Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sia gli israeliani che i palestinesi abbracciano il liquore

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in Finansavisen Premium

– Non voglio menzionare i nomi, ma in un locale classico a Bar Oslo, sono stato accolto con piante “beh, è ​​israeliano” e un po ‘come gli occhi neri, la sensazione che senti che non c’è volontà o interesse andare avanti e capire Bellissimo Rapidamente ciò che tutto ruota intorno.

Toby o no essere ..

Anche Nord Redingen ha sede a Oslo, lontano dalle zone di conflitto del Medio Oriente. Qui lui e il suo socio Olav Gjertsen Ørum gestiscono una piccola azienda di importazione che distribuisce Tubi 60 vini israeliani in Norvegia. Viene servito in numerosi bar a Oslo e in altre città e viene venduto a Vinmonopolet.

Tubi 60 è una bevanda amara e acida, non filtrata e di colore giallo scuro. La ricetta è classificata, ma tra i tanti ingredienti troviamo zenzero, limone e altri agrumi, erbe aromatiche e spezie come anice, noce moscata, zafferano, menta e cumino. È a basso contenuto di zucchero – sei grammi per litro – ed è vegano e senza glutine. L’alcol è prodotto dal mais ed è, per citarne alcuni, certificato Kosher.

Il liquore è avvolto in alcuni miti come il fatto che dia più piacevole euforia e che si eviti un consumo eccessivo di alcol, ma questo non è del tutto vero.

– Si sono sistemati un po ‘come una bevanda gratuita per i postumi di una sbornia. Ovviamente non lo è, ma ha il vantaggio di essere prodotto con questi ingredienti, dice Redningen.

Da Israele alla Norvegia: anche Nord Rydningen e il suo partner Olav Gjertsen Ørum importano e distribuiscono il liquore israeliano Tubi 60 in Norvegia. Foto: privato

Compatibile con Toddy

Tubi 60 ben si adatta al bere al bar, sulla neve, ma può essere utilizzato anche in sprinkles, con tonic o in altri contesti di cocktail. Anche il caldo Tubi toddy non dovrebbe essere disprezzato nel freddo dell’inverno.

Poiché il prodotto è israeliano, è per definizione controverso, almeno qui in Norvegia, dove la tradizione del boicottaggio delle merci israeliane è forte.

Incarna la condanna legale di alcune azioni israeliane in Norvegia con una diffusa posizione anti-israeliana. Penso che molti norvegesi, quando vedono la bandiera israeliana, provino un senso di imbarazzo. Come dice lui, devo ammetterlo, anch’io mi piace.

Il prodotto Tubi 60 stesso dovrebbe rimanere non controverso. Realizzato dai fratelli israeliani Hilal Winai Tobi di Haifa, la città in cui ebrei e arabi vivono in una convivenza relativamente normale. Le origini dei residenti della città sono tanto diverse quanto antiche, e Haifa non è politicamente controversa come Gerusalemme, la Cisgiordania e le alture del Golan.

Ma come ha avuto Redningen la notizia di Toby?

Hebron Monitor

Nel 2015, io e migliaia di osservatori eravamo in una forza guidata dalla Norvegia chiamata Presenza internazionale temporanea a Hebron (TIPH), dove abbiamo segnalato violazioni dei diritti umani. Ero lì in virtù di parlare arabo dopo aver studiato a Damasco e aver svolto ricerche sul campo in Siria, ha detto.

Hebron è sempre stata il centro economico della Cisgiordania, ma oggi è isolata, conservatrice e difficile da vivere. Molti hanno fatto un sacco di soldi lì, ma ci sono anche molti che vivono in condizioni miserabili.

– L ‘”Arabia tribale” si afferma con i vincoli di lealtà, doveri e restrizioni che impone all’individuo, e poi arriva l’afflusso di alcuni dei segmenti più controversi della popolazione ebraica, la popolazione israeliana e la cosiddetta ” coloni “. Questi sono estremisti in molti dei loro punti di vista. Abbiamo dovuto allontanarci. Quanta più pressione possibile a Hebron, ea Gerusalemme, che è anche una città molto colpita dal conflitto, siamo finiti in una specie di club sotterraneo chiamato Uganda, dove ci sono criminali e convertiti israeliani e palestinesi, la parte liberale e poco rinforzata della società israeliana, si è bloccata. Toby … Pensavamo che le gomme fossero piene, fredde e generose, un bel spazio per respirare in situazioni di stress, lui dice.

