Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Sono così grato. Ma!! Perché ho bisogno di muovermi così tanto?

Salute Norvegia centrale

Mi sono ammalato. Malattia acuta; Un elicottero mi ha portato al St. Olaf Hospital. C’era un dottore a bordo. Abbiamo fatto un patto. Quando mi accarezzavo la spalla dovevo mostrare il pollice su o giù. Questo elicottero si è schiantato e ho preso i tappi per le orecchie. Mi ha dato un sedativo. è stato bello. Poi mi ha accoltellato, non andava bene.

In ospedale c’erano molte persone in abiti verdi che mi aspettavano.

Mi hanno trattato per 5 ore. Ho preso il mio sangue, plasma sanguigno e un sacco di altre cose strane da borse appese a un supporto. Nella nebbia per alleviare il dolore, ho contato 7 borse e avevo gli strumenti legati ovunque sul mio corpo.

Poi sono stato mandato in osservazione. Rimasi lì per alcune ore mentre ero accudito da donne amichevoli vestite di bianco. Erano lì tutto il tempo. può parlarmi. Bello.

Poche ore dopo fui trasferito in un nuovo posto di osservazione. Lì tutte le uova erano molto occupate.

“Presto dovrai andare a letto”, dissero. Pensavo di essere sul letto.

Il giorno dopo sono arrivato alla posta del letto. Camera molto spaziosa. Oltre a me e al letto, era pieno di vecchi mobili e ogni sorta di leccornie. Una scrivania con un computer su cui le donne in bianco scrivevano diligentemente.

Colpi

Poi è arrivata la visita. È facile riconoscerlo perché ci sono i medici. Sapete medici che indossano uniformi, indossano camici bianchi. Perchè non lo so. Forse perché vogliono sapere di nuovo?

-E qui le cose stanno andando bene? chiese un uomo adulto in giacca a vento. Ha parlato mentre i capitani di volo parlavano di quando decollare o atterrare. La sicurezza esulta.

Prima che potessi rispondere, mi disse che appartenevo già all’ospedale di Orkanger ma non vedeva un motivo per portarmi lì. Poi se ne andò. Ho trovato pace nel mio quarto reparto. Posso restare per un po’.

READ  Cultura e Spettacolo, Consulenza Biblioteca | - Le casalinghe norvegesi non erano un gruppo di donne pigre che bevevano caffè e parlavano pettegolezzi tutto il giorno

Due ore dopo bussarono alla porta del magazzino ed entrarono due sorridenti autisti di un’ambulanza.

– Ora ti porteremo all’ospedale di Orkanger, disse l’uomo allegro.

Sulla strada per l’Orkanger, ho chiesto se potevano accendere le sirene e le luci blu. Non potevano.

Accanto a me sedeva una donna sorridente in allegri abiti rossi, che mi dava ossigeno e mi misurava la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Mi sono sentito in buone mani.

Sono stato ricevuto all’ospedale di Orkanger come un re su una branda. Donne in bianco si dondolavano, mi pugnalavano e mi strappavano il cuore. C’erano ancora piccoli strumenti appesi intorno al mio corpo. Questi erano legati a sacchi appesi in alto. Dalle borse, un liquido gocciola dentro di me. Che tipo di liquido, non lo so.

In un bel venerdì caldo, arrivò la visita. Due donne in camice bianco. Hanno sorriso e mi hanno detto che qui, nella mia bella stanza con bagno e TV, avrei dovuto restare. Almeno fino a lunedì.

Calma calma.

Non sapevo cosa sarebbe successo dopo lunedì. Ho soppresso i miei pensieri sul futuro e mi sono goduto la mia bella camera, la vista e le simpatiche signore in bianco. Fuori dalla mia finestra, la vecchia linea ferroviaria di Tamchamen tremava. In TV era pieno di emozionanti partite di calcio.

Una camera con vista

Domenica sera, dopo che RBK non ha mai più vinto una partita di calcio, una signora sorridente è entrata nella mia bella stanza e mi ha detto una cosa imbarazzante che dovevo lasciare la stanza.

Sono stato portato fuori e posizionato strategicamente fuori dagli ascensori. Eccoti avvolto in un pannello dello schermo. I pannelli dello schermo non consentono l’accesso a chi ha meno di 1,60 cm. Quelli in alto possono dare un’occhiata alle assi mentre sono sdraiato lì.

