Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un contadino belga ha spostato il confine con la Francia quando ha ripulito la terra – VG

Hit, ma non più: queste pietre denotano il divario tra Belgio e Francia e preferiscono stare in pace. Foto: David Lavaux / Facebook

L’agricoltore belga “ha esteso i limiti” quando ha dovuto assicurarsi una guida più facile con il suo trattore.

Pubblicato:

Un appassionato di storia locale è stato il primo a scoprire che il Belgio è diventato improvvisamente più grande di 2 metri e 29 cm. La pietra spartiacque che si trova nello stesso posto da più di 200 anni è stata infatti trasportata un po ‘più lontano in Francia, scrive BBC.

Sullo sfondo sembrava quello di un annoiato contadino di pietra che ostacolava il suo trattore.

Il confine tra i due paesi si estende per 620 chilometri ed è stato formalmente stabilito dal Trattato di Kortrijk del 1820.

Ha reso il Belgio più grande e la Francia più piccola, non è una buona idea, dice il sindaco David Laveau nella città belga di Erquilin al canale TF1 francese. Aggiunge che lui stesso era ragionevolmente soddisfatto di uno spazio leggermente più grande, ma la sua controparte francese oltre confine non era del tutto d’accordo.

Leggi anche

La polizia ha preso d’assalto un parco a Bruxelles dopo uno scherzo del pesce d’aprile

Tuttavia, la strana pulizia ha fatto sorridere francesi e belgi.

Dovremmo essere in grado di evitare una nuova guerra di confine, afferma il sindaco francese Aurélie Welonek nella vicina città oltre il confine con La Voix du Nord.

Le autorità locali belghe prevedono di chiedere all’agricoltore di riportare la pietra nella sua posizione precedente.

READ  Quattro morti sono stati trovati in un ospedale tedesco - una donna arrestata (51) - VG

Se l’agricoltore rifiuta, il caso va al Ministero degli Affari Esteri belga e la Commissione per le frontiere franco-belga deve incontrarsi. Il comitato in questione non è attivo dal 1930.

Inoltre, secondo il sindaco Laveau, rischia di essere citato in giudizio se non segue gli ordini delle autorità.