Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Una delle auto da corsa più belle di sempre

Pochissime auto da corsa sono state belle come la Ferrari 250 GTWB, e almeno la britannica RML è d’accordo, hanno anche creato un’auto da strada ispirata a questo.

Tutte le storie hanno il loro inizio, e per la Ferrari questo iniziò nel 1898. Fu allora che Enzo Ferrari nacque, ovviamente, a Modena, la capitale delle auto sportive.

Dieci anni dopo, padre Alfredo scortò il giovane Enzo e il fratello maggiore Dino (il suo vero nome Alfredo, lui e lui) a una gara automobilistica a Bologna, ed Enzo rimase affascinato da questi imponenti veicoli. La gara è stata vinta anche da Vincenzo Lancia, fondatore della Lancia.

Ma la vita non fu facile per più di 100 anni, e nel 1916 il padre e il fratello morirono durante la violenta epidemia di freddo che devastò l’Italia. Anche Enzo è stato ferito, ma è sopravvissuto.

All’età di 18 anni ha dovuto lasciare gli studi e lavorare come insegnante a turni a Modena. Un anno dopo, è stato arruolato nell’esercito, ma poi la tragedia è tornata di nuovo. All’epoca colpì lo stesso Enzo, che si ammalò gravemente e subì due interventi chirurgici prima di laurearsi.

Il caso continua sotto l’annuncio

Il sogno di lavorare con un’auto era ancora in agguato nella sua testa, e ha fatto domanda per un lavoro con il gigante Fiat. Non funziona.

Ma è riuscito a trovare un lavoro come collaudatore alla Torpedo che ha trasformato i pickup in auto. E così aveva un punto d’appoggio nell’industria automobilistica, e quello fu l’inizio della sua avventura.

Ha rapidamente progredito fino a diventare un collaudatore per Construzioni Meccaniche Nazionali (CMN) l’anno successivo, e da lì ha avuto la possibilità in una breve gara vera e propria.

Il debutto del 21enne Enzo si è concluso con un impressionante quarto posto nella corsa in collina 1919 Parma-Poggio di Berceto.

Sfortunatamente, il futuro non era solo dorato. Affrontare le avversità, nessun risultato è stato ottenuto in pista.

Ma le cose sono cambiate quando ha ottenuto l’Alfa Romeo Tipo 40/60. Questa era in realtà un’auto che aveva un telaio di Torpedo.

Enzo si classificò secondo nella celebre Targa Florio, che fu anche l’inizio di una collaborazione con l’Alfa Romeo durata 20 anni. Durante questo periodo, lo stesso Enzo ha realizzato la maggior parte delle auto da corsa, comprese le corse.

Il giovane Enzo si schierò con le vittorie e, dopo aver vinto il Circuito del Savio nel 1923, incontrò il conte Enrico Barraca, il padre del famoso pilota italiano Francesco Barraca della prima guerra mondiale. Il pilota di caccia è stato il campione italiano di aviazione durante la prima guerra mondiale e secondo la leggenda ha vinto ben 34 battaglie aeree. Dopo la prima battaglia aerea nel 1916, dipinse uno stemma sull’aereo.

READ  - Tour senza stress - VG

Successivamente, la contessa Polina offrì a Enzo di usare l’emblema di un pilota da combattimento.

Usalo sulle tue auto, Enzo. La contessa ha detto che, secondo la stessa Enzo, significherebbe felicità “.

Logo? Un cavallo nero e ripido. Lo sfondo giallo canarino è stato ripreso dallo stesso Enzo nel colore di Modena.

Enzo rimase così impressionato in pista da essere soprannominato “cavaliere” nel 1924, soprannome che le autorità italiane promossero a “cavaliere” l’anno successivo e infine “capitano” nel 1927.

Il suo interesse per la stampa e per molti altri lo spinse anche a fondare il Corriere dello Sport nel 1924.

Nel 1925, il più grande pilota italiano dell’epoca, Antonio Ascari, morì per una gara, indebolendo la carriera di Enzo. Il pilota Enzo da allora non è più stato lo stesso.

Questo lo portò a creare la Scuderia Ferrari nel 1929, che significa Stall Ferrari. L’obiettivo era quello di creare una “scuderia da corsa” che avrebbe reso più facile per i ricchi proprietari di auto che volevano cimentarsi nel motorsport.

