Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un portavoce iraniano ha detto che c’è stato un incidente nella centrale nucleare di Natanz

Il portavoce di Behrouz Kamalondi ha detto che non ci sono stati feriti o contaminazioni dopo l’incidente. La causa dell’incidente non è stata specificata.

La televisione di stato iraniana ha detto domenica che un “misterioso incidente” è avvenuto prima dell’incidente.

Il presidente Hassan Rouhani ascolta il capo dell’Agenzia iraniana per l’energia nucleare, Ali Akbar Salehi, durante una visita di sabato per considerare nuove apparecchiature che renderanno più efficiente il programma nucleare del paese. Foto: Iranian Presidential Office / AP / NTB

Sabotaggio l’anno scorso

Nel luglio dello scorso anno, una misteriosa esplosione ha danneggiato l’avanzata centrifuga della centrale nucleare. L’Iran ha poi affermato che l’esplosione era il risultato di un sabotaggio.

Sabato la televisione di stato ha mostrato le prime immagini della nuova centrifuga. Il presidente Hassan Rouhani ha ispezionato l’impianto in grado di produrre uranio arricchito.

Secondo Rouhani, le nuove e avanzate centrifughe avranno una capacità dieci volte maggiore, ha riferito domenica mattina l’agenzia di stampa AP. Ciò significa che l’Iran può arricchire l’uranio più velocemente, in quantità maggiori e fino a livelli che violano l’accordo nucleare.

Si tratta di un’altra violazione delle disposizioni dell’accordo nucleare internazionale a seguito del ritiro degli Stati Uniti dall’accordo e dell’imposizione di dure sanzioni al Paese.

Nuove trattative

Martedì sono iniziati nuovi negoziati a Vienna nel tentativo di convincere gli Stati Uniti ad aderire all’accordo.

Sabato un tecnico ha dimostrato il nuovo impianto di centrifuga.

Sabato un tecnico ha dimostrato il nuovo impianto di centrifuga. Foto: Iranian Presidential Office / AFP / NTB

Russia, Cina, Germania, Francia, Regno Unito e Unione europea hanno cercato di mantenere l’accordo in vigore negli ultimi tre anni.

Ma non sono stati in grado di fermare gli effetti delle sanzioni statunitensi e l’Iran non ha iniziato a intensificare il suo programma nucleare, che il paese insiste solo per scopi pacifici e civili.

Quando l’accordo nucleare è stato firmato nel 2015, l’Iran ha accettato di rigide restrizioni e ispezioni diffuse in cambio della revoca delle sanzioni delle Nazioni Unite contro il paese.

Economia compressa

Nel 2018, l’amministrazione Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo. Le sanzioni imposte successivamente hanno colpito duramente l’economia iraniana e hanno effettivamente posto fine alle importanti esportazioni di petrolio del Paese, nello stesso momento in cui le compagnie occidentali hanno lasciato il Paese.

L’Iran ha già implementato l’arricchimento dell’uranio del 20%, mentre l’accordo stabilisce un massimo del 3,67%, che è abbastanza uranio per l’uso nelle centrali nucleari.

Per fabbricare bombe atomiche, è necessario un tasso di arricchimento di almeno l’85%.

(NTB / TV 2)

READ  Un nuovo caso di cannibalismo scuote la Germania | Lettere di notizie