Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sport, Calcio |  La vera scuola calcio italiana

Sport, Calcio | La vera scuola calcio italiana

L’italiano, che tra l’altro ha contribuito a vincere la Champions League nel 1994, ha messo da tempo sullo scaffale le sue scarpette da calcio.

Ora vuole ispirare i giovani talenti a seguire le sue orme.

Leggi anche: Thodesen ammirava la Scuola di Milano.

Allenatore per la prima volta

Ama chiaramente ispirare e insegnare i suoi trucchi.

– Non sono mai stato un allenatore prima, ma lo adoro. Dice: Ora che ho finito di giocare, è bello insegnare agli altri.

Carbone al momento non ha grandi progetti per intraprendere la carriera da allenatore.

– Non lo so bene. Il tempo lo dirà. “Ho saputo immedesimarmi nelle situazioni dei giocatori in campo e mi piace insegnare, ma vedremo”, dice.

Calcio locale: Puoi trovare tutto sul calcio locale qui.

Talenti

La Scuola di Milano è stata molto popolare negli ultimi anni e, con 62 partecipanti quest’anno, la scuola è piena di posti. L’interesse per il calcio è piuttosto vario, ma ci sono sicuramente talenti da tenere traccia.

– Ci sono tanti bravi giocatori qui, alcuni di loro hanno un vero talento. E’ molto diverso dall’Italia dove si punta di più sulla vittoria. Carbone dice che qui la scuola calcio è soprattutto divertimento.

Dice che concentrarsi principalmente sul divertimento non è necessariamente una cosa negativa, ma sottolinea l’importanza di mettere in risalto i nuovi talenti. Almeno italiano.

-Penso che seguire il talento sia molto emozionante ed è molto importante. “Basta guardare il campionato italiano”, dice “Ci sono molti club che non hanno abbastanza soldi, quindi molti di loro devono investire nel talento”.

READ  Camion ribaltabile Robin Olsen - Sporten.com

Henrik

Il clima fantastico durante tutta la settimana ha reso i due allenamenti giornalieri ancora più emozionanti per i partecipanti.

– È assolutamente fantastico e siamo molto contenti della scuola calcio di quest’anno. C’è una buona partecipazione e molti sono entusiasti, affermano Hosoi e Voinland, direttore sportivo dell’IFDA Geir Levorsen.

Secondo lui è davvero impressionante che possano nominare tre allenatori italiani, compreso un giocatore della Champions League.

– È molto bello che siamo riusciti a farlo. “È un piacere incredibile visitarli”, afferma Levorsen.