Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tobias Santelmann: – Può sentirsi frustrato o arrabbiato

Tobias Santelmann: – Può sentirsi frustrato o arrabbiato

Per molti, Pasqua è sinonimo di crimine, e non è un caso che il nuovo progetto di Sky Showtime “Veronika” venga presentato in anteprima prima che tu ti accorga sul divano con un uovo di Pasqua e un mistero da approfondire.

Panico e terrore: – Nervosismo


Nella serie incontriamo la tossicodipendente e investigatrice di polizia Veronica Green (Alexandra Rappaport, 52 anni), che vive con suo marito Thomas (Tobias Santelmann, 43 anni) e i loro figli in un villaggio nella foresta svedese.

Mentre Veronica prende antidepressivi, Thomas cerca di tenere unita la famiglia. Santelmann si confida con Dagbladet riguardo al ruolo e alla parte relativa all'essere un attore che non gli piace particolarmente.

una sorpresa?: Lo streaming “Exit” di Tobias Santelmann parla di un hobby poco conosciuto, di come parla effettivamente e del più grande sacrificio che fa come attore. Video: Red Runner/NRK TV
Mostra di più

-La cosa più grande che dovevo fare

All'interno della sala conferenze del Sumeru Hotel nella parte occidentale di Oslo, Santelman aspetta.

Saluta l'attore con una stretta di mano decisa, ma prima che il sottoscritto possa fare domande, Santelman deve tirare le tende scure che lasciano entrare la luce del sole che abbaglia attore e giornalista. Poi si lascia cadere sul divano nella stanza ormai buia di fronte al Dagbladet.

– Parlami del tuo ruolo.

Somiglianze trovate: Santelman crede che lui stesso e il ruolo di Thomas non siano così diversi.  Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet

Somiglianze trovate: Santelman crede che lui stesso e il ruolo di Thomas non siano così diversi. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

– Sta cercando di far sì che la moglie un po' assente sia più presente qui a casa. È lui che controlla i pranzi al sacco, le riunioni dei genitori e le borse della palestra. “Quindi ha una via di fuga, ovvero pescare quando ne ha bisogno”, dice Santelman.

- Qualcosa che non posso fare

– Qualcosa che non posso fare


L'eredità di Thomas doveva diventare un nuovo hobby.

– Ho dovuto imparare a catturare i pesci volanti, perché dovevo farlo in alcune scene e non potevo. Poi è il momento di visitare Revir (negozio di attrezzatura da viaggio, ndr) a Oslo. Poi sono rimasto lì (in acqua, ndr) da solo per qualche ora a esercitarmi in modo che la piccola percentuale di persone che conoscono la pesca a mosca possa credere che l'abbia già fatta prima.

Tobias Santelmann e gli altri attori di “Exit” non hanno dubbi: Pål Sverre Hagen si è semplificato le cose durante la registrazione della serie. Video: Red Runner/NRK TV
Mostra di più

Sapore aggiunto.

– Questa è stata la cosa più importante che ho dovuto fare in termini di preparazione per questo ruolo. Ma mi piace che tu possa seguire corsi intensivi su cose che prima non sapevi. Che si tratti di equitazione, boxe o pesca a mosca. Ma pensavo che fosse delizioso, quindi ora ho l'attrezzatura da pesca nella rimessa.

Nuovo hobby: Tobias Santelmann dopo essersi iscritto ha iniziato un nuovo hobby: la pesca a mosca.  Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet

Nuovo hobby: Tobias Santelmann dopo essersi iscritto ha iniziato un nuovo hobby: la pesca a mosca. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

Nel corso della sua carriera di attore, Santelman si è avventurato in molte acque inesplorate, ma con i ruoli puoi anche trovare punti in comune e aspetti in cui puoi relazionarti.

– Eccolo un uomo moderno, un padre di famiglia, molto tranquillo, un tipo “tuttofare”. È completamente fiducioso. Non è più lontano da quello che ho fatto. Ci sono molte cose qui che puoi identificare con me. Quindi non ho dovuto scavare in profondità per trovarlo.

– Mia madre ha visto tutto

Santelmann è stato coinvolto in una serie di produzioni diverse, che implicano l'abbandono delle sue zone di comfort e il rifuggire da tutto quando necessario.

