venerdì, Giugno 14, 2024

Sostiene che nessuno difende Rykdal, sono preoccupato per mio padre

Must read

Graziella Allesi
Graziella Allesi
"Pioniere della cultura pop impenitente. Piantagrane freelance. Guru del cibo. Fanatico dell'alcol. Giocatore. Esploratore. Pensatore."

“Per quanto tempo pensi che tuo padre allenerà l’RBK, tutti dicono che sarà licenziato”

“Forse la prima classe a Rosenborg adesso…”

“Il tuo povero padre…0-1”

Questo è solo un estratto dei messaggi che Sofie Rekdal riceve tramite il servizio anonimo Tellonym, che si trova su Snapchat.

“Quando entri per la prima volta, ci sono opinioni forti”, dice a TV 2.

La figlia di Kjetil Rekdal, Sophie, vive a Molde con il suo partner Kristoffer Haugen e la loro figlia di sei settimane.

Calcio e vita: il compagno di Sophie, Christopher Haugen, gioca per la sua nascita. Foto: privato.

Con una ragazza che gioca per i campioni dello scorso anno e un padre che è uno degli allenatori più chiacchierati del paese, il calcio e la vita sono strettamente intrecciati.

Condivide scorci di questo con i suoi 5.800 follower su Instagram e 7.300 follower su Snapchat. E quando si tratta di suo padre, anche Sophie lo sente.

Critico anonimo: Sophie riceve molte lettere e domande sulla carriera di allenatore di suo padre.

Critico anonimo: Sophie riceve molte lettere e domande sulla carriera di allenatore di suo padre.

Un estratto dai messaggi che Sofie riceve su Tellonym.

Un estratto dai messaggi che Sofie riceve su Tellonym.

Un estratto dai messaggi che Sofie riceve su Tellonym.

Un estratto dai messaggi che Sofie riceve su Tellonym.

– Ora ci sono molti che gli si oppongono

Dopo un inizio di stagione non all’altezza delle aspettative del Rosenborg, sono stati in molti a criticare Kjetil Rekdal. Quando le cose ruotano attorno a suo padre, Sophie lo nota in qualcosa di più della sua casella di posta.

– Sono un po’ preoccupato. Preoccupato che il padre perda il lavoro, perché sta facendo del suo meglio. Abi ama il suo lavoro e ama fare l’allenatore al Rosenborg.

Si permette anche di preoccuparsi che le persone passino tempo e sforzi a scriverle lettere negative sulla professione di suo padre.

– Comincio a chiedermi a cosa serva. Forse è più facile raggiungere me che mio padre, e poiché rispondo a gran parte di ciò che viene inviato, è più facile ottenere una risposta.

– Non mi è mai venuto in mente di dire quello che mi scrivono, a lui.

Tuttavia, ciò che sente non è la sua più grande preoccupazione. In tempi difficili, Sophie sente un forte bisogno di difendere suo padre, cosa che crede che il club non abbia sempre fatto.

– Ora ci sono molti che gli si oppongono. L’ho chiamato diverse volte e gli ho chiesto se stava bene.

In piedi da solo nella tempesta. Non c’è nessuno che esca e lo sostenga.

E mercoledì sera è diventato chiaro che Ketel Rykdal avrebbe continuato la sua formazione a Rosenborg. Poi lo stesso coinquilino ha raccontato come erano stati gli ultimi giorni.

– È così da quando sono qui. È stata una corsa sfrenata fin dal primo giorno. Indipendentemente dal fatto che le cose stiano andando bene o male, ha detto Rekdal a TV 2.

– L’anno scorso abbiamo vinto molte partite. Quindi è stata fatta la stessa cosa, ma in un modo leggermente diverso. Questo è il prezzo per essere l’allenatore del Rosenborg.

Invia contanti

In tempi in cui si concentra così tanto su papà e calcio, è difficile evitare di attirare critiche. Non solo perché viene veicolato dai media, ma perché riceve esso stesso i messaggi.

– Non mi siedo freneticamente a leggere Nidaros e Adressa. Non riesco a evitare le critiche perché le persone me le inviano direttamente.

Oltre ai messaggi sulla professione del padre, molte persone inviano anche domande sul partner Christopher Haugen, recentemente tornato da un infortunio.

Un estratto dalle lettere che Sophie riceve sulla sua coinquilina.  Immagine: schermata.

Un estratto dalle lettere che Sophie riceve sulla sua coinquilina. Immagine: schermata.

Le lettere che Sophie ha ricevuto sul suo compagno, Christopher Haugen.

Le lettere che Sophie ha ricevuto sul suo partner, Christopher Haugen.

Sentendo ciò che gli altri pensano dei successi di un padre o di un partner, Sophie descrive come una “relazione di amore/odio”. Mentre sente cosa pensa la gente, si arrabbia quando sente opinioni negative su coloro che ama.

Hai individuato un episodio in particolare che ricordi bene.

– Quando avevo 16 anni e i miei genitori sono stati licenziati ad Ålesund, ho ricevuto 200 lettere. Non me l’aspettavo, è stato come un fulmine a ciel sereno. Ho chiamato e chiamato e non ho ricevuto risposta da papà. Poi avrei dovuto difenderlo senza sapere cosa fosse successo.

– Fortunatamente, ci sono molte persone simpatiche che trovano strano che io risponda. Chi è nel consiglio decide, non io. Vivo a Molde, ma devo ancora difendere quello che sta facendo a Rosenborg.

Non ha tempo per inviare un messaggio

Quando TV 2 parla al telefono con Sofie Rekdal, mancano solo poche ore alla riunione del consiglio a Rosenborg, dove si discuterà del futuro di Kjetil Rekdal. Poi Sophie ha detto di aver parlato con suo padre di recente.

– Ho parlato con lui non molto tempo fa. Chiama ad alta voce e con insistenza per vedere suo nipote su videocassetta. Ecco, è un po’ debole.

Nel vento: sta martellando intorno a Kjetil Rekdal.  Foto: Karina Johansen/NTB

Nel vento: sta martellando intorno a Kjetil Rekdal. Foto: Karina Johansen/NTB

Per Sophie, è difficile non formarsi un’opinione su quello che sta succedendo a Barakah.

– Credo che non importa se mio padre se ne va, non ci sarà alcun cambiamento, e penso che anche il consiglio di amministrazione lo sappia.

Il consiglio di amministrazione ha preso una decisione mercoledì sera e Kjetil Rekdal continua ad allenare il Rosenborg. Non è stata una sorpresa per Sophie, anche se ammette che l’attesa può essere snervante.

– Sono stato calmo tutto il giorno, ma l’ho sentito un po’ prima di prendere la decisione. Mio padre non fa in tempo a mandarmi un messaggio prima che i giornalisti gli dicano di morire.

– Gli ho appena inviato un messaggio, dove ho scritto: “You rock” e ho aggiunto una stella.

READ  Pep Guardiola, Manchester City | Rabbia per le azioni di Pep Guardiola: - Vergognoso

More articles

Latest article