Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Timori di “preparare la guerra” Investimenti russi in Svezia

Le minacce alla sicurezza del paese erano al centro del mandato della commissione istituita dal governo svedese nel marzo di quest’anno. Lo sfondo è stato l’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio e le successive sanzioni imposte dall’Unione Europea alla Russia.

Molti dei nomi nell’elenco delle sanzioni dell’UE sono stati rivelati nel rapporto “Investimenti russi e interessi economici in Svezia”. È stato preparato dal FOI, l’Istituto norvegese per la ricerca sulla difesa.

Il rapporto è pieno di fatti, ma anche aperto sul fatto che la ricerca del quadro generale ha il vantaggio del fatto che è difficile scoprire molto.

La Svezia è già un po’ conquistata?

La Russia è citata come l’unico paese che rappresenta una minaccia geopolitica per la Svezia. Nella frase seguente, il punto d’appoggio del rublo nell’economia svedese è stato preso e incorporato in un attacco potenzialmente ostile:

Gli investimenti diretti della Russia nell’economia svedese potrebbero essere una preparazione diretta alla guerra o mirare a trascinare la Svezia in una zona grigia.

È così che viene descritta la realtà in un Paese in cui è in aumento il numero di minacce provenienti dalla Russia, che secondo il rapporto potrebbero intaccare la sovranità della Svezia. La crescente minaccia alla sicurezza proveniente dalla Russia “significa anche che i rischi della monarchia russa e degli interessi economici della Svezia sono più visibili”.

Il rapporto assume ulteriore importanza dopo gli arresti nelle ultime settimane di persone sospettate di spionaggio per conto della Russia in Svezia.

Vladimir Stoccolma

Con un centro fitness e un ristorante italiano nelle vicinanze, Instrumentelectronics ha sede a Nacka Strand, non lontano dal centro di Stoccolma.

Notizia

La Finlandia sta valutando la possibilità di esportare armi in Turchia

La società stessa ha dichiarato di esportare, importare, vendere e fabbricare elettronica e pezzi di ricambio elettronici. In primo luogo, si tratta di strumenti di misurazione e controllo. Possono inoltre fornire hardware per computer, consulenza, ricerca e sviluppo nonché attività compatibili.

READ  In Italia si sta diffondendo un possibile scandalo dei trasporti

Nel 2017, la società ha registrato un fatturato di circa 150 milioni di NOK. Tuttavia, quindici anni dopo si è conclusa nel 2020, quando è iniziato il processo di liquidazione finanziaria. Instrumentelectronics è registrata a Cipro. Secondo il rapporto FOI, Vladimir Kulimikov era l’unico proprietario.

Chi è Vladimir?

Una ricerca FOI di informazioni rilevanti sull’uomo ha prodotto una serie di risultati.

Uno con la stessa data di nascita, secondo nome Janovit, si è diplomato al collegio militare avanzato di Suvorov nel Caucaso settentrionale. Il Ministero della Difesa della Russia è responsabile di queste scuole e l’insegnamento determina l’ulteriore direzione educativa degli studenti nei college militari.

Gli investigatori della FOI hanno anche trovato un protocollo del Senato degli Stati Uniti in cui si afferma che Vladimir Yanovich Kulemikov è stato espulso dalla Francia nel 1981, perché era una spia dell’intelligence militare russa.

Non più tardi dell’anno scorso, in un’intervista con Rzhevskaja Pravda, Kulemekov è stato menzionato come colonnello tra gli ufficiali di riserva del GRU.

Quindi Sergei è stato arrestato

Il 22 novembre di quest’anno, l’arresto del direttore generale di Instrumentelectronics a Stoccolma ha attirato l’attenzione internazionale. L’azione della polizia contro l’amministratore delegato di lunga data Sergey Skvortsov è stata spettacolare, con la partecipazione, tra l’altro, di elicotteri; Come se stesse girando un thriller di spionaggio.

Skvortsov divenne cittadino svedese con una casa signorile a Stoccolma, ed era il presunto capo del GRU scelto dal colonnello Kulemekov per il krambua con elementi elettronici avanzati a Nacka.

Secondo il procuratore generale, Skvortsov è sospettato di due atti criminali:

1. Attività di intelligence illegali contro la Svezia, vale a dire. All’interno del comune di Stoccolma dal 1° luglio 2014 al 22 novembre 2022.

2- Attività di intelligence illegali in generale contro una potenza straniera, come: nel comune di Stoccolma dal 1 gennaio 2013 al 22 novembre 2022.

Il pubblico ministero ritiene inoltre che si tratti di ottenere tecnologia per l’industria militare russa.

READ  L'investitore privato Edvin Ostbo ha guadagnato 320 milioni di NOK l'anno scorso

C’è motivo di credere che la “potenza straniera” di cui al punto 2 siano gli Stati Uniti, che hanno la loro ambasciata a Stoccolma come vicino all’ambasciata norvegese.

