Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Trovi difficile il linguaggio accademico? Lo pensano anche i ricercatori

Uno studio ha mostrato che gli articoli accademici contenenti molti termini professionali sono stati utilizzati meno da altri ricercatori.

Ora il mondo accademico non ha affatto il monopolio del linguaggio o della terminologia professionale. Se parli con un falegname, potresti sentire parlare di mezzo legno o D-glass.

Ma i ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche italiano hanno studiato lo stato della terminologia nel mondo accademico. Il loro studio è stato pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B.

lei era Il New York Times Chi ha citato il caso per la prima volta.

Lingua esaminata in 21.000 articoli

Ricercatori italiani hanno esaminato 21.486 articoli scientifici sulla ricerca in grotta. Perché cercare le grotte? Perché nelle grotte si radunano ricercatori di tante discipline diverse come geologi, archeologi, antropologi, ecologi e zoologi.

“Sono interessati a rocce, insetti, resti umani o murales”, ha detto al New York Times Alejandro Martinez, uno dei ricercatori dietro lo studio.

E la ricerca sulle grotte, secondo gli autori dell’articolo, ha molti termini tecnici speciali – e i ricercatori differiscono sull’uso di termini diversi.

I ricercatori che studiano la lingua hanno anche selezionato 1.500 parole diverse da diversi libri sugli scavi nelle grotte. Questi sono stati inseriti in un programma per computer, che ha cercato oltre 21.000 articoli scientifici. È così che i ricercatori scoprono la frequenza con cui vengono usate le parole.

Più termini hanno portato a meno citazioni

– Mostriamo una relazione negativa tra il numero di modi di dire nel titolo e nell’abstract e il numero di citazioni che l’articolo riceve, come scrivono i ricercatori nell’articolo.

Il numero di citazioni dipende dal fatto che altri ricercatori includano l’articolo nella loro ricerca.

Hanno anche scoperto che nessuno degli articoli più citati, con più di 450 citazioni, aveva termini professionali nel titolo. Quasi tutti contengono riassunti di un massimo dell’1% di termini professionali.

Da studioso, significa molto essere citato. Ciò significa che hai un impatto nel mondo della scienza e il numero di citazioni aiuta a misurare il tuo impatto come ricercatore.

Compensazione modalità bassa

Un altro studio sulla terminologia della materia è stato menzionato da forskning.no nel 2020. Ha dimostrato che le università di livello inferiore utilizzano più parole tematiche non necessarie rispetto alle università di livello superiore.

I ricercatori dietro lo studio, presumibilmente, hanno concluso che “compensava il basso status”.

John Christian Fløysvik Nordrum è ricercatore in giurisprudenza presso l’Università di Oslo. Ha commentato nell’articolo che è facile immedesimarsi nelle conclusioni dei ricercatori, anche a livello personale.

Più sei sicuro di te professionalmente, più è facile usare un linguaggio semplice, dice Nordrum a forskning.no. Egli stesso semplifica il linguaggio giuridico spesso pesante.

– Avevo bisogno di dimostrare che mi meritavo il mio posto intorno al tavolo. “Poi ho iniziato a usare parole più artistiche o a sottolineare i risultati e a lanciare nomi di persone importanti in giro”, ha detto Nordrum nel 2020.

Anche il linguaggio professionale e il gergo aiutano فائدة

Ma anche i termini hanno uno scopo, come sottolinea la ricercatrice in comunicazione Hilary Shulman per il New York Times. Sottolinea che tali termini possono semplicemente risparmiare tempo.

Spesso le parole descrivono fenomeni molto diversi, quindi l’autore non deve aggirare il porridge con parole banali.

Va notato che non tutti gli studi indicano che i termini tecnici sono solo negativi. Nel 2019, il ricercatore David M. Markowitz ha pubblicato uno studio in tidsskriftet rivista di linguaggio e psicologia sociale.

Ha dimostrato che l’uso di parole meno comuni, qualsiasi forma di gergo, al contrario, può essere un vantaggio.

Coloro che hanno usato parole più insolite in astratto hanno ricevuto più finanziamenti per la loro ricerca.

Markowitz ha concluso che il gergo non è sempre correlato a risultati negativi.

– Hai bisogno di un vocabolario specifico per collegare la ricerca

E forse anche nel mondo accademico esiste un mezzo d’oro, in termini di linguaggio professionale e terminologia. Nel 2018, forskning.no ha scritto di ricercatori che hanno messo insieme un glossario accademico.

L’obiettivo era aiutare gli studenti a imparare una lingua accademica, perché è almeno in qualche modo necessario, ha commentato la lessicografa dell’UIO Ruth Watvedtfield.

– Hai bisogno di un certo vocabolario per comunicare la ricerca. Per mettere in relazione i tuoi risultati con la teoria, hai bisogno di questi concetti e di un linguaggio astratto. Comunicazioni complesse non possono essere veicolate in modo molto semplice. Ma questo non significa che dovresti urlare contro te stesso con parole ed espressioni difficili.

Riferimento:

Martínez, Alejandro og Mammola, Stefano. (2021). La terminologia specializzata riduce il numero di citazioni da articoli scientifici. Atti della Royal Society B.

Ci piacerebbe sentirti!

Si prega di contattare qui
Hai commenti, domande, lodi o critiche? O consigli su qualcosa di cui scrivere?

READ  Quindi, Tix non ha paura di uscire stasera all'Eurovision - NRK Kultur og underholding