Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Stordalen ha un tetto a Kongens vicino a Villa Copenhagen

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in capitale.

Copenaghen, autunno 2021: – Ho già passato alcune crisi. Lavoro in Egitto ormai da diversi anni, attraversando crisi turistiche e crisi finanziarie. Devi solo riorganizzarti un po’, dice il direttore dell’hotel Peter Hogg Pedersen.

Per ora, sta osservando il vivace atrio di Villa Copenhagen – il principale investimento di Stordalen a Copenaghen – anche il più grande della Scandinavia negli ultimi anni.

È settembre dell’anno scorso. Pomeriggio, l’atrio principale della stazione ferroviaria era già pieno. Donne in giacca e cravatta, tazze da caffè profonde, uomini di mezza età con cravatte larghe e giovani uomini con il loro laptop appollaiato sul tavolino da caffè, combattono per infrangere la barriera del suono del salone. Una band dal vivo alla fine suona così forte che devi lottare duramente per essere ascoltato. Il primo incontro con Villa Copenhagen ha qualcosa di molto speciale. Energia e caos in una sorta di armonia. Sentiti libero di chiamarla la firma di Stordalen.

Piscina sul tetto: finora ci sono pochi turisti qui. Il “Giardino nascosto” è diventato un luogo di ritrovo per i cittadini di Copenaghen. Qui sono sparsi in cima a Copenaghen per quattro stagioni, completamente indisturbati dai turisti. Foto: Evind Jeseth/Capitale

Villa Copenhagen è stata completata alla fine dell’estate 2020. Dopo tre anni di ristrutturazione, il miliardesimo progetto Nordic Choice ha avuto il tempo di terminare prima che la pandemia colpisse la Danimarca. Le aspettative erano alte nel cielo. Nel 2018 si potevano leggere titoli come “miliardario norvegese ricco di hotel di lusso a Copenaghen” in Berlingske Tidende.

Ma dopo l’apertura, intorno all’enorme hotel di lusso di Vesterbro, era tranquillo. In Norvegia, l’investimento miliardario è passato quasi inosservato, nell’ordine dei miliardi, nonostante architetti famosi e chef stellati. È finalmente giunto il momento di ricordare ai norvegesi amanti dei viaggi ciò che il Norwegian Hotel King ha realizzato a King’s City.

Al momento in cui scrivo, Villa Copenhagen è il più grande progetto alberghiero in Scandinavia, con un prezzo di 2,2 miliardi di NOK.

L’edificio classico era un tempo il principale ufficio postale e centro telegrafico in Danimarca. Fu costruito nel 1912 e fungeva da centro nevralgico in Scandinavia. Insieme ai fratelli Varner, Stordalen ha acquistato l’edificio per 750 milioni di DKK tramite Strawberry Brothers AS nel 2017.

L’edificio è in fase di ristrutturazione da oltre 3 anni. La ristrutturazione è stata guidata da Universal Design Studio con il famoso designer Richard McConke.

READ  Hyundai N: Sono state rivelate due enormi auto elettriche

Quando l’hotel è stato completato nel 2020, la pandemia ha colpito la Danimarca. Da allora, la calma ha regnato attorno al gigantesco progetto. Sono appena riusciti a rimanere aperti per quattro mesi prima che apparisse la terza ondata di pandemia.

Hanno rinunciato al premio Project of the Year durante i Denmark Real Estate Days nel 2020.

L’hotel dispone di 390 camere distribuite su 25.000 metri quadrati. In cima c’è una piscina di 25 m, 1200 m2 dove puoi rinfrescarti tutto l’anno.

L’hotel, e in particolare la piscina e il lounge, sono diventati un punto di ritrovo per i cittadini di Copenaghen, mentre l’ingresso in gran parte dell’Europa è stato vietato.

in profondità

L’hotel dispone di 390 camere distribuite su 25.000 metri quadrati. L’edificio classico era un tempo il principale ufficio postale e centro telegrafico in Danimarca. Fu costruito nel 1912 e fungeva da centro nevralgico in Scandinavia quando la posta passava attraverso cavalli e carri. Recentemente, l’edificio è diventato vuoto.

