Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un terzo di loro è stato ricoverato entro quattro mesi:

Sempre più studi dimostrano che molte persone soffrono di gravi infezioni ad esordio tardivo dopo aver contratto la corona.

In un nuovo studio del Regno Unito, i ricercatori hanno esaminato il decorso della malattia in 48.000 persone dopo essere state dimesse dall’ospedale.

È quindi emerso che quasi un terzo dei pazienti avrebbe bisogno di una nuova ammissione entro quattro mesi.

Inoltre, un paziente su otto è deceduto dopo essere stato dimesso dall’ospedale.

Alla luce dei risultati pericolosi, i medici ora sostengono che i pazienti dovrebbero essere monitorati in misura maggiore nel tempo dopo che si ammalano gravemente. In questo modo, i danni agli organi e altre complicazioni possono essere rilevati in una fase precoce.

FHI afferma che gli studi in Norvegia indicano anche che le persone ricoverate in ospedale hanno un maggiore bisogno di assistenza sanitaria in seguito.

– È inquietante

Il virus è noto per causare gravi problemi respiratori. Potrebbe non essere ben noto che la corona può anche causare gravi danni a organi come cuore, fegato e reni.

Il nuovo studio è una collaborazione tra i ricercatori dell’University College di Londra, l’Università di Leicester e il National Statistics Office del Regno Unito.

I ricercatori hanno studiato i record di 48.000 persone ricoverate dopo Corona per vedere se sono riusciti dopo.

Hanno esaminato la necessità di essere ricoverati nel nuovo ospedale, se le persone fossero morte dopo essersi ammalate gravemente e se avessero problemi respiratori, cardiaci, epatici e renali o il diabete.

Dopo 140 giorni, quasi un terzo di loro ha dovuto essere ricoverato di nuovo e uno su dieci è morto.

Secondo gli autori Non erano solo gli anziani a essere sottoposti a screening nello studio. I ricercatori ritengono che i risultati dovrebbero essere presi molto sul serio.

READ  Pizzabakeren, Svezia | Guerra totale di parole nel caso Pizzabakreen: - Ha mentito sul suo passato

Questo è allarmante e dobbiamo prenderlo molto sul serio, afferma la dottoressa Amitava Banerjee del Dipartimento di informatica sanitaria dell’University College di Londra. Watchman.

Dimostriamo chiaramente che questa è tutt’altro che una malattia benigna. Dobbiamo monitorare i pazienti per la corona in modo da essere consapevoli del fallimento d’organo nella fase iniziale, dice.

Ricerca: dopo le domande di TV 2, il direttore dell’argomento Frode Forland e colleghi del National Institute of Public Health hanno esaminato lo studio dal Regno Unito. Foto: Simen Askjer / TV 2

Aumento del consumo di servizi sanitari

L’Istituto nazionale di sanità pubblica attualmente non dispone di informazioni coerenti con lo studio dell’inglese in Norvegia. Quindi non potevano rispondere a quanti norvegesi avessero bisogno di una nuova ammissione dopo quattro mesi.

Forse potremmo studiarlo collegando i diversi record nel tempo, afferma il direttore del controllo delle infezioni di FHI, Frode Forland.

Indica anche che uno studio norvegese ha studiato l’uso dei servizi sanitari per i pazienti con grave virus Covid-19, che dovevano essere ricoverati in ospedale. Lo studio mostra la stessa tendenza.

Lo studio ha dimostrato che i pazienti ospedalizzati potrebbero aver aumentato il consumo di servizi sanitari dopo il Covid-19. Nessun aumento simile è stato osservato tra i pazienti COVID-19 lievi, afferma Forland.

Reparto intensivo: è necessaria molta attrezzatura nell'unità di terapia intensiva per malattie cardiache coronariche presso l'ospedale di Hockland.

