Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un ricercatore rispettabile cercherà satelliti alieni – NRK Urix – Notizie e documentari stranieri

Il cosmologo e astrofisico di Harvard Avi Loeb è diventato noto per le sue opinioni controverse secondo cui gli alieni ci hanno visitato qui sulla Terra.

Ora vuole dimostrare l’esistenza di una vita intelligente nello spazio.

Attraverso il “Progetto Galileo”, Loeb ei suoi colleghi cercheranno di trovare e identificare gli oggetti nel cielo. Il piano è sviluppare una rete di telescopi che cercheranno prove di una civiltà extraterrestre nelle vicinanze della Terra, scrive la rivista scientifica Scientifico americano.

Cercherà satelliti alieni

Il progetto è finanziato, tra l’altro, da donazioni di privati, e il suo budget è di 1,7 milioni di dollari, equivalenti a circa 15 milioni di corone.

Avi Loeb è una superstar nel mondo della ricerca e ha pubblicato più di 700 articoli di ricerca. È l’iniziatore del Progetto Galileo.

Foto: Lottem Loeb/AFP

Un altro scopo del progetto è la ricerca di satelliti in orbita attorno alla Terra, che potrebbero essere localizzati da alieni che potrebbero osservare la Terra.

Catturando un’immagine medica ad alta risoluzione dello spazio, i ricercatori sperano di dimostrare che là fuori c’è vita.

Tuttavia, le critiche sono state accolte dopo che il progetto è diventato noto. La maggior parte delle persone che affermano di aver visto un oggetto volante non identificato crede che sia apparso dal nulla e sia scomparso altrettanto rapidamente.

È molto difficile immaginare come si possa creare una strategia di ricerca che abbia una possibilità di essere scoperta, afferma l’astrofisico Jonathan McDowell dell’Harvard Center for Astrophysics.

– Può aiutare a comprendere le cose naturali

L’astronomo e astronomo Pål Brekke del Centro spaziale norvegese ritiene che non danneggerà la ricerca di vita extraterrestre, ma non darà risultati.

amico Breaky

Non credo che Loeb troverà niente di più speciale di quello che già sappiamo, dice l’astronomo Pål Brekke.

Foto: Hilde Bjørnskau / NRK

– Abbiamo già diversi sistemi di monitoraggio dello spazio. Sia gli Stati Uniti che l’Europa, tra gli altri, hanno sviluppato programmi per monitorare tutti i rifiuti che ci sono. Brick dice che ci sono circa 20.000 oggetti che galleggiano nella stanza, che sono etichettati e sappiamo dove si trova qualcos’altro.

Ma crede che il progetto potrebbe integrare ciò che già esiste di ricerca in corso in questo settore.

Può essere utile capire altre cose naturali nell’atmosfera, ma troveranno e dimostreranno che abbiamo visitato da altri pianeti, ne dubito.

L’oggetto previsto potrebbe essere un’astronave

Gran parte dell’ispirazione per il progetto di Galileo è venuta da Loeb dall’interstellare ‘Oumuamua’. Scoperta nell’ottobre 2017 in un osservatorio alle Hawaii, significa “messaggero di un lontano passato”.

È stato il primo oggetto di un altro sistema solare ad essere osservato nel nostro sistema solare. Pertanto, interstellare diventa freddo.

Oumuamua, un oggetto interstellare.

“Oumuamua ha ricevuto molta attenzione quando è esplosa nel nostro sistema solare nel 2017. Gli scienziati cercheranno anche altri oggetti interstellari che ce lo ricordino.

Foto: M. Kornmesser / AFP

All’inizio gli scienziati pensavano che fosse una cometa e poi un asteroide. Ma nessuna delle definizioni si adattava, il che ha fatto fiorire le teorie. Forse era un’astronave?

“Oumuamua potrebbe essere una sonda completamente funzionante inviata con l’obiettivo di raggiungere le immediate vicinanze della Terra da una civiltà extraterrestre”, hanno scritto Loeb e i co-ricercatori. studio dal 2018.

Il design si basava sul fatto che un oggetto aumenta improvvisamente la sua velocità mentre viaggia attraverso il nostro sistema solare. Loeb fu presto accusato della mancanza di prove solide per le sue affermazioni.

Non sono d’accordo con Lube

Pål Brekke crede che ci siano spiegazioni naturali per l’accelerazione di ‘Oumuamua.

– Non credo che questa sia un’astronave. Siamo stati in ritardo nell’individuarlo e non abbiamo potuto notarlo fino a quando non si è allontanato da noi. L’astronomo dice che sta accelerando, ovviamente, ma è lontano dalle spiegazioni naturali per gli asteroidi e simili che possano spiegarlo.

La polemica sugli UFO è stata ripresa anche dopo che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il Pentagono, Recentemente pubblicato un video di un oggetto Come volare a velocità supersonica. La comunità dell’intelligence statunitense non può escludere che fosse un’astronave.

L'immagine proviene da un video girato il 26 aprile 2020, per gentile concessione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, che mostra un oggetto non identificato.  Il video è stato girato da piloti navali.

Diversi videoclip militari mostrano note inspiegabili.

Foto: DISPENSA / AFP

per grandi distanze

Sebbene Brekke ritenga improbabile che Loeb trovi tracce di extraterrestri che ci hanno visitato, c’è una possibilità leggermente maggiore che si riesca a rilevare segni di vita intelligente nello spazio.

Ma le distanze sono troppo grandi. Se dovessimo visitare la nostra stella più vicina, Proxima Centauri, che dista quattro anni luce, impiegheremmo circa 160.000 anni per raggiungerla con lo space shuttle, dice.

Secondo Brikki, la maggior parte delle stelle ha pianeti intorno a loro. Nella nostra galassia, la Via Lattea, abbiamo circa 100 miliardi di stelle. Gli astronomi stimano che ci siano 10 miliardi di galassie nell’universo.

Quindi è alta la probabilità che ci sia vita intelligente su uno di quei pianeti, ora o milioni di anni avanti e indietro nel tempo, dice Brikki.

Se riceviamo un segnale da qualcuno distante 100.000 anni luce, ci vorranno 100.000 anni luce prima che ottengano di nuovo la nostra risposta. Quindi è difficile pensare a un modo ragionevole di comunicare.

READ  Il Macbook Pro best-in-class ottiene un "pulsante Turbo" integrato