Insieme ai fratelli Varner, Stordalen ha acquistato l’edificio per 750 milioni di DKK tramite Strawberry Brothers AS nel 2017. La responsabilità della gestione dell’hotel spetta a Nordic Choice.

Ristorazione: La Brasserie Contrast è attrezzata per gli ospiti serali.  Questa primavera, cammina direttamente dalla stazione ferroviaria fino a una sala da pranzo continentale specializzata in una miscela di ingredienti nordici, oltre a un tocco di Medio Oriente.  Cosmopolitan Brasserie hanno scelto di dargli un nome.  Foto: Evind Jeseth/Capitale

Ristorazione: La Brasserie Contrast è attrezzata per gli ospiti serali. Questa primavera, cammina direttamente dalla stazione ferroviaria fino a una sala da pranzo continentale specializzata in una miscela di ingredienti nordici, oltre a un tocco di Medio Oriente. Cosmopolitan Brasserie hanno scelto di dargli un nome. Foto: Evind Jeseth/Capitale

Tutti i dettagli originali sono stati conservati in modo contemporaneo. I contrasti tra acciaio massiccio, legno spesso, pavimenti in rovere e mobili sontuosi sembrano innegabilmente lussuosi. Ogni camera soddisfa i severi requisiti di design e comfort richiesti in una fascia di prezzo più alta. Nordic Choice non è affatto la prima a elaborare un tale concetto, ma le 390 camere in questo settore sono uniche, non da ultimo impressionanti. Dopo aver infranto più volte il budget, il prezzo è arrivato a circa 2,2 miliardi di NOK in totale.

In cima c’è una piscina di 25 m, 1200 m2 dove puoi rinfrescarti tutto l’anno. Il balcone è stato soprannominato il “Giardino nascosto”. C’è qualcosa di strano nel cosiddetto sul tetto In una delle città più fredde del mondo. In passato, questi concetti erano riservati agli hotel di lusso nell’emisfero australe, in città come Barcellona, ​​Palma, Singapore o Los Angeles.

nell’acqua sopra la superficie

La città del vento più feroce del mondo ha guadagnato più hotel che offrono esperienze in piscina in un ambiente splendido. Luoghi come Manon Les Suites o Nimb offrono da alcuni anni piscine compatibili con Instagram. Forse una villa di Copenaghen ricorda un po’ di più la casa di SoHo a Londra o Raleigh a Miami con le sue tende da sole a strisce disegnate su ispirazione di mezzo secoloun periodo.

READ  Yacht di lusso russo ancora a Narvik: - In difesa - VG

Ciò che distingue immediatamente una villa a Copenaghen sono i clienti. A settembre finora c’erano pochi turisti. Il “Giardino nascosto” è diventato un luogo di ritrovo per i cittadini di Copenaghen. Qui sono stati in cima alla capitale danese per quattro stagioni e sono stati completamente indisturbati dai turisti. Ora affronteranno la concorrenza dei bagnanti norvegesi. Dopotutto, la proprietà è di proprietà norvegese.

SIGARO AD ALTO PIOMBO: Il direttore dell'hotel Peter Hogg Pedersen espone in tutto l'hotel.  Dentro la vecchia sala conferenze del vecchio ufficio postale, puzzava ancora di sigari.  La sala è ancora utilizzata come sala riunioni per le aziende che vogliono affittare una cabina privata.  Foto: Evind Jeseth/Capitale

SIGARO AD ALTO PIOMBO: Il direttore dell’hotel Peter Hogg Pedersen espone in tutto l’hotel. Dentro la vecchia sala conferenze del vecchio ufficio postale, puzzava ancora di sigari. La sala è ancora utilizzata come sala riunioni per le aziende che vogliono affittare una cabina privata. Foto: Evind Jeseth/Capitale

– Penso che sia bellissimo. Finora solo i danesi hanno prenotato l’hotel. Il 95% dei nostri ospiti finora proviene dalla Danimarca. Hugh Pedersen ha detto all’epoca che è probabile che questo cambi nel tempo.

