Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Svezia, Stoccolma | Un ex chirurgo astrale è stato accusato di condurre esperimenti sugli esseri umani

Il processo al chirurgo italiano di origine svizzera è iniziato mercoledì a Solna, vicino a Stoccolma. Già nel 2013 gli era stato proibito di eseguire diversi trapianti di gola all’ospedale universitario di Karolinska.

Ha quindi eseguito interventi di chirurgia estetica alla gola su tre pazienti critici nel 2011 e nel 2012. Tutti hanno riportato ferite gravi e dolore e sono morti dopo un periodo di tempo più o meno lungo. La prima è sopravvissuta 2,5 anni, la seconda quattro mesi, mentre la terza ha sofferto di complicazioni molto gravi e ha avuto bisogno di cure intensive fino alla sua morte nel 2017.

Il primo giorno del processo, il pm Jim Westerberg ha affermato che gli interventi di Paolo Macchiarini, che possiamo affermare fossero esperimenti puramente umani.

– Non c’era assistenza sanitaria, non c’era ricerca, ha continuato.

Grande campagna stampa

Giornalisti e spettatori che mercoledì mattina si sono radunati davanti al tribunale distrettuale di Solna avevano sperato di intravedere Macchiarini, ma quando le porte dell’aula si sono aperte, era già al suo posto.

Il già acclamato chirurgo è accusato di aver abusato gravemente di pazienti che hanno subito interventi chirurgici. L’accusa ritiene inoltre che le operazioni siano avvenute in violazione sia della scienza che dell’esperienza affidabile basata sulla conoscenza.

Leggi anche: La Svezia ha ricevuto garanzie di sicurezza per un possibile processo di richiesta della NATO

Prima della procedura, l’anello di plastica è stato avvolto con cellule staminali biologiche. Questo, tra l’altro, doveva stimolare la formazione di una nuova membrana mucosa. Se avesse funzionato, sarebbe stata una rivoluzione medica. Ma il metodo non ha funzionato, la gola era allentata, allo stesso tempo ha fornito un terreno fertile per infezioni e funghi diffusi.

Non salvare vite

Un’indagine su un grave incidente ha mostrato che nessuno dei pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per una laringe artificiale rischiava di morire poco prima dell’operazione. L’ospedale una volta ha affermato che si trattava di operazioni che davano ai pazienti un’ultima possibilità di sopravvivere, ma questo è stato respinto in un precedente rapporto investigativo e da molti altri esperti.

L’accusa rileva inoltre che le operazioni erano ben pianificate, alcune per diverse settimane, e quindi non potevano essere considerate un trattamento salvavita.

Lo stesso Macchiarini ha sempre negato di aver fatto qualcosa di illegale. Crede che tutte e tre le operazioni dovrebbero essere considerate assistenza sanitaria.

Nega che attraverso i suoi sforzi per la salute abbia causato lesioni fisiche o sofferenza ai pazienti, afferma il difensore del chirurgo Björn Hurtig.

– Al contrario, la sua unica intenzione era quella di curare la salute dei pazienti interessati, dice.

Non esiste una valutazione etica

Il metodo utilizzato da Macchiarini non è stato testato sugli animali. Né è stata effettuata una valutazione etica, necessaria per ottenere l’approvazione per la ricerca.

Sono stati stanziati 13 giorni per il processo, incluso un giorno aggiuntivo. La sessione principale dovrebbe concludersi alla fine di maggio.

Macchiarini è stato reclutato all’ospedale universitario di Karolinska nel 2010, un periodo in cui c’erano forti segnali politici che le istituzioni svedesi avrebbero dovuto assumere ricercatori di fama internazionale.

Nel 2016, la giornalista Bosse Lindquist ha presentato il documentario SVT “The Experience” sul caso. Critica anche ciò che Lindquist crede sia la cultura del silenzio all’interno dell’establishment medico.

L’intera direzione del Karolinska Institutet alla fine si è dimessa a seguito di queste scoperte.

Leggi anche

La Svezia 2022 ricorda molto la Francia del 2005

READ  Two Point Campus - Anteprima introduttiva