Ho avuto un assaggio a Gerusalemme

Produttori: Hilal e Yanni Toby.  Foto: Tubi 60

Produttori: Hilal e Yanni Toby. Foto: Tubi 60

Abbiamo chiamato i due fratelli, Toby, che hanno un piccolo impianto di produzione ad Haifa, una città liberale con una grande popolazione di ebrei arabi e israeliani, lontano dal problema degli insediamenti israeliani illegali. Credo che sia consentito condurre affari entro i legittimi confini nazionali. Questo era anche un ambiente di cui ci siamo subito innamorati e volevamo relazionarci con lei, sostenerla e fare qualcosa di divertente nella sua estensione.

Sia Evin di lingua araba che il suo partner Olaf, che parla sia arabo che ebraico, hanno familiarità con la cultura levantina dopo molti anni in Medio Oriente e conoscono la regione nel bene e nel male.

In Israele, molte culture si incontrano e questo rende il cibo israeliano all’interno dell’Inferno eccitante, tra le altre cose. Hanno tutti i requisiti di base per l’innovazione, per promuovere una buona cultura del cibo. Contiene ottimi ingredienti, viene esposto ai costanti raggi del sole mediterraneo e ha buone temperature. Redningen dice che un sacco di cibo arabo generoso e buono è la base, ma con alcune grandi influenze dall’Occidente e dal resto del mondo.

– Hai una tradizione alimentare davvero orgogliosa e molto interessante. Nell’Arabia preislamica, molto ruotava intorno alla poesia, alla convivenza, alla sessualità, alla cultura del bere, all’ubriachezza, alle feste e ad una vita stravagante. Questa eredità non è morta, ma è stata sottoposta a vari processi. C’è molta creatività, creatività, gioia di vivere e atteggiamenti liberali nel mondo arabo come in quello israeliano.

The Israeli Spirit: Tobi è una bevanda amara e aspra, non raffinata, con un colore intenso.  Foto: Kathryn Loeffler

The Israeli Spirit: Tobi è una bevanda amara e aspra, non raffinata, con un colore intenso. Foto: Kathryn Loeffler

Impara a conoscere la cultura

Da questo punto di vista Tubi 60 risulta essere un ottimo prodotto. Sia i fratelli Toby che i loro rappresentanti norvegesi conoscono bene la cultura e gli aspetti del conflitto, ma è difficile assumere una posizione empiricamente neutra come loro?

Può essere criticato giustamente perché è il metodo più semplice. È fin troppo facile dire che la cooperazione, lo scambio di opinioni, l’impegno finanziario e la dipendenza costruiscono la pace e mantengono le relazioni – e lo sono. Poi c’è la questione se sia necessaria una lozione più forte quando si tratta di Israele e Palestina. Ci sono anche buoni argomenti per questo. Direi che il punto di vista più difficile è dire chiaramente sì, o prima di tutto no, collaborare, e dire che ha bisogno di una lozione molto più forte; Sanzioni, sanzioni ed espulsioni.

– Nelson Mandela è stato molto chiaro sul fatto che il boicottaggio di (Sud Africa dell’apartheid, Gazette. Nota) è stato un fattore decisivo. Bisogna pensare se si pensa che la situazione sia simile in Israele, e ci sono ovvie somiglianze quando uno stato concede diritti speciali a una parte della popolazione, così come la mancanza di diritti per l’altra, dice Reidningen.

– Ma importi alcol e non sei un politico.

No, non lo siamo, ma abbiamo qualche minaccia che tutti noi, come individui, uomini d’affari o politici, abbiamo una responsabilità estesa. Voglio assumermi un’ampia responsabilità e assicurarmi che l’intera catena del valore sia giocata su una squadra e che lavoriamo insieme. Penso che questo sia assolutamente vero e del tutto ragionevole, così come le aziende oggi sono costrette a prendere la sostenibilità nel senso più ampio del termine, basandola al centro del proprio business. La nostra azienda dovrebbe fare lo stesso e noi dobbiamo assumere una posizione etica. Quello che facciamo come azienda è impegnato e offre opportunità. Produciamo solo vini, ma amiamo i ragazzi Toby e quello che fanno. Anche se siamo piccoli, potrebbe avere qualche effetto quando racconteremo questa storia.

Boicottaggio e divieto

Non è un segreto che gran parte dell’assenzio domestico bruciato male e del gin e dell’assenzio che creano dipendenza sono stati bevuti con conseguenze disastrose nel corso degli anni. Ma ci sono anche esempi di alcolici e produttori di birra che finiscono in condizioni meteorologiche avverse per ragioni completamente diverse rispetto agli effetti nocivi dell’alcol.

