poi venderlo da sole e trarne profitto -lei. Quindi è stato molto gratificante e l’intero villaggio è cambiato radicalmente con più speranza. Non c’è niente di meglio che aiutare le persone con così poco, ma noi viviamo ottenendo aiuto e donazioni e svuotando i nostri portafogli noi stessi, quindi era un po ‘più pesante di quanto immaginassi.

Ti prendi troppo tempo quando non giochi a calcio?

– Sì. Perché ci tengo molto ed è, come ho detto, molto utile. Ho anche visitato la scuola e parlato con i bambini, dopodiché non riesco a pensare ad altro se non a questo se mi rimane un’ora, controllo un po ‘, chiamo a casa e ascolto cosa possiamo fare, ecc.

– Ti sei anche notato in TV di recente quando sei apparso su New Again. Qual è la tua opinione in merito?

READ  Primo match PL in dieci anni per Carson - una tripletta di Torres - VG

– È stato eccitante. Ho ricevuto una telefonata da NRK che voleva davvero ospitarmi lì. L’ho guardato per tutta la vita, quindi mi sono sentito come se non ci fosse nulla che potessi rifiutare. Ha dato più sapore ed è stato bello fare qualcos’altro, almeno visto il mio ultimo periodo ero davvero a casa e in campo di allenamento. Viviamo in modo molto rigoroso e non c’è molto che possiamo fare quindi era molto necessario e mi sono divertito. Le cose sono andate bene e.

Dove immagini di essere tra cinque anni?

– Allora probabilmente sarei alla fine della mia carriera e avrei una cotta per quest’ultima. dove sono? Non lo so. Che si tratti di un luogo con molto caldo, sole e buona compagnia o da qualche parte in Norvegia. Ma almeno immagino di essere felice della carriera che ho avuto e molto felice degli ultimi cinque anni.

Partite di allenamento sulla probabilità:

17 aprile: Dispari – Sandefjord 0-0

21 aprile: Dispari – Jerv 1-1

25 aprile: Dispari – Stabæk 1-0

1 maggio: Sarpsborg 08 – strano

Trasferimenti:

bar:

Leopold Wallstedt (Arendal)
Conrad Wallem (Arendal)
Magnus Lekven (Vålerenga)
Solomon Osu (Rufus)
John Shogotto Kitolano (Wolverhampton, Inghilterra)
Jelly Rolanton (Bran)
Christopher Knudsen-Larsen (Åsane)
Sander Svendsen (in prestito dal danese Odense fino all’estate)

Al di fuori:

Rasmus Minor Petersen (pubblicazione)
Frederick Simpberg (pubblicazione)
Frederick Nordkville (coraggioso)
Vladimir Rudic (tornato ad Hammarby, Svezia in prestito)
Marius Postgaard Larsen (Holstein Kiel, Germania)
Robin Simovic (Farbergs Boa, Svezia)
Elba Rachani (Erzurumspur, Turchia)
Egil Silvik (Hawgesund)
Petter Saga Hagen (Fram Larvik)
Viborne Hof (Rosenborg)

Odds Elite Series 2021

Il favorito per vincere l’Elite Series 2021 è probabilmente Molde con una probabilità di 2,35 davanti a Rosenborg di 4 e Vålerenga di 5,25.

I favoriti a ritirarsi sono Sandefjord, Strømsgodset e Mjøndalen con Tromsø e Bran direttamente dietro di loro.

Vidar Oren come Gartanson è il favorito per diventare un marcatore con 8 quote.

Qui puoi inviare il tuo gioco