READ  Il caffè può farti sembrare più giovane?

Hanno messo un campanellino sul comodino.

-Puoi chiamarlo se hai bisogno di aiuto, dissero e andarono nella stanza della guardia a 20 metri in fondo al corridoio.

Mi avvolsi nella trapunta e mi sdraiai per dormire al dolce suono delle porte degli ascensori che rimbombavano su e giù, degli ascensori che rimbombavano su e giù e delle persone chiacchierone che passavano. Era come una musica acida nelle mie orecchie.

Il 06 ho rinunciato. Poi era appena passata davanti a un carro che sferragliava Dio sa cosa.

Ho fatto colazione e ho preso le medicine. Sono state misurate la frequenza cardiaca, la temperatura e la pressione sanguigna ed è stato prelevato un campione di sangue. Tutto è meticolosamente fatto da belle donne.

Al St. Olaf’s Hospital, mi hanno messo una girella sulla coscia. Adesso se ne stava andando.

Mi sono abbassato i pantaloni e un’infermiera carina e sorridente ha tirato fuori la bambola. Non ha fatto male. I passanti avevano posti per l’orchestra. Ero nel seminterrato. Non molte persone in così poco tempo sono state in grado di vedere la zona inguinale. onore.

Ora sono in convalescenza a casa mia, Freya. Ho la mia stanza con bagno e TV. Tutti intorno a me sono gentili e disponibili. Ricevo cibo e medicine. Viene misurata la pressione sanguigna. Anche il polso e la temperatura.

Ieri ero in gita in bicicletta. Sono stato messo davanti a un triciclo elettrico. Accanto a me sedeva Malin, una giovane donna sorridente e allegra. Mi avrebbe tenuto la mano se avessi avuto paura.

Ho mentito e ho detto che avevo paura. Poi ho avuto la “mano e tieni duro”

Poi abbiamo accelerato. Vento estivo tra i capelli. Il gusto della libertà. Aina, la donna al volante, credette. Su e giù. Entrambi i giovani avevano capito che l’uomo consiste di un corpo e di un’anima. Il mio corpo è stato guarito professionalmente. Ora stanno andando a guarire la mia anima. l’hanno fatto. Soprattutto, il loro cliente, il comune di Freya, ha dato loro l’opportunità di farlo.

READ  Visione 2050 Estate 2021

La prima visita che ho incontrato qui non è passata per un cappotto e mi hanno chiesto quanto tempo voglio restare.

Per la prima volta mi sento al sicuro. Siate certi che rimarrò finché non sarò abbastanza sano da tornare a casa.

deduttivo

Sono così grato che Health Central Norway mi abbia salvato la vita e ringrazio umilmente tutte queste fantastiche persone che hanno contribuito a questo. Grazie mille.

uomini!!

Perché ho bisogno di muovermi così tanto?

Perché ho dovuto passare la notte fuori dagli ascensori?

Perché nessuno ha avuto il tempo di parlare con me?

Politici: predi infermieri e altri professionisti della salute. Nessuno di quelli che sono venuti nella mia stanza aveva raggiunto i trent’anni. Dove sono tutti più di trent’anni? Nessuno può sopportare a lungo un lavoro del genere. C’è carenza di infermieri in Norvegia. Certo che possiamo imparare di più, ma penso che sarà più efficace e si prenderà cura di chi abbiamo. Quindi offrire agli infermieri e agli operatori sanitari migliori condizioni di lavoro e salari migliori.

Siete manager con milioni di dollari incaricati di organizzare il sistema sanitario, non fate il vostro lavoro e non spiegate questo viaggio al mio sistema sanitario con una vacanza. Le vacanze estive arrivano ogni anno.

Tu che lavori con i pazienti stai facendo un lavoro straordinario. I manager non stanno facendo il loro lavoro.

Gentile Direttore/i Sanitario/i:

Una volta parcheggiata la tua Tesla nel doppio garage e seduto su una sedia comoda, pensa che potresti ammalarti gravemente. Allora devi fare il mio stesso viaggio… o dovresti?

Kjell Oscar Olsen, Sola