Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Top 10 nel campionato di scacchi NATO Blitz

Top 10 nel campionato di scacchi NATO Blitz

Il tenente colonnello Alexander Flata è il capo giornaliero del Dipartimento di psichiatria militare e gestione dello stress (IMPS) presso il servizio sanitario delle forze armate norvegesi. È anche un giocatore di scacchi esperto e gioca a scacchi dal 1991. Ha partecipato con la sua squadra SOSS (Selskapet per Oslo-emigraterte Sørlandsjakkspillere) alla Coppa dei Campioni lo scorso anno e quest’anno gareggerà di nuovo a Tirana, in Albania.

-Sono soddisfatto del risultato. Ho dietro di me molti giocatori titolati e altri giocatori di talento nella classifica dei risultati, dice Flaata dopo l’annuale torneo NATO, al quale lui stesso ha partecipato due volte.

Negli scacchi, ci sono quattro diversi titoli che possono essere ottenuti, a seconda della tua posizione nella lista della Federazione Mondiale degli Scacchi (FIDE).

Durante il torneo ha incontrato molti giocatori che hanno vinto titoli di campionato. Crede che sia importante avere un campionato per i paesi della NATO.

– Il torneo è importante per promuovere l’unità e creare contatti incontrando giocatori di altri paesi alleati. Gli scacchi superano le barriere culturali. Quest’anno, ad esempio, la Turchia è tornata con una squadra giovane e forte, un Paese con una cultura molto diversa dalla Norvegia. Vedo gli scacchi come uno sport, una forma di scienza e in alcuni casi un’arte. Gli scacchi possono anche essere considerati un linguaggio universale: le persone possono giocare insieme indipendentemente dal sesso, dalla cultura, dalla razza o dalla religione.

Usa la psicologia

Come psicologo, Flaata ha un background da cui la maggior parte dei giocatori di scacchi può trarre beneficio.

– Qual è l’importanza della psicologia negli scacchi?

– La maggior parte dei giocatori di scacchi non pensa molto alla psicologia. Si concentrano sui movimenti e cercano di fare del loro meglio, ma alcuni di loro sono più orientati alla psicologia, dice Flaata.

READ  Støre minimizza Jägermeister - Difende i consigli nutrizionali - Documento

Spesso è una combinazione tra il giocare forte, ma allo stesso tempo irradiare fiducia in se stessi. Magnus Carlsen potrebbe esserne un esempio.

– Magnus Carlsen non usa la psicologia, ma la sua reputazione dà un vantaggio psicologico, si potrebbe dire.

In linea di principio, giocare a scacchi significa essere il migliore in aritmetica, pensare nel tempo e nello spazio, essere in grado di riconoscere le strutture, cercare i punti deboli e comprendere ciò che si vede. È necessario combinare diversi tipi di informazioni e trovare una soluzione.

– Ciò richiede flessibilità e accuratezza cognitiva. L’approccio psicologico agli scacchi è stato controverso nella storia degli scacchi, ma nessuno è stato influenzato dalla psicologia. Può riguardare aspetti della persona, ad esempio la personalità, o aspetti della partita stessa. Tutti abbiamo i nostri punti di forza e di debolezza e la personalità si riflette spesso nel modo in cui giochiamo, afferma Flaata.

– Quanto è importante questa cerimonia e quanto velocemente puoi riprenderti dopo la sconfitta? In alcune situazioni, la differenza tra vittoria e sconfitta può significare che non diventi campione del mondo, o che non ottieni un titolo di scacchi come campione internazionale o gran maestro. Abbiamo visto tutti come anche Magnus Carlsen possa risentire nei momenti cruciali. Uno dei suoi punti di forza è la capacità di tornare rapidamente con una vittoria dopo un’amara sconfitta. Un altro aspetto della psicologia degli scacchi è il linguaggio del corpo e il modo in cui ci comportiamo. Se sembri troppo combattivo, ciò potrebbe creare incertezza o esitazione da parte dell’avversario, che potrebbe far sì che l’avversario entri in uno stato d’animo combattivo. Può succedere anche il contrario: mostrarsi disinteressati o indifferenti può far abbassare la guardia all’avversario. Puoi anche giocare sulla psicologia cercando di sfruttare le debolezze del tuo avversario e i tuoi punti di forza.

READ  Abitazioni, mercato immobiliare | Un castello nel centro di Oslo è la casa più cara della città: il prezzo si svuota di 30 milioni.

-Trai beneficio dall’essere uno psicologo quando giochi a scacchi?

-Mi piace crederlo. Quando gioco a scacchi, a volte utilizzo la psicologia, consciamente o inconsciamente. Non so quanto mi aiuti. Innanzitutto, ci sono tecniche che mi aiutano a superare lo stress, essendo presente, rimanendo concentrato e cercando di invertire la tendenza negativa. Posso ripetere un mantra positivo: mi sento forte, presente e pronto. Oppure per liberarmi dal risultato: oso vincere, oso perdere, oso pareggiare. Allora quello che faccio alla festa diventa più importante del risultato. Aiuta a concentrarsi.

– Una forma di psicologia degli scacchi consiste anche nell’osservare lo stile di gioco dell’avversario. Si tratta di valutare l’avversario, analizzare le sue partite e cercare di sfruttare i suoi punti di forza e di debolezza.

DSC_5161.JPG

– Posso provare a orientarmi verso una particolare apertura negli scacchi proprio secondo questo principio. Mi piace il sacrificio attivo e tattico e non mi piacciono i finali lunghi. Poi scelgo di andare verso posizioni aperte e tattiche. Ma se ti metti sulla difensiva fin dall’inizio, dovresti provare a volgere la situazione a tuo vantaggio, dice Flaata.

– Quindi devi creare quanti più problemi possibili all’avversario, luoghi in cui può commettere errori e calcolare male. Si dice spesso che un giocatore forte deve essere sconfitto in tutte le fasi del gioco, sia nel gioco di apertura, nel gioco centrale o nel gioco finale. Questo perché giocare in questo modo può creare problemi in tutte le fasi, anche se la posizione viene “oggettivamente” persa.

Scacchi per tutti

Molte persone conoscono il giocatore di scacchi Simen Agdesten, ma pochi sanno che ha vinto il campionato di scacchi della NATO in Norvegia. Nel 1986 e nel 1987, Agdestein vinse il Campionato NATO di scacchi per la Norvegia. In seguito è diventato noto innumerevoli volte come campione norvegese, l’ultima volta quest’anno, ed è l’allenatore di Magnus Carlsen.

READ  Cluster di conoscenza e innovazione. commento.

La Norvegia ha vinto anche la competizione a squadre del torneo nel 2010. Questo è l’obiettivo di Flaata, che ha bisogno di tre giocatori norvegesi oltre a se stesso per poter partecipare alla competizione a squadre.

– Ogni membro delle forze armate, compresi i dipendenti e i coscritti, ha il diritto di partecipare. “Sto cercando di coinvolgere più persone”, afferma Flaata. L’anno prossimo spera di poter schierare una squadra norvegese se qualcuno si iscrive.

– Sto cercando di reclutare e, con il modello di coscrizione in Norvegia, probabilmente ci saranno giocatori di scacchi che prestano il loro primo servizio. Possono poi mantenere il loro interesse per gli scacchi partecipando e magari vincendo una medaglia al torneo del prossimo anno, dice Flaata.