Gli anni che seguirono furono un’attività frenetica nella Scuderia Ferrari, ma Enzo continuò il suo lavoro di pilota automobilistico in Alfa Romeo.

Ma nel 1931 decise di porre fine alla sua carriera. Poi aspettava un ragazzo (battezzato Alfredo che si chiama Dino, sì come un fratello maggiore che è morto), e un accumulo di lavoro alla Scuderia Ferrari. C’erano molte persone benestanti che volevano unirsi a Enzo.

Ha assunto la direzione delle corse dell’Alfa Romeo nel 1933 e la Scuderia Ferrari ha costruito l’Alfa Romeo 158 “Alvita” nel 1937. Ha dominato il motorsport internazionale.

Nel 1938 le cose si fanno difficili per la Scuderia, Enzo prende un nuovo incarico in Alpha e si trasferisce a Milano.

Lì raccolse velocemente una o due cose e se ne andò l’anno successivo. Forse la gente dell’Alfa ha capito cosa stava progettando e gli ha fatto firmare un documento che vieta l’uso del nome Ferrari per i successivi cinque anni.

Ora è ossessionato dal battere l’Alfa, e solo quattro giorni dopo, Auto Avio Costruzioni (AAC), la pioniera di quella che sarebbe diventata la Ferrari, ha aperto a Modena.

Tuttavia, il tempismo è stato molto scarso. La seconda guerra mondiale era in aumento, ma AAC era riuscita a costruire due auto chiamate 815 (8 cilindri, 1.500 metri cubi) sulla piattaforma Fiat prima dello scoppio della guerra. Non c’è stato alcun successo, ma sono storicamente molto importanti. Questa è stata la prima delle due vetture costruite da Enzo e l’inizio dell’avventura Ferrari.

In piena guerra, nel 1943, Enzo trasferì la fabbrica a Maranello, dove fu costruita la prima parte di quella che divenne nota come la Fabbrica Ferrari. A Modena hanno lavorato per la compagnia di bandiera, ma ora possono concentrarsi sulla costruzione di automobili.

READ  Deluso, infortunato e in polvere - VG

Nel 1944 la fabbrica fu bombardata due volte, ma riuscirono a ricostruirla.

Dopo la fine della guerra nel 1945, Enzo e il resto della banda furono finalmente in grado di iniziare a lavorare per costruire le proprie auto. E l’ambizione non era qualcosa di cui parlare.

Il piano era quello di costruire un solido motore V12. Può essere utilizzato in questo modo sia nelle vetture da corsa monoposto che nelle vetture GT su strada. Bruciore, questo è Enzo.

E ci sono riusciti così bene che in realtà è stata l’architettura che tutti i motori Ferrari hanno seguito.

Nel dicembre 1946, l’orgoglioso Enzo sottopone alla stampa i disegni e le specifiche di una nuova vettura e quattro mesi dopo – dopo due anni di produzione – effettua il suo primo volo di prova su strada. L’auto doveva essere conosciuta come la 125 S.

Nel 1948 la Ferrari vinse la Mille Miglia, e nel 1949 Le Mans per 24 ore, la prima vittoria in Formula 1 arrivò nel 1951 e finalmente vinse il suo primo titolo mondiale nel 1952 con Alberto Ascari, figlio di Alberto scomparso nel 1925. Ascari seguì l’esempio Con un nuovo titolo di Coppa del Mondo l’anno successivo.

Enzo era poi tanto tempo fa un eroe popolare in patria.

Nel 1952 ricevette anche il titolo più alto assegnato al duro lavoro, un Cavaliere di Prima Classe.

Poi siamo anche arrivati ​​all’inizio della storia di una delle più belle auto da corsa di tutti i tempi.

Quell’anno, la Ferrari riuscì a introdurre un nuovo modello che sarebbe stato di particolare interesse per il marchio automobilistico, la Ferrari 250. Questo seguì anche la formula flessibile che afferma che le auto dovrebbero essere utilizzate in pista e come auto normali su strada. Quindi gt.

Una di quelle pensate per la pista si chiamava 250 TR Testarossa, la prima vettura a portare il mitico nome