Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

si moltiplicano colpiti dalla guerra |  lotta di classe

si moltiplicano colpiti dalla guerra | lotta di classe

Quando Vitaly Dudin e il resto della sinistra ucraina celebrano la Giornata internazionale della lotta del lavoro, è in circostanze speciali.

Le manifestazioni sono vietate, secondo la legge marziale ucraina. Conferenze e seminari sono consentiti, ma l’organizzatore deve tener conto di eventuali incursioni aeree.

Più inviti hanno, più alta è la posta in gioco.

Secondo la legge marziale, il 1 maggio è un giorno lavorativo.

Ma ciò non significa che quest’anno gli hashtag siano meno importanti del solito, anzi.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, i diritti dei lavoratori ucraini sono stati sistematicamente minati dalle riforme di guerra neoliberiste.

trasformazione neoliberista

Al telefono da Kiev, Vitaly Dodin è arrivato a dire che nell’ultimo anno i lavoratori ucraini sono stati attaccati su due fronti: dalle forze russe e dalle loro stesse autorità.

Dudin, che è a capo dell’organizzazione di sinistra Sutyalny Rukh e lavora come avvocato pro-sindacale (non retribuito), afferma che il governo di Zelensky ha cercato di liberalizzare il diritto del lavoro per diversi anni, ma è stato fermato dalla pressione popolare . Fino all’invasione all’inizio dell’anno scorso.

– Poi le cose sono cambiate radicalmente. Dodin dice che è diventato molto difficile opporsi alle riforme.

Si ritiene che i politici stiano sfruttando la guerra per liberalizzare la legge sulla vita lavorativa con il pretesto che tali riforme andranno a beneficio dell’economia colpita dalla crisi.

READ  Un ragazzo (18) viene dimesso dall'ospedale. Ora parla pubblicamente dopo l'incontro russo

riforme belliche

Avanti veloce di un anno. La guerra è ancora in corso, milioni di ucraini hanno perso il lavoro e molti di coloro che lavorano con contratti a somma zero potrebbero aver subito forti tagli salariali e correre il rischio di essere licenziati durante le assenze per malattia e le ferie.

Le modifiche alla legge dal marzo dello scorso anno consentono, tra l’altro, ai datori di lavoro delle piccole e medie imprese di sospendere i contratti collettivi, aumentare l’orario di lavoro settimanale e licenziare i dipendenti senza giusta causa. Inoltre, lo stato ha maggiori possibilità di confiscare i beni dei sindacati.

Sia l’Organizzazione internazionale del lavoro che l’Unione europea hanno criticato le riforme. In un documento del Consiglio d’Europa si affermava che le riforme avevano per lo più portato a un “peggioramento delle condizioni di lavoro”.

Le riforme non hanno migliorato la situazione. Dudin dice e continua che i datori di lavoro li usano solo per risparmiare denaro e massimizzare i profitti.

– Trasferiscono tutti i costi della crisi ai propri dipendenti.

Le modifiche alla legge dovrebbero continuare mentre la guerra continua, ma molti temono che saranno estese anche dopo la fine della guerra.

Dodin vede uno sviluppo in cui la consapevolezza dei propri diritti da parte dei lavoratori si sta gradualmente indebolendo. Sentono che non c’è spazio per i datori di lavoro di contestarli, anche se molti dei loro diritti sono ancora teoricamente protetti dalla costituzione e dal diritto del lavoro dell’Ucraina.

– Ma temiamo che la nostra istituzione proverà ad abolire completamente il diritto del lavoro ea sostituirlo con uno più liberale.

Dodin ritiene che ciò non sia realmente accaduto perché le autorità vogliono evitare la condanna dei sindacati internazionali e degli organi dell’UE.

READ  Il designer è stato influenzato dalla reazione della famiglia

Sindacati in guerra

Dallo scoppio della guerra, le decisioni politiche sono state prese a porte chiuse e non c’è spazio per l’influenza da parte dei sindacati. Ma questo non significa che i sindacati siano diventati meno importanti durante la guerra.

Ora i sindacati sono in prima linea. Lavorano per garantire aiuti umanitari e rifornimenti ai membri che combattono nella guerra e agli sfollati interni.

Attualmente, dice Dodin, a questo compito viene data la massima priorità. Spera che gli sforzi dei sindacati ora possano dare loro ulteriore leva per influenzare gli sviluppi politici in futuro.

– Dice che le persone che sono nell’esercito e proteggono il nostro paese e sono ancora membri possono legittimare i sindacati, aggiungendo che milioni di persone sono ancora affiliate ai sindacati.

Inoltre, la maggior parte dei sindacalisti opera in settori di rilevanza sociale come le ferrovie, la sanità e l’energia.

Si può dire che i sindacati sono la più grande organizzazione civile che aiuta ad alleviare i fardelli della guerra aiutando la gente comune e contribuendo alle operazioni militari. Pertanto, hanno il pieno diritto morale di partecipare al processo decisionale.

Spazio al pensiero critico

Oltre a lavorare per sostenere i membri direttamente colpiti dalla guerra, lavorare per informare ed educare i lavoratori sui loro diritti e sulla lotta, continuano a lottare per la protezione dei diritti dei lavoratori quando la società sarà ricostruita.

Ma le persone hanno l’energia per pensare al futuro quando sono nel bel mezzo della guerra?

Duden non è sicuro.

– Grazie alle coraggiose forze armate ucraine, le persone ora si sentono relativamente al sicuro, quindi hanno un eccesso di pensiero critico. Dice che la questione della sopravvivenza non è così acuta come lo era un anno fa.

READ  Elleville Ski Party: nessuno l'ha trovato

– Ma la comunità è ancora sotto shock, quindi non vedo molto entusiasmo. Le persone sono stanche di tutte le crisi e gli shock dell’anno passato. La gente continuerà a difendere il Paese, ma non so se è pronta a parlare del futuro.

legati all’Unione Sovietica

Mancano pochi giorni al 1° maggio quando Doden parlerà con ClassCampen. Lo stesso giorno, Sotialny Rukh terrà un seminario con dirigenti sindacali, esponenti di sinistra e studiosi.

Scambieranno esperienze dopo un anno di guerra totale e discuteranno su come rendere l’Ucraina un paese più democratico e socialista in futuro. Dodin afferma che la cooperazione internazionale sarà importante. Lo stesso vale per l’integrazione europea, poiché molte delle nuove leggi contraddicono le direttive dell’UE.

Ma per molti ucraini, la Giornata internazionale della lotta operaia è diventata una giornata piuttosto ordinaria.

Dodin sottolinea che molte persone in Ucraina associano fortemente il 1° maggio all’Unione Sovietica.

Per questo ha invitato gli europei che scenderanno in piazza lunedì:

– Credo che se più persone in diversi paesi europei portassero striscioni e slogan a sostegno dell’Ucraina sui treni del 1 maggio, allora più ucraini cambierebbero atteggiamento nei confronti di questa giornata. Dice che si tratta di solidarietà.

Come molti attivisti di sinistra con cui Classcampen ha parlato nell’ultimo anno, Dodin teme che l’indebolimento dei diritti sociali in Ucraina crei le basi per disordini sociali, sfiducia e instabilità, in un momento in cui le persone devono stare insieme contro qualsiasi estraneo. il nemico.

Le lotte di classe non scompaiono in tempo di guerra. Alcuni di loro stanno addirittura crescendo a causa di irragionevoli riforme neoliberiste, conclude l’avvocato sindacalista.