Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Temendo la chiusura, ora stanno valutando di spostare la premiere. – Cultura e Spettacolo NRK

“Battle of Narvik” doveva essere rilasciato il giorno di Natale dell’anno scorso. Ma a causa del lockdown hanno deciso di rimandare tutto di un anno.

Aage Aaberge ha già posticipato la premiere di “Kampen om Narvik” una volta. Ora ha paura di doverlo rifare.

Immagine: clicca sull’immagine

Per un po’ sembrò luminoso. Il film, a cui stanno lavorando dal 2017, e ha un prezzo di 77 milioni di corone, è stato finalmente proiettato nei cinema norvegesi di tutto il paese.

Ma ora l’aura è tornata di nuovo.

Quindi, Aage Aaberge, il produttore dietro il film, deve affrontare ancora una volta lo stesso dilemma: il film dovrebbe essere rimandato di nuovo?

– Spero davvero che possiamo mostrare il film come previsto. Sarebbe molto difficile rimandare di nuovo, dice Aberg.

La più grande offesa di Jacob Oftebro.

Jacob Offbro interpreta Charles Proud in “The Biggest Crime”.

Foto: Fantefilm

“Biggest Crime” ha affrontato lo stesso dilemma l’anno scorso quando doveva essere distribuito nei cinema norvegesi.

Hanno deciso di non posticipare la prima, a differenza di Aaberge.

Ma con la chiusura di molti cinema in tutto il paese, in particolare a Oslo e nelle aree circostanti, ciò ha portato a un numero inferiore di cinema del previsto, afferma il regista Eric Svensson.

– Quelli che conosco a Oslo non hanno visto il film nei cinema fino a molto tempo dopo che molti altri film erano apparsi. È un film che ho sempre pensato fosse bello da guardare insieme, ma che mi è mancato.

Eric Svenson

Il regista Eric Svensson ha organizzato la prima dello staff, un anno dopo la prima di “The Biggest Crime”.

Foto: Frode Fjerdingstad / NRK

Vuoi l’aiuto del Ministro della Cultura?

Il nostro problema è che stiamo correndo un rischio enorme. Abbiamo un ampio budget di lancio che dobbiamo iniziare a utilizzare. Ma non abbiamo un sistema in grado di assolverci da questo pericolo, dice Aberg.

Il sistema a cui allude è lo schema di stimolo dell’anno scorso che ora è stato rimosso.

Pertanto, le produzioni cinematografiche di Aaberge e Virke hanno ora inviato una lettera al Ministero della Cultura chiedendo al KUD di prendere in considerazione una serie di misure.

Tra l’altro, vogliono reintrodurre il sistema di incentivi.

– Al momento, siamo completamente soli con questa responsabilità, dice Aberg.

Annette Trettebergstuen

Il ministro norvegese della Cultura e dell’uguaglianza di genere, Annette Tribergstoen, vuole invitare l’industria a un incontro per discutere della situazione.

Foto: Ilja C. Hendel/Ministero della Cultura

In un’e-mail a NRK, il ministro della Cultura Trettebergstuen scrive che sta seguendo da vicino la situazione e che prenderà l’iniziativa di convocare un incontro con l’intera industria culturale per discutere la via da seguire.

Il regime di compensazione per il settore culturale è già stato implementato durante tutto l’anno e i comuni hanno la possibilità di fornire un certificato Corona al posto delle restrizioni sul controllo delle infezioni in modo che possano, tra le altre cose, svolgere eventi culturali come di consueto. Continueremo a prestare attenzione al settore culturale ed elaboreremo piani quando necessario.

L’industria culturale ha lottato per riconquistare il pubblico nonostante la riapertura

Le feste di Natale e il teatro avevano ancora molti biglietti invenduti, il che ha portato ansia a Trettebergstuen.

Leggi anche: Il pubblico non è riuscito a mostrare il Natale di tutti i tempi della vita culturale

Il commentatore culturale di Adresseavisen, Terje Eidsvåg, afferma che l’industria cinematografica è uscita molto bene dalla riapertura.

Terje Eidsvåg in Adresseavisen

Terje Eidsvåg comprende molto bene che l’industria cinematografica teme una nuova chiusura.

Foto: Ron Peter Ness/Adresseavisen

– Fanno parte della vita culturale che è potuta tornare meglio dopo il lockdown.

Spiega che film come “Three Nuts for Cenerentola”, “James Bond” e “The Worst Man in the World” vanno molto bene al cinema.

– Se guardi i numeri degli ultimi mesi, il settore è quasi tornato al tempo prima della pandemia, afferma Eidsvåg.

Ma nonostante ciò, Aaberge teme che entreranno in un altro periodo buio se le autorità decideranno di imporre restrizioni rigorose, come un metro.

Poi si scopre che abbiamo perso parti significative della nostra base di pubblico, dice Aberg.

Basso rischio di infezione nelle sale cinematografiche

Carl Martin Eggesbø durante le riprese di un film

Non è ancora chiaro se “Kampen om Narvik” sarà il film di Natale di quest’anno.

Foto: Azad Rezaei/NRK

Ma in mezzo a tutto questo trambusto, c’è un punto luminoso. Di fatto Rapporti da Inghilterra e Germania, che indica la mancanza di infezione nei cinema.

Le persone di solito tacciono quando sono al cinema. Eidsvåg spiega che è probabile che sia uno di quegli eventi culturali in cui il rischio di infezione è relativamente basso.

– Ma capisci le perturbazioni dello zodiaco?

– Sì. Se ci sono misure nazionali, molto è in gioco per una produzione norvegese così stravagante.

Eidsvåg conclude che se non ci fossero restrizioni, i norvegesi avrebbero un buon cinema a Natale in futuro.

READ  2021 - Stupid Epic - VG