“un gran numero di buio”

Il tour di nove mesi si è concluso con tre contrasti difensivi. In senso figurato, possiamo parlare di un sondaggio completo utilizzando ricerche su Internet, droni e immersioni profonde. Tuttavia, mancano molte informazioni sulle attività economiche dei cittadini stranieri in Svezia.

Gli autori del rapporto ritengono che ciò significhi probabilmente che esiste una sostanziale documentazione oscura sui proprietari terrieri russi e sugli interessi finanziari della Russia in Svezia.

A parte la Instrumentelectronics di un funzionario del GRU, nessuna delle oltre cento società presenti nell’elenco potrebbe essere utile alla difesa della Russia, afferma il rapporto, prima di aggiungere: “Tuttavia, ciò non significa che ciò non possa accadere”.

Pericoloso: il governo del primo ministro Ulf Kristersson ha ricevuto un rapporto sugli interessi economici della Russia in Svezia, un’indagine che il suo predecessore aveva condotto poco dopo l’invasione dell’Ucraina.

Molte offerte russe vincono

Un elenco di 128 società di proprietà russa è stato pubblicato nel rapporto sulla libertà di informazione. Più della metà di loro vive a Stoccolma. La registrazione si basa sulla proprietà russa in società svedesi che valevano almeno 2 milioni di NOK al 1° gennaio 2022.

Dal nuovo anno, 18 aziende su 128 hanno sostituito i loro veri amministratori delegati con qualcuno che non è cittadino russo.

Le aziende a guida russa sono state molto attive nella battaglia per aggiudicarsi varie gare d’appalto in Svezia. A partire dal 2018, 10 aziende svedesi hanno partecipato con un presidente russo a 174 concorsi, secondo il rapporto.

Ciò significa che, in media, è passata poco più di una settimana tra ogni gara. Con un leader russo in squadra, hanno 45 vittorie, un decennio in quasi ogni terzo tentativo.

READ  vita lavorativa, affari | Un investimento di 100 milioni garantirà un aumento di sei volte di Haugstad Møbel

Caccia più ampiamente di prima

La designazione nel nuovo rapporto include più delle acquisizioni russe di società esistenti e nuove imprese, che si ritiene valgano un totale di 34 miliardi di corone svedesi.

Sono inclusi gli immobili di proprietà dei russi. Ci sono anche aziende con collegamenti russi che lavorano per le autorità svedesi. Inoltre, viene evidenziato il commercio svedese-russo di merci che potrebbero essere utilizzate per scopi sensibili.

Industria edile centrale

Sulla piattaforma delle industrie intervistate con il maggior numero di giocatori russi, l’industria delle costruzioni è al primo posto con 29 aziende. Seguono il commercio con 19 e il collettivo “informazione e comunicazione” con 16.

C’erano 13 società russe sul mercato immobiliare svedese all’inizio dello scorso anno. Allo stesso tempo, i ricercatori FOI hanno identificato 157 cittadini russi che possiedono 247 proprietà nel nostro paese vicino.

Parzialmente divulgato.  Mentre l'ambasciata russa a Stoccolma è stata dipinta di rosso sangue simbolico dopo l'invasione dell'Ucraina, i ricercatori svedesi hanno mappato gli interessi economici dei russi in Svezia.

Parzialmente divulgato. Mentre l’ambasciata russa a Stoccolma è stata dipinta di rosso sangue simbolico dopo l’invasione dell’Ucraina, i ricercatori svedesi hanno mappato gli interessi economici dei russi in Svezia.

Imprenditori soggetti a sanzioni UE

Dei russi che possiedono società in Svezia, quattro società si trovano nuovamente nell’elenco delle sanzioni dell’UE. Lo stesso vale per un singolo russo nello stesso tipo di elenco sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito.

Nella lista UE ci sono Alexey Mordashov, uno degli uomini più ricchi della Russia, e sua moglie, Marina Mordashova. Secondo la rivista Forbes, la fortuna dell’uomo è di 18,5 miliardi di dollari USA, ovvero circa 185 miliardi di NOK. È il presidente del consiglio di amministrazione della più grande società siderurgica e mineraria russa Severstal.

Ed ecco Andrei Kostin, presidente del consiglio di amministrazione della banca statale russa Vneshtorgbank, che è il principale proprietario della holding Tele2 Russia.

Tuttavia, negli elenchi delle sanzioni dell’Unione Europea, della Gran Bretagna e dell’Ucraina, non ci saranno russi registrati con proprietà svedesi e residenti fuori dalla Svezia.

Secondo il rapporto, il commercio tra Svezia e Russia è limitato.

Il Comitato sottolinea che la Svezia non dispone di una legge che disciplini la proprietà.

Lo studio non copre le società svedesi in Russia.

Notizia

Stoltenberg: I ​​timori di una grande guerra tra NATO e Russia