Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Starbucks si è ritirato dalla Russia. Ora un rapper pro Putin ha aperto un’alternativa.

I giganti americani lasciano la Russia. Ma è possibile sostituirlo? Sì, pensa agli uomini d’affari russi. Gli ultimi numeri mostrano come funziona l’economia russa.

Questo è il rapper Timati alla sua prima filiale in Stars Coffee, che ha fondato con il ristoratore Anton Pinskij.

A parte il fatto che sono tutti rotondi, non c’è nulla nel logo Stars Coffee che assomigli al logo Starbucks. Almeno questo è ciò che pensa il fondatore Anton Pinskij.

Ha portato con sé il rapper Timati e ha avviato una nuova catena di caffè, che si trasferirà nella vecchia sede di Starbucks in Russia. La società statunitense si è completamente ritirata dal Paese a maggio. Il motivo è la guerra del presidente Vladimir Putin contro l’Ucraina.

A sinistra: il logo Starbucks del 2008. A destra: il logo del Russian Stars Coffee.

Altri ristoranti apriranno questo autunno

Starbucks aveva quasi 2.000 dipendenti in 1.300 filiali in Russia. Secondo il rapporto, i dipendenti che hanno perso il lavoro saranno pagati fino all’autunno BBC. Giovedì Stars Coffee ha aperto la sua prima filiale nella capitale, Mosca. Altri saranno sbloccati in futuro.

Dal momento che Starbucks produce i propri prodotti, Stars Coffee deve trovare i suoi fornitori.

– Abbiamo appena trovato nuovi fornitori e stufe adatte. Timati dice secondo la BBC che i baristi hanno mescolato tutto bene, quindi abbiamo un prodotto che pensiamo sarà competitivo.

Starbucks ha scritto di non voler commentare il logo di Stars Coffee Reuters.

Rap vs movimento dell’orgoglio

La rivista ha riferito che Timati, il cui vero nome è Timur Yunusov, è il secondo artista più ricco della Russia Forbes. Hanno scritto che nel 2021 aveva un reddito equivalente a oltre 100 milioni di NOK. Secondo il rapporto, ha, tra le altre cose, creato saloni di bellezza e ristoranti Russia oggi.

READ  - Non abbiamo paura - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

L’artista si è distinto come una chiara voce pro-Putin. “Il presidente Putin è il mio migliore amico”, ha detto In una canzone del 2015.

Nel 2019 ha fatto nuovamente notizia. Il suo video musicale è diventato il video russo più odiato su YouTube. Oltre 1,4 milioni di persone hanno premuto il pulsante “Non mi piace”. Ho menzionato entrambi BBC E il Guardiano.

Nel video, ha elogiato il sindaco di Mosca alleato di Putin Sergei Sobyanin. Timati ha anche cantato di Mosca come una città in cui non si tengono parate dell’orgoglio.

Qui, il presidente russo Vladimir Putin e il rapper Timati vengono fotografati insieme nel 2012.

La versione di McDonald’s

Starbucks non è il solo a lasciare la Russia. Quasi 1.000 aziende occidentali hanno in programma di lasciare il Paese. Ha scritto Il giornale di Wall Street nel mese di giugno. Tra questi ci sono un certo numero di giganti globali come Hennes & Mauritz, Ikea, Nike, Zara e Levi’s.

Non ultimo McDonald’s. Ma anche i russi hanno trovato una soluzione. La nuova catena “Vkusno & tochka” ha rilevato i vecchi locali di McDonald’s, che prevede di aprire 1.000 ristoranti. In norvegese, il nome significa “buonissimo, e basta”. L’obiettivo è fare un hamburger il più simile possibile a McDonald’s.

Com’è l’andamento dell’economia russa?

L’Occidente punisce duramente la Russia per la sua guerra contro l’Ucraina. Il commercio di merci importanti è fermo. Le aziende hanno lasciato il Paese. Tuttavia, hanno avuto un successo sorprendente.

– Abbiamo pensato che ci sarebbe stato un profondo burrone quest’anno e che sarebbe stato livellato dopo. Invece, hanno subito un leggero calo, che continuerà nel prossimo anno, afferma la consulente senior Laura Solanko presso la Banca di Finlandia. New York Times.

READ  Gli incendi boschivi infuriano: il fumo si estende per 3000 km

Nel secondo trimestre, da aprile a giugno, il prodotto interno lordo del Paese è sceso del 4%. È in calo dal primo trimestre, da gennaio ad aprile, quando l’economia è cresciuta del 3,5 per cento, ha scritto il New York Times.

Il quotidiano cita un recente rapporto dell’Agenzia statale russa di statistica, che per la prima volta si occupa dell’andamento trimestrale del PIL russo dopo l’inizio della guerra. Il prodotto interno lordo è la misura principale dell’andamento dell’economia di un paese.

Il governo e la Banca centrale hanno adottato una serie di misure per garantire la stabilità dell’economia russa al momento dell’imposizione delle sanzioni. Il rublo russo è salito e il paese ha beneficiato dell’aumento dei prezzi del petrolio e del gas. Ma a lungo termine, sembra deprimente se non hanno più gambe per alzarsi in piedi, ha detto al New York Times il capo economista Dimitri Dolgin della banca olandese ING.