Ecco alcuni assaggi:

– Negli Stati Uniti durante l’era McCarthy, si sparse la voce che il produttore di vodka Smirnov fosse un sovietico. Un gruppo di baristi di New York iniziò il boicottaggio, nonostante il fatto che Smirnoff fosse nato a Bethel, nel Connecticut nel 1934, anche se dopo che il fondatore Rudolph Konet ottenne la ricetta dalla famiglia Smirnoff che fu esiliata dalla Russia. Smirnov è riuscito a resistere alla tempesta e in diverse occasioni ha affermato che la compagnia è americana. Nell’estate del 2017, Smirnov ha scelto di prendere in giro Donald Trump e “Russiagate” in una campagna pubblicitaria della metropolitana di New York: “Made in America, ma saremmo felici di parlare delle nostre relazioni con la Russia sotto giuramento”.

Nel 1996, un gruppo di irlandesi americani ha chiesto il boicottaggio della fabbrica di whisky Bushmills nell’Irlanda del Nord, citando un rapporto secondo cui solo il dieci per cento dei dipendenti della distilleria erano cattolici. Hanno anche ricevuto sostegno dal sindaco di San Francisco Willie Brown, che era di fronte ai giornalisti mentre versava una bottiglia di Bushmills in un catino. Un portavoce di Bushmills ha spiegato che la società apparentemente non ha permesso ai suoi dipendenti di sottoporsi a controlli religiosi e il boicottaggio non ha avuto alcun effetto sulle vendite di whisky, che inizialmente erano basse negli Stati Uniti.

* Nel 2012, l’Idaho State Liquor Department (ISDL) ha vietato la vendita della vodka dello Utah’s Five Wives sulla base del fatto che era un affronto agli enormi residenti mormoni dello stato. Il poster mostrava una foto di cinque donne (originariamente una compagnia teatrale di vaudeville) che indossavano mormoni che indossavano le loro gonne. L’ISDL ha ritirato il divieto quando il produttore, Ogden’s Own Distillery, ha minacciato un’azione legale.

* Il produttore polacco di alcolici Bartex Bartol ha avuto problemi nel Regno Unito quando ha lanciato una bottiglia di vodka dell’Armata Rossa a forma di AK47, consegnata in un pacchetto regalo con una granata di vetro e sei bicchierini. La confezione era presumibilmente collegata strettamente a “comportamenti violenti, aggressivi, pericolosi e antisociali” e la vodka dell’Armata Rossa è stata vietata in Inghilterra dal 2014.

* Il birrificio americano Anheuser-Busch fu sottoposto a un tentativo di boicottaggio da parte dei sostenitori di Donald Trump dopo aver lanciato uno spot per Budweiser, in cui uno dei fondatori dell’azienda, Adolphus Busch, arrivò in America negli anni ’50 dell’Ottocento e fu accolto con espressioni di risentimento e xenofobia. Il film è stato mostrato durante la finale del Super Bowl, sulla scia del divieto di Trump ai musulmani nel gennaio 2017, ed è stato visto come una critica del controverso divieto di ingresso, che non era chiaro, da quando era iniziato un anno fa. Twitter è diventato comunque un’arena per un boicottaggio potenzialmente fallimentare, ma un hashtag con errori di ortografia – #boycottbudwiser – ha rovinato la campagna una volta per tutte. Ovviamente, se non fossi in grado di scrivere il nome della marca di birra più popolare in America, non farebbe miracoli per la credibilità.

* Nel gennaio 2020, Vinmonopolet ha vietato il vino francese naturale Sorgasme del famoso produttore La Sorga. Il motivo era il poster che mostrava una donna che scriveva con un’uva davanti all’inguine e gli avvocati della polizia hanno raccomandato di non metterlo in vendita e ordinare in quanto potrebbe aver violato la legge sul marketing. Così il vino veniva restituito all’importatore che vendeva le bottiglie che portava nei tanti ristoranti.

* In effetti, non ci sono state molte polemiche sull’amaro Cynar italiano, ma nel recente film di Netflix La meravigliosa storia di Rose Island È presente in modo prominente? In breve, il film racconta la vera storia dell’Isola delle Rose, una piattaforma che l’italiano Giorgio Rosa costruì nel 1967 fuori Rimini, dichiarò uno stato indipendente nel 1968 e fu fatta saltare in aria dalla Guardia Costiera italiana nel 1969. Un’isola più che altro – con l’esperanto come lingua ufficiale e come valuta. Chiamato Milo – ero in grande contrasto con le rivolte giovanili dell’epoca in altre parti del mondo. Quale ruolo abbia effettivamente svolto Cinar per Rose Island non è chiaro. L’attore Ernesto Calendre ha affrontato una campagna pubblicitaria con lo slogan “Contro il logorio della vita moderna”, che è un buon esempio di ciò che anche l’isola di Roses ha cercato di essere.

READ  - Relativo alla qualità della vita - E24