– In alcuni lavori, potrebbero esserci scene in cui pensi “Ah”. Potrebbe avere qualcosa a che fare con la timidezza, ma devi metterla da parte, spiega Santelman.

Riguardo alla scena di nudo: - Intensa

Riguardo alla scena di nudo: – Intensa


-Hai delle regole per la famiglia, gli amici e tua figlia su ciò che non possono vedere?

– Mia figlia non è abbastanza grande per vedere ciò che condivido, a meno che non sia lei il gruppo target. Sai poco di quello in cui sono stato coinvolto, quindi è difficile per me dire che ho delle regole, perché non ne sono rimaste molte, dice, seguito da una breve risata.

Anteprima in arrivo: Tobias Santelmann incontra Dagbladet poco prima della première del film

Presto in anteprima: Tobias Santelmann incontra Dagbladet poco prima della prima di “Veronika”. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

– Non ho bisogno di menzionare le serie una volta, ce n'erano molte. E poi, poi… In qualche modo mia madre ha visto tutto adesso.

Non è difficile indovinare a quale serie si riferisce Santelman.

– In “Getting Out” c'erano scene che non pensavo necessariamente fossero molto belle che mia madre guardasse, ma lo fece. Allora ho finito.

Clint: Quando Tobias Santelmann è apparso sul tappeto rosso per la serie della HBO “Beforeigners”, ha ricevuto una domanda che non si aspettava. Reporter: Marcus Brenden. Video: Ingeborg Iversen / Il corridore rosso
Mostra di più

– Incerto e nervoso

Ma l'attore deve ammettere che non sono le scene intime o le acrobazie a renderlo più nervoso sul lavoro. La star di “Veronica” può dire di essere più riluttante a leggere le sue interviste che a vederlo sullo schermo.

– Questo è un ruolo sconosciuto per me, perché non ho idea di cosa mi chiederai. Ma mi trovo nella posizione di dover rispondere a ciò che chiedi. Non c'è testo qui. Non posso dire “l'hanno tagliato comunque”. Non ho quel controllo allo stesso modo.

Non sono sicuro: un attore può dire di essere più nervoso per un'intervista alla stampa che per qualsiasi scena di un film.  Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet

Non sono sicuro: un attore può dire di essere più nervoso per un'intervista alla stampa che per qualsiasi scena di un film. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

Santelman ammette di aver letto le interviste con se stesso e di essersi sentito in imbarazzo. Forse le cose sono andate male, o l'umorismo non è apparso nel testo così bene come durante l'intervista.

– Mi sento più incerto e nervoso nel contesto di un'intervista rispetto a quando sto girando una scena in un film o in televisione. Spiega che lì i pneumatici sono più sicuri e aggiunge:

Circa undici scene selvagge: - impegnative

Circa undici scene selvagge: – impegnative


-Questa è la parte della mia professione con cui non mi sento a mio agio.

– Allora cosa provi nel leggere le recensioni sul tuo lavoro?

-Potrei sentirmi frustrato o addirittura arrabbiato se pensassi che dietro quella recensione ci fosse un pessimo lavoro. Puoi macellare quello che vuoi. Questo è ciò che facciamo. Possiamo dire: “Abbiamo fatto del nostro meglio, vi piace o no?” Va bene che non gli piaccia, ci abbiamo provato”, ha detto l'attore, alzando leggermente le spalle.

Ma:

Scomodo: Tobias Santelmann ritiene che possa essere scomodo trovarsi nel contesto di un'intervista.  Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet

Scomodo: Tobias Santelmann ritiene che possa essere scomodo trovarsi nel contesto di un'intervista. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

-Se giustifichi anni e mesi di duro lavoro, tempo lontano dalla famiglia, lunghe giornate, sangue, sudore e lacrime… Se macelli qualcosa, dovrebbe essere meglio una recensione scritta che un complimento. Si tratta di integrità e di rispetto di ciò che hai visto. In caso contrario, potrebbe darmi fastidio e potrei arrabbiarmi. Allora penso che sia irrispettoso.

– Ma se a qualcuno non piace qualcosa in cui sei coinvolto, è tutto.

READ  Problemi per Israele durante l'Eurovision di quest'anno