Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

spazio pubblico? No, la stanza di Mark – Dajsavisen

Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha ora dichiarato di voler limitare la quantità di contenuti politici sulla piattaforma. Viene sulla scia del maltempo intorno al cosiddetto platforming, cioè per fornire una piattaforma per opinioni e dichiarazioni controverse, da parte di gruppi di estrema destra che hanno preso d’assalto Capitol Hill il 6 gennaio di quest’anno.

Leggi anche: “La politica internazionale è sempre più sul conflitto tra Stati Uniti e Cina”

Costruire una società democratica richiede la creazione di nuove piattaforme di media digitali.

Invece degli attuali modelli di business, in cui la raccolta e il mining di big data vengono utilizzati per fornirci annunci. Possiamo gettare le basi per nuove forme di comunicazione, la distribuzione di conoscenze e informazioni, nonché maggiori opportunità di raccogliere e partecipare a discussioni pubbliche. Cioè, non limitare le opportunità di partecipazione. I giganti della tecnologia non possono e non dovrebbero essere gli unici a fornirlo.

Nel 2020, Facebook ha chiuso diversi gruppi legati al movimento antirazzista non organizzato contro il razzismo. Se Zuckerberg e la banda devono diventare più duri, probabilmente influenzerà importanti voci critiche che sfidano lo status quo. Con la massiccia disuguaglianza globale, il collasso degli ecosistemi e l’aumento delle emissioni di gas serra, i dibattiti su politiche e istituzioni che portano questi problemi nella direzione sbagliata sono fondamentali.

Leggi anche: Quando Twitter prenderà il controllo dell’uomo più potente del mondo, cos’altro possono decidere?

È un grosso problema democratico se sarà Mark Zuckerberg a dettare le opinioni politiche, forse ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, o se vale la pena dare una piattaforma. Questo è un momento in cui la maggior parte delle discussioni pubbliche deve avvenire specificamente tramite queste piattaforme, poiché la Corona significa che le discussioni non possono avvenire tra le persone, ma piuttosto su piattaforme digitali. Queste piattaforme sono particolarmente importanti per raggiungere coloro che non cercano altre regioni per l’analisi politica.

READ  Recensione: Maria Dorothea Schrattenholz, "Protosjel"

I messaggi politici dovrebbero raggiungere anche coloro che non li cercano attivamente. Proprio perché facciamo tutti parte di una democrazia.

Queste piattaforme sono trattate come i nostri spazi pubblici. Ma qui vediamo che non lo sono. Facebook e Instagram sono proprio le stanze private di Mark Zuckerberg.

Leggi anche: Il capo di Facebook teme disordini dopo le elezioni

Che l’amministrazione di Facebook abbia questo tipo di potere per poter decidere cosa è accettabile nel dibattito pubblico è insostenibile. Anche qui è importante notare che gli algoritmi della piattaforma controllano effettivamente il dibattito. Non di per sé, ma perché gli algoritmi sono progettati per facilitare questo, oltre ad essere alimentati con dati che garantiscono questa evoluzione. È un dibattito in sé come questo dovrebbe essere regolato.

Continuiamo invece ad appianare le ultime proposte di Zuckerberg.

La decisione di Twitter di rimuovere Donald Trump è stata certamente corretta, anche se molti potrebbero aver provato una certa felicità per la decisione. Tuttavia, la legittimità della decisione è discutibile. Chi rimuoverà le piattaforme la prossima volta? Il presidente democraticamente eletto della Bolivia?

O altre voci importanti in una lotta contro il sistema di cui beneficia lo stesso Zuckerberg?

Leggi anche: “Attenzione! Questo è sicuramente un caso per la polizia epidemica”.

Tutto si riduce alla questione di dove tracciare la linea in politica. È politica di partito? E la politica attraverso la cultura popolare? La politica è ovunque. Immagini di persone che puliscono la spiaggia. In nero le vie della solidarietà. O video di persone che lanciano scooter elettrici ad Acreselva.

READ  Petrolio e produzione di petrolio | Lan Marie Berg ha massacrato un rapporto sul petrolio che non hai letto

L’azione a cui Zuckerberg sta ora conducendo è un puro indebolimento della libertà di parola e della regolamentazione. Il diritto all’organizzazione e all’azione collettiva rafforza la democrazia. È una delle nostre libertà fondamentali.

Di fronte alle crisi globali e istituzionali e all’impotenza percepita, è essenziale preservare la libertà di associazione. Quando anche non è possibile ottenere un resoconto della decisione controllata, o presentare chi viene messo a tacere in tribunale, ciò desta ogni preoccupazione.

Leggi anche: “Sarà difficile vendere la facciata dopo che la loro bufala è stata smascherata per così tanto tempo”

Questa azione chiarisce che Facebook deve ora essere organizzata come una casa dei media, indipendentemente da ciò che Zuckerberg considera Facebook. Quando vuole ritirare completamente la politica, può anche essere visto come un disperato tentativo di non essere una casa dei media.

Niente politica, niente media house.

Questo è un altro argomento per rendere Facebook un servizio nelle mani del pubblico o per creare alternative pubbliche. Quindi, si possono prendere decisioni su che tipo di contenuto è una legge comune, che invece di persone benestanti che sono fuori dai guai, dovremmo trovare soluzioni che devono essere conformi alla forza della definizione.

Il vantaggio del settore pubblico è che possiamo ritenere responsabili gli attori della società. insieme.

Il think tank Common Wealth ha sostenuto la creazione di una sorta di BBC digitale. È proprio qui che dovrebbe svolgersi il dibattito in Norvegia. Se vogliamo democratizzare gli spazi pubblici e facilitare la libertà di espressione e organizzazione, dobbiamo anche sviluppare infrastrutture digitali pubbliche. È ora che discutiamo di una sorta di Facebook-NRK,

READ  Tredici persone nella stessa stanza hanno segnalato violazioni del controllo delle infezioni