Reparto intensivo: è necessaria molta attrezzatura nell’unità di terapia intensiva per malattie cardiache coronariche presso l’ospedale di Hockland. Foto: Ivar Lid Riise / TV 2

Potenziali punti deboli

Quando si tratta di studiare dal Regno Unito, gli autori affermano che la nuova diagnosi di ammissione non è stata registrata. Forland pensa che questo sia un punto debole dello studio.

– Nel gruppo di controllo non infettato dal virus Covid-19, anche il 9,2% è stato ricoverato in ospedale, quindi il nuovo trattamento in ospedale per Covid-19 dovrebbe essere molto inferiore al 29,4%, afferma Forland.

Gli autori affermano inoltre che la soglia per il rientro dopo COVID-19 potrebbe essere inferiore al normale.

Potrebbero anche esserci pratiche diverse nella rapidità con cui i pazienti vengono dimessi, il che può aumentare la necessità di ricovero in un nuovo ospedale. Potrebbe essere il caso dell’Inghilterra, che ha visto anche più pressione sul sistema sanitario rispetto alla Norvegia, dice.

Il topic manager dice di essere anche preoccupato che molte persone subiranno infortuni tardivi anche dopo Corona in Norvegia.

Alto rischio

Sebbene vengano pubblicati costantemente nuovi studi, resta ancora molto da vedere.

I sintomi inspiegabili a lungo termine che durano più di quattro mesi dopo che le persone hanno contratto il coronavirus sono spesso chiamati “COVID-19 a lungo termine”. I medici stanno ancora lavorando per trovare uno schema che spieghi perché alcune persone hanno un infortunio ritardato molto tempo dopo l’infortunio.

Forland sottolinea che V. Riepilogo delle informazioni FHI Hanno pubblicato all’inizio di marzo e hanno scoperto che molti pazienti avevano almeno un sintomo in sei mesi di follow-up.

I sintomi più comuni erano mancanza di respiro, affaticamento e diminuzione dell’olfatto e del gusto. I nostri risultati nel nostro rapporto sono incoerenti, ma indicano che la gravità del Covid-19 è associata a un aumentato rischio di sintomi a lungo termine, afferma il responsabile del soggetto.

Il NIPH ritiene che lo studio indichi che le persone che sviluppano un grave decorso di malattia con COVID-19 hanno anche un aumentato rischio di sintomi a lungo termine.

“I pazienti ricoverati in terapia intensiva con covid-19 sembrano avere un rischio maggiore di contrarre covid-19 a lungo termine”, dice.

Ammissione: ad oggi, non abbiamo condotto studi in Norvegia per esaminare il numero di persone che necessitano di una nuova ammissione dopo essere state gravemente ammalate di Corona.

Ammissione: ad oggi, non abbiamo condotto studi in Norvegia per esaminare il numero di persone che necessitano di una nuova ammissione dopo essere state gravemente ammalate di Corona. Foto: Ivar Lid Riise / TV 2

Il contesto non è chiaro

Allo stesso tempo, non è chiaro se i sintomi siano specifici per covid-19 o se riflettano effetti tardivi più generali della terapia intensiva e delle infezioni virali poiché non sono stati effettuati studi controllati.

Forland spiega che molti pazienti sono stati ricoverati in unità di terapia intensiva dopo aver provato un trattamento medico invasivo dopo aver sperimentato la sindrome da terapia intensiva (PICS), che condivide molte somiglianze con il covid-19 a lungo termine.

I ricercatori dello studio britannico ritengono che sia necessario monitorare i pazienti Corona in misura maggiore dopo che sono stati dimessi dall’ospedale per rilevare complicazioni e insufficienza d’organo in uno studio precoce.

Come viene svolto questo lavoro in Norvegia? Siamo abbastanza bravi da seguire le persone dopo che sono state accettate?

Le persone con sintomi a lungo termine dovrebbero chiamare un medico per il follow-up. La nostra impressione è che i servizi sanitari primari e terziari lo stiano prendendo molto sul serio, afferma Forland.