Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un santo italiano, un bambino tedesco e una donna demone hanno tutti un ruolo nella storia del 13 dicembre

Santa Lucia fu martirizzata nel 304 quando scelse di dedicare la sua vita a Dio piuttosto che sposarsi. Il suo nome deriva dalla parola “luce” e il 13 dicembre è il suo giorno in Occidente.

Ma la tradizione scandinava del giorno di Lucia non deriva solo dalla santa italiana. Un’altra ispirazione potrebbe essere la variante tedesca del cattolico San Nicola, l’antenato di Babbo Natale.

E prima di entrare nella festa di Lucia qui in Norvegia, la notte del 13 dicembre era già un giorno significativo. Fu allora che la spaventosa Lucy usciva di notte e controllava se le persone avevano finito i preparativi per il Natale.

tipo di gara

Ma cominciamo con la celebrazione moderna di Lucia. Il luogo dove bambini e adulti salgono sui treni in abiti bianchi e accendono candele in mano o una ghirlanda in testa – e cantano la canzone di Lucia.

La prima Lucia norvegese sulla copertina del settimanale Aktwell.

Questa è un’usanza relativamente nuova in Norvegia, importata dalla Svezia, afferma Herlik Buckled, assistente professore all’Università della Norvegia sudorientale.

Ritiene che la tradizione di Lucia abbia cominciato a diffondersi in Norvegia dopo il 1927. Quest’anno è stata la prima volta che un giornale svedese ha fatto un grande problema al di fuori della tradizione.

Dopo che Modern Lucia è stata creata e spostata dalla sfera privata allo spazio pubblico, afferma Buckleed, che ha svolto ricerche sulle tradizioni delle vacanze norvegesi.

Nel 1945, anche gli studenti norvegesi votarono per Lucia per la prima volta, secondo il settimanale Aktuell. La prima pagina di questo numero potrebbe anche indicare che Lucia di Göteborg era in visita oggi a Oslo.

READ  Tifoso della Roma espulso dopo commenti razzisti

– In precedenza, c’era una gara per essere la migliore Lucia, una specie di gara. Blyde dice che è un oggetto caduto.

Servi il cibo alla famiglia

Ma molto prima delle gare, la tradizione è iniziata nelle case della gente.

In Svezia si hanno tracce di celebrazioni risalenti alla fine del Settecento e all’inizio dell’Ottocento.

La cerimonia prevedeva che la donna si vestisse di bianco, preferibilmente con una corona con una candela in testa, e offrisse cibo e bevande agli altri membri della famiglia.

Celebrazione di Lucia a Jerbos, Svezia.  La foto è stata scattata tra il 1890 e il 1905.

Celebrazione di Lucia a Jerbos, Svezia. La foto è stata scattata tra il 1890 e il 1905.

A poco a poco, sempre più il seguito di Lucia veniva chiamato, come le altre donne che somigliavano un po’ a Lucia, sulla sterna.

Lucia e le sue assistenti divennero popolari anche nei gruppi sociali. Poi gli studenti si sono impossessati della tradizione.

– Alla fine, questo è stato raccolto da comunità studentesche come Uppsala e Lund. La cosa divertente all’epoca, dice Buckled, è che Lucia di solito era un uomo, non una donna.

Tradizione natalizia tedesca con una ragazza vestita di bianco

Ma perché gli svedesi hanno davvero iniziato a festeggiare un weekend italiano?

– È una domanda interessante. Tali abitudini possono essere spostate con l’aiuto di persone che si spostano e quindi possono essere trasformate e adattate alle aree della casa, afferma Blede.

Allo stesso tempo, c’è una teoria che parte dell’usanza non provenga dal santo cattolico.

In Germania esisteva una tradizione simile in cui una ragazza vestita di bianco, chiamata Christkindlin, andava in giro per distribuire doni, in sostituzione del cattolico San Nicola. Era vestita di bianco e aveva una corona di candele sul capo.

Illustrazione di Kristkindlin e del temibile assistente Hans Trapp che sta arrivando per una visita di Natale.

Illustrazione di Kristkindlin e del temibile assistente Hans Trapp che sta arrivando per una visita di Natale.

