Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Un po’ di libertà – NRK Sport – Notizie sportive, risultati e palinsesto

– Un po’ di libertà – NRK Sport – Notizie sportive, risultati e palinsesto

– Ho iniziato con la testa con la palla quando avevo tre anni. Sarà interessante vedere quanto durerà la mia testa.

Leo Østigård racconta a NRK quella che è diventata una delle armi di difesa norvegesi più importanti in questo gruppo: la sua testa.

– qualche canguro

Il centrocampista, che paragona Morten Langley alla leggenda serba Nemanja Vidic, e che lui stesso considera Fabio Cannavaro come un modello, dice che non è un caso che sia diventato un vero mostro nell’aria.

Il Re dell’Aria: Ostegaard vola alto anche sulla squadra del Genoa.

Foto: Tano Pecoraro/AP

– Prendiamo sempre le misure della flessibilità e so di essere stato uno dei migliori club in passato. Quindi è importante quanto il tempismo, che papà e io abbiamo provato molto. Era il migliore della famiglia allora, ma ora vorrei poter essere migliore.

Il padre di Østigård è l’ex Åndalsnes bauta Even Østigård.

– Era molto bravo in testa e nei duelli, ed era anche più basso di me, ricorda oggi il 22enne.

In nazionale, ha formato una coppia di stopper di grande successo con Stefan Strandberg.

Un leone, come un canguro, è un testamento di Strandberg sulla resilienza del produttore di assorbenti interni.

Calcio, Nations League, Svezia - Norvegia

Canallard: Leo Østigård vince un altro duello nell’aria. Ce ne saranno molti.

Foto: JESPER ZERMAN / BILDBYRÅN

Non credo che nessuno in Norvegia lo porterebbe a duello

L’ultimo giocatore della nazionale dice che se la memoria è giocata a squadre, sarà alto circa 55 cm in un salto in alto costante.

– ma non lo so. Può essere inferiore o superiore. Non lo so, dice Ostegaard e sorride.

– Qualcuno dei giocatori della nazionale ti porta a duello?

No, spero di no, almeno. Voglio essere il migliore là fuori, ci sono dei grandi giocatori qui, ma si tratta di tempismo e intelligenza giusti. È qualcosa in cui so di essere bravo, ed è qualcosa in cui sono molto bravo, dice il ragazzo andaluso.

La chiave sta nel “tempismo”, dice lo stesso Ostegaard, e dice di essersi allenato molto per indovinare quando è meglio lanciarsi in un duello, e ora è sul pilota automatico.

trucchi di scherma

L’esperienza significava che ora aveva creato una piccola acrobazia di scherma che era bello avere al livello in cui stava giocando ora.

Salto sempre in anticipo, poi l’avversario viene un po’ abbattuto perché non può saltarmi dietro. Questi sono i tipi di cose che devi fare per ottenere il massimo quando non sei il più lungo in campo. Ma ci sono anche altre piccole cose che contano, e alcune le terrò per me, dice Ostegaard.

A Napoli?

Questa settimana, il 22enne è stato premiato con un posto dal re di transizione internazionale Fabrizio Romano.

Pochi hanno una rete di fonti migliore del giornalista italiano, e ora scrive che il Napoli è in trattative finali con il Brighton per un trasferimento definitivo per il norvegese, in prestito al Genoa in questa stagione.

Ostegaard stesso fa notare che non può ancora dire molto su questo.

– Ora ho concentrato tutta la mia attenzione sulla nazionale e qui sto facendo del mio meglio. Poi Jim (Solbakken) si occupa del resto. Devo parlargli un po’ e capire il prossimo piano. Dobbiamo guardare a questo, dice Ostegaard.

Eviterai la panchina

Se c’è una cosa che Leo Østigård odia, è sedersi in panchina. La maggior parte dei giocatori odia stare in panchina, ma Østigård lo odia. con H.

Passare in un club gigante come il Napoli dà automaticamente più competizione per i posti, ed è qualcosa che ha in mente quando sceglie un club.

Per me è sempre stato importante giocare le partite. lo sarà ancora. E poi so dove sono dopo aver giocato in Italia per sei mesi. Più grande è il club, più difficile sarà giocare, e queste sono le cose che devi considerare. Il giocatore della nazionale dice con sicurezza che sono fiducioso che lo farò funzionare molto bene nel prossimo club, se ciò dovesse accadere.

Questo gruppo ha fatto grandi prestazioni per la Norvegia e ha ricevuto molti elogi da diverse squadre.

Il 22enne apprezza le piacevoli reazioni.

– Ma si tratta di prepararsi per il prossimo gioco: mettere i piedi per terra e lavorare sodo. L’ho sempre fatto. Ho solo cercato di giocare meglio che potevo e di fare del mio meglio per la Norvegia e il mio paese, dice.

Obiettivo: familiarizzare i norvegesi con esso

Ståle Solbakken ha avuto il tempo di convincersi che Ostegaard dovrebbe iniziare con la Norvegia per una partita importante. Contro la Serbia ha avuto la sua prima occasione in un big match, la seconda in assoluto, e l’ha afferrata con entrambe le mani.

– Stavo aspettando di avere questa opportunità, e ora l’ho capito bene. Sono sempre stato fiducioso che mostrerò quello che posso e quello in cui so di essere bravo. È stata una cosa molto interessante, e ovviamente è bello mostrarla al popolo norvegese. Le persone potrebbero non guardare sempre le partite in Italia, quindi è bello e importante guardarle anche in Norvegia. Uno dei miei obiettivi era, dice Ostegaard, che le persone mi conoscessero un po’ meglio.

Possiamo riassumere gli obiettivi in ​​due parole:

missione compiuta.

READ  Iuel pronto per le semifinali con Cry for SOS - Kloster fuma - VG