– Abbiamo dovuto ridurre il numero di dipendenti da 180 a 90 dipendenti in un giorno

piaceri locali. Secondo il direttore dell’hotel, il mercato è cambiato drasticamente quando ci siamo fermati questo autunno. Poche settimane prima dell’apertura, hanno dovuto prendere misure drastiche.

– Abbiamo dovuto ridurre il numero di dipendenti da 180 a 90 dipendenti in un giorno. Non molti di loro hanno iniziato a lavorare qui. È stata una brutta sensazione. Ma continua: Ma eravamo molto interessati all’implementazione, nonostante la strana situazione in cui ci trovavamo.

Quando ha visitato Kapital, l’hotel era aperto solo da tre mesi. nessun lavoro n comfort Dei paesi vicini era rappresentata in modo particolarmente significativo. Ma i danesi apprezzarono chiaramente l’hotel a Kongens Tivoli. Il salone è diventato gradualmente un luogo di ritrovo “dopo il lavoro”. La piscina era il luogo preferito per una nuotata serale durante tutto l’inverno. L’hotel è stato anche premiato come Progetto dell’anno durante i Denmark Real Estate Days nel 2020.

Secondo Stordalen, non guadagnerà soldi da questo hotel durante la sua vita. Forse investire riguarda più l’eredità. Forse è una sorta di ritorsione per i precedenti investimenti alberghieri che sono andati in declino in Danimarca. Nel 2010 è stata costretta a vendere al di fuori del mercato danese dopo aver perso circa 800 milioni di NOK. Alcuni anni dopo, acquistò il lussuoso Pearl St. Petri e l’hotel pubblico Comfort Hotel Vesterbro. I due hotel sono stati venduti alla società di investimento statunitense Starwood Capital all’inizio di questo autunno.

READ  Aziende solari acquistano due nuovi parchi in Italia

Forse ci riuscirà con Villa Copenhagen?

Coloro che fanno festa al The Thief di Oslo potrebbero pensare che la Copenhagen Villa abbia alcune somiglianze. I mobili e l’atmosfera della festa sono notevolmente simili. Forse ancora più vicino alla nuova iniziativa Sommerro, che presto aprirà a Sommerrogaten entro la fine dell’anno. Non si può negare che l’hotel ha un fascino vecchio stile (che non può essere acquistato) per i soldi. Una specie di nuova firma per Stordalen, che negli ultimi anni ha visto il suo complotto per l’acquisto di edifici storici in Scandinavia.

Villa Copenhagen, Copenaghen Piscina sul tetto Foto: Eivind Yggeseth/Kapital

Villa di Copenaghen, piscina sul tetto di Copenaghen Foto: Evind Jeseth/Capitale

sulla carta

Esperienza di soggiorno in hotel tutto compreso. Se lo desideri, puoi rimanere qui per 2-3 giorni senza muoverti fuori dall’hotel. In teoria, puoi alternare tra il ristorante Kontrast, il Rug cafè, il bar T37 e la piscina nel “Giardino nascosto”. Ti sentirai senza dubbio al centro dell’azione a Copenaghen. Se hai voglia di esplorare, puoi noleggiare a casa una bici che ti possa portare facilmente alle tante esperienze gastronomiche per le quali Copenaghen è famosa. La suite – il vecchio ufficio del direttore – dovrebbe essere la più costosa di Copenaghen.

Le camere standard dell’hotel offrono comunque un comfort sufficiente. Seguendo un manoscritto contemporaneo, ti invitiamo a prenderti cura dell’asciugamano e a riempire tu stesso la brocca d’acqua. Villa Copenhagen è orgogliosa di essere un hotel ecologico. Se indossi occhiali sarcastici, è impossibile non pensare a tutti i vantaggi finanziari. Ma a rigor di termini, non lavare nemmeno la biancheria da letto a casa tutti i giorni, forse funzionerà bene?

La cacofonia degli ospiti che lottano per soffocare la musica ad alto volume all’interno del lounge aumenta di decibel, minuto dopo minuto. Il foyer, un tempo un vecchio cortile, è ora vetrato, trasformato in un vivace salotto, circondato da pasticcerie, ristoranti e cocktail bar. Difficile non pensare che Stordalen abbia fatto un così piccolo regalo alla nostra vicina città più vicina al continente.