La ragazza doveva simboleggiare il bambino Gesù e portò con sé un ragazzo di nome Hans Trapp, che era una specie di diavolo.

READ  Scott Disick e Amelia Hamlin:-

Questa tradizione tedesca potrebbe essere stata un precursore della tradizione Lucia che troviamo in Svezia, dice Buckleed.

Lussi Langnatt

Poi abbiamo Lucy di Norwegian Folk Beliefs. A differenza di Santa Lucia, questo personaggio femminile non era affatto un simbolo di luce e bontà.

Lucy era una creatura errante con un seguito di fantasmi. Liv Helen Willumsen dice che tali fantasmi erano irrequieti morti dal cimitero. È Professore Emerito di Storia presso la Norwegian Arctic University – UiT e ha condotto ricerche sulle esperienze delle streghe nel Finnmark e in Scozia.

Insieme al suo temibile entourage, Lucy andò intorno alla notte del 13 dicembre, chiamata anche Lussi Long night, per controllare che la gente avesse terminato i preparativi per il Natale.

– Ho controllato i compiti, specialmente quelli relativi al movimento circolare, come la filatura, la cottura al forno e la pittura, in modo che andassero bene prima di Natale. Se ciò non è stato fatto, dice Willumsen, hanno ricevuto una qualche forma di punizione.

Lei stessa conosce le storie su Lucy e sui morti che sono risorti dal cimitero, dalla sua educazione a Vesterålen negli anni ’50 e ’60. Chiamavano il temibile entourage “camminare” o “camminare”.

solstizio d’inverno 13 dicembre

Allora perché Lucy è venuta solo la notte del 13 dicembre?

Nel calendario giuliano, questa notte era il solstizio d’inverno, che significa la notte più lunga dell’anno. Si pensava che fosse stato aperto un passaggio per la stanza inferiore ed era troppo pericoloso avere persone fuori, dice Willomsen.

E nel folklore norvegese, è comune che esseri soprannaturali e morti irrequieti appaiano in occasioni importanti.

READ  - Cerca di non pensarci

Negli anniversari come il solstizio d’inverno, Natale, Pasqua e St. Hansaften, il velo tra i mondi si scioglie un po’, in modo che i fantasmi e gli esseri dall’altra parte possano passare liberamente, dice.

In altre parole, il folklore norvegese è sopravvissuto a lungo.

L'entourage di Lucy è simile a Åsgårdsreia, che ha ispirato molti artisti.  Questo era uno stormo di fantasmi e altre creature soprannaturali che volavano nell'aria nel periodo natalizio.

L’entourage di Lucy è simile a Åsgårdsreia, che ha ispirato molti artisti. Questo era uno stormo di fantasmi e altre creature soprannaturali che volavano nell’aria nel periodo natalizio.

Lucia ha preso il comando

Ma Willomsen riconosce che Lucia ha dovuto cedere Lucia, anche nel nord della Norvegia, dove un tempo questa credenza popolare era diffusa.

Dominava la festa di Santa Lucia. Dice che gli agenti con Lucy potrebbero non essere così tanti nel nord come sanno ora.

Nota che i vestiti bianchi e le candele accese contrastano nettamente con i periodi più bui dell’anno in Norvegia, specialmente al nord. Ciò potrebbe aver contribuito alla grande influenza della tradizione svedese.

Al giorno d’oggi, i bambini festeggiano spesso Lucia all’asilo oa scuola.

Hirlik Buckled dice che i bambini dell’asilo universitario tendono ad andare al Luciatog e cantare per il personale dell’università nel sud-est della Norvegia, il che è un’esperienza commovente.

– Penso che sia una buona abitudine che ci è venuta dalla Svezia, dice il ricercatore.

Oggi associamo la celebrazione di Lucia in Norvegia con i bambini dell'asilo oi bambini delle scuole che vanno in treno.

Oggi associamo la celebrazione di Lucia in Norvegia con i bambini dell’asilo oi bambini delle scuole che vanno in treno.

Riferimenti:

Skansen: Lucia – tradizione alterata, digitalmuseum.se.

Leggi anche:

Quanto è cambiato il Natale norvegese in 200 anni?