Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un esperto della scelta di Putin: dovrebbe significare solo una cosa

– I russi sembrano avere un controllo migliore sulla guerra in Donbass perché i diversi dipartimenti cooperano più strettamente e si supportano a vicenda meglio di prima durante la guerra. Questa è una zona dove è facile fare la guerra con carri armati e veicoli cingolati, e quindi i russi sono preferiti. Ci si potrebbe aspettare che le forze ucraine si spostino poi verso le città perché sono più facili da difendere.

Questo è quanto ha detto a TV2 Turmod Heyer, presentatore e leader della ricerca presso lo Staff College.

Investigatore: Tormod Heyer è il capo della ricerca presso la Staff School. Foto: Martin Fønnebø / TV 2

Dice che l’avanzata russa è dovuta al fatto che l’area è un paesaggio steppico con più sistemi stradali, il che significa che i russi possono sfruttare i loro punti di forza, come la sezione della cintura corazzata che ha una grande potenza di fuoco ed è più facile da manovrare.

– Questo è uno dei motivi per cui l’Occidente sta ora intensificando gli aiuti con le armi e inviando più materiale di difesa alle forze ucraine. È chiaro che il consumo da entrambe le parti della guerra è in aumento.

Haier trova interessante per la Russia e il presidente Vladimir Putin vedere che alcuni paesi della NATO, come la Polonia, forniscono all’Ucraina sistemi di armi offensive senza attaccare.

– È una svolta interessante, perché dovrebbe significare solo una cosa, ovvero che la deterrenza degli Stati Uniti e della NATO sta funzionando. La Russia non osa attaccare e punire i paesi della NATO che forniscono sistemi di armi offensive all’Ucraina, perché sa che gli Stati Uniti e la NATO si vendicheranno.

Ricevi tutte le notizie sulla guerra in Ucraina qui!

Aumenta la possibilità di cambio di regime

Heyer ritiene che il deterrente sembri avere gravi conseguenze per Putin.

– Poi ci sono buone opportunità per migliorare il trasferimento di armi offensive e difensive agli ucraini. Se continuano a infliggere pesanti perdite ai russi ogni giorno che passa, ciò potrebbe contribuire a indebolire la base di potere di Putin a Mosca. Poi aumenta la possibilità che alla fine si possa cambiare il regime a Mosca.

Tuttavia, capisce che un cambio di regime potrebbe non essere molto imminente.

– C’è molta strada da fare adesso. L’Ucraina è importante per Putin e maggiori sono i costi e le perdite che la Russia deve sostenere in Ucraina, più è importante ottenere una vittoria convincente che possono consegnare al loro popolo.

Rileva inoltre che il tempo sta finendo per Putin quando si tratta di quanto il popolo russo sarà illuminato e sarà sulla situazione in Ucraina e sulle perdite russe a seguito della guerra.

– Perché i leader autocratici non stabiliscono la giustificazione politica per andare in guerra tra la popolazione, quindi sono molto deboli ed è importante che non perdano la faccia, si feriscano o appaiano come la parte perdente. Ci sono limiti a quanto puoi fare con il controllo della popolazione e le informazioni si diffonderanno nel tempo.

nuovo turno

Dopo due mesi di guerra, la situazione ha preso una nuova svolta questa settimana quando la regione separatista moldava della Transnistria, fedele alla Russia, è stata attaccata.

La regione separatista della Transnistria è sotto il controllo di un regime filorusso dagli anni ’90 e si trova a est della Moldova, lungo il confine con l’Ucraina. Ad oggi, circa 1.500 soldati della Russia sono di stanza lì.

C’era confusione su chi c’era dietro l’esplosione di un’antenna radio russa martedì, così come un attacco con granate al Ministero della Sicurezza nella regione. La repubblica separatista ha anche denunciato, mercoledì, sparatorie nel villaggio di Kolbasna, dove c’è un deposito di armi russo. La Russia dice che l’Ucraina è indietro, mentre l’Ucraina punta alla Russia.

