Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tiro pesante di un corvo – Dajsavisen

Nel frattempo, solo il 2,4 per cento delle case con classificazione energetica (poco più di 30.000) aveva la migliore classificazione energetica, secondo i profili di Enova.

Dovrebbe essere utilizzata meno energia

Al momento, sovvenzionare l’elettricità è importante e corretto, ma alla lunga non è sostenibile pompare miliardi nella società per pagare le bollette dell’elettricità. Dovremmo usare meno elettricità, dice Caroline Nystrom.

Nystrom, CEO di Schneider Electric Norvegia, è stata nominata società leader nel settore delle energie rinnovabili in Europa da European CEO Magazine nel 2019. Quest’anno è stata nominata per il premio “Power Woman of the Year” da Energy Norway.

– Nel rapporto sull’energia presentato di recente, l’attenzione è principalmente su come produrre più energia, non su come utilizzare meno energia, continua Nystrom.

Ma coloro che pagano le bollette dell’elettricità, siano essi privati, aziendali o pubblici, dovrebbero preoccuparsi di più di come consumano meno l’elettricità. Il prezzo dell’energia non dovrebbe essere particolarmente basso in futuro.

La Norvegia è il campione del mondo nelle soluzioni energetiche. È ora di parlare di quale sia davvero il problema. Cioè, usiamo molta elettricità, aggiunge Nystrom.

Etichettatura obbligatoria

Lo schema di etichettatura energetica per le case è stato introdotto nel 2010. È obbligatorio per tutti coloro che vendono e affittano case e ha il suo background nella Direttiva energetica dell’Unione Europea sugli edifici.

READ  Borsa della spesa, Kiwi | Vendere meringhe senza uova sugli scaffali della drogheria: - Quasi presumerai di essere stato imbrogliato

– Gli edifici pubblici e gli edifici commerciali devono trasportare energia. Se è più grande di 1.000 metri quadrati, dovrebbero avere un marchio indipendentemente dalla vendita o dall’affitto, afferma il consulente senior Tor Brekke di Enova.

Ad oggi, quasi 1,3 milioni di case sono classificate come energia, che corrisponde a circa la metà di tutte le case in Norvegia, secondo Brick.

Inoltre, poco più di 34.000 edifici commerciali sono classificati come etichette energetiche. Nel 2019 Enova ha dichiarato che il regime è stato perseguito in misura minore per gli edifici commerciali rispetto alle abitazioni private.

I gradi di energia che fanno parte del diagramma dell’etichetta vanno da A a G, dove G è il voto peggiore. Ad oggi, come accennato, solo il 2,4 per cento delle case ha un voto A.

Ecco le percentuali degli altri gradi:

B: 8,3 percento, C: 11,7 percento, D: 17,3 percento, E: 15,4 percento. Previsto: 20,1%, Sol: 24,8%.

Misure per ottenere voti migliori

Cosa serve per ottenere una migliore classificazione energetica rispetto a una casa?

“Per una migliore classificazione energetica, è possibile adottare misure che riducano la perdita di calore, come il reisolamento, la sostituzione di finestre e porte più efficienti dal punto di vista energetico o l’installazione di un sistema di recupero del calore sulla ventilazione”, risponde Brick.

– Oppure puoi installare apparecchiature per la produzione di calore/produzione di elettricità come una pompa di calore, celle solari o un collettore solare, continua.

Affinché un appartamento in un condominio riceva la classe energetica A, il consumo energetico non può essere superiore a 85 kWh per metro quadrato. Negli appartamenti con classe energetica G, il consumo energetico è superiore a 200 kWh per metro quadrato.

READ  - Reazione eccessiva del mercato - E24

Per le case unifamiliari i limiti massimi sono 95 e 250 kWh per metro quadrato.

La scala di valutazione è impostata in modo che una casa costruita secondo i regolamenti edilizi nel 2010 abbia un grado C o migliore. Pertanto, esiste una forte relazione tra l’età di una casa e il carattere energetico, afferma Brick.

– Ciò riflette l’inasprimento del fabbisogno energetico per i nuovi edifici nel corso degli anni. Finché la casa è nelle sue condizioni originali, una nuova casa avrà bisogno di meno energia di una vecchia casa.

Per ottenere una migliore valutazione energetica, è possibile adottare misure che riducano la perdita di calore, come il reisolamento, la sostituzione di finestre e porte più efficienti dal punto di vista energetico o l'installazione di un sistema di recupero del calore sulla ventilazione, afferma Tor Brekke, consulente senior di Enova.

La possibilità di ristrutturazione

– Molte vecchie case sono state riabilitate, continua Bricky.

– A volte le case con pareti e tetti nuovi vengono commercializzate come “riqualificate”, senza un miglioramento delle condizioni energetiche, ad esempio dopo l’isolamento. Quindi sia i costi energetici che quelli di comfort possono essere deludenti.

– Queste sono esattamente le cose su cui una carta energia dovrebbe aiutare a fornire informazioni agli acquirenti e agli affittuari di case.

“Lo schema di denominazione dell’energia ha il potenziale per creare un maggiore interesse per le misure di efficienza energetica e le misure per la conversione alle fonti di energia rinnovabile”.

Enova ha concluso questo quando l’impatto del regime è stato analizzato nel 2019.

Tuttavia, l’ultimo comunicato stampa del governo in merito al rapporto sull’energia non menzionava affatto l'”efficienza energetica”. Il più vicino è che “dal 2023 il governo autorizzerà la Housing Bank a sostenere misure energetiche per le famiglie a basso reddito”.

READ  Italia: vai in questo gioiello?

– Nessuna lotta

Né è stato dato molto spazio all’efficienza energetica sulla piattaforma Hurdal, che è controllata dal governo. La parola è stata usata solo una volta, dice Caroline Nystrom di Schneider Electric in Norvegia.

L’efficienza energetica è elevata in tutti i paesi ad eccezione della Norvegia. Nystrom sottolinea che questa è un’area in cui si possono dimostrare 50.000 nuovi anni, un’area in cui possiamo iniziare domani, perché non ci sono conflitti.

“Non capisco perché questo non sia all’ordine del giorno in contrasto con i parchi eolici e l’elettrificazione a rack, che è molto lontano nel futuro e ha grandi difficoltà”, continua.

Per Schneider Electric, che “fornisce soluzioni digitali e di automazione per l’efficienza e la sostenibilità”, una forte attenzione all’efficienza energetica, non ultimo negli edifici pubblici, può diventare rapidamente altamente redditizia.

Schneider Electric partecipa alla maggior parte delle gare d’appalto per importanti progetti di edilizia pubblica ed è già fornitore di tecnologia per numerosi edifici pubblici.

Ma secondo l’azienda, anche i benefici per il settore pubblico potrebbero essere significativi. Varie tecnologie possono ridurre i costi energetici fino al 70 percento, secondo Dagsavisen da lì. Celle solari e geotermia sono due parole chiave in questo contesto, building automation un’altra. Include sistemi che automatizzano e coordinano il controllo di illuminazione, riscaldamento, ventilazione e altro in un edificio.

Tieniti informato. Ricevi una newsletter giornaliera da Dagsavisen