Heyer crede che solo un paese abbia un motivo per compiere gli attacchi in Transnistria.

Gli attacchi portano tutti i segni distintivi della provocazione russa, dice, e usa il metodo dell’esclusione per spiegare perché crede che dietro ci debbano essere la Russia o le forze filo-russe:

  • La Moldova teme che la guerra colpisca il loro paese. Hanno fatto domanda per l’adesione all’UE e quindi non c’è alcuna indicazione che ci sia un vantaggio per la guerra nel paese. Quindi la Moldova non lo è.
  • – Probabilmente neanche l’Ucraina è in ritardo. Affrontano una minaccia esistenziale nella regione del Donbass a est e quindi è molto sfavorevole aprire una nuova divisione frontale a ovest, perché poi dovranno trasferire truppe da est a ovest, il che è illogico.
  • – Poi c’è un paese rimasto, che ovviamente ha un movente, la Russia. Usano quest’area per fomentare l’instabilità, con l’obiettivo di aumentare l’onere per le autorità di Kiev e le sue forze militari, rendendo difficile per l’Ucraina concentrarsi sulla principale minaccia per la Russia a est ea sud. Allo stesso tempo, contribuisce ad aumentare la pressione psicologica sulla popolazione di Odessa e dell’Ucraina occidentale perché lo stato maggiore russo ha affermato di voler aumentare il livello di ambizione militare, tra l’altro, creando un corridoio terrestre dalla Russia alla Transnistria . in tutta l’Ucraina meridionale.

Esplosione: martedì due antenne radio russe sono state fatte saltare in aria nella regione separatista della Moldova, la Transnistria.  Foto: Bollettino / NTB

Esplosione: martedì due antenne radio russe sono state fatte saltare in aria nella regione separatista della Moldova, la Transnistria. Foto: Bollettino / NTB

– Non pensare che l’Ucraina sia ingannata

Haier non vede che al momento non vi è alcun motivo per cui gli ucraini si debbano preoccupare dello sviluppo in questo settore.

Il numero di soldati russi in questa regione non è sufficiente per rappresentare una minaccia abbastanza grande per l’Ucraina o la Moldova. A quanto ho capito, i russi non hanno abbastanza capacità per aprire una nuova divisione di fronte in Transnistria. Hanno abbastanza per contrastare la resistenza ucraina nel Donbass e nella parte meridionale, a nord della Crimea.

– Se sì, cosa ottengono i russi da questi attacchi?

– Potrebbe esserci una crescente destabilizzazione e il fatto che l’attenzione delle autorità ucraine sia a Odessa che a Kiev si stia spostando verso l’Occidente e che questo potrebbe distogliere la loro attenzione altrove. Ma non credo che l’Ucraina si faccia ingannare da questo.

– Cosa diranno questi attacchi per un’altra guerra?

– Non credo che abbia ancora molto da dire. Ci sono relativamente poche truppe russe in Transnistria e la quantità di danni che possono infliggere è limitata, a meno che non possano spostare grandi quantità di materiale e rinforzi russi. Quindi sarebbero in grado di rappresentare una minaccia per la Moldova ea breve distanza dall’Ucraina, ma a mio avviso, non è chiaro se i russi ne abbiano le capacità.

Il tenente colonnello e capo della ricerca credeva che gli ordini per gli attacchi provenissero da una posizione elevata a Mosca, se il caso era che dietro di loro c’era la Russia.

– Questo tipo di attacco ha lo scopo di avere un effetto strategico e, se dietro c’è la Russia, molto probabilmente gli ordini sono arrivati ​​dallo stato maggiore di Mosca. Ha un tale effetto strategico. Ma poiché si trova in un altro Paese, potrebbe essere coinvolto anche Putin.

READ  L'ONU chiede ai ribelli di rilasciare esperti - NRK Urix - Notizie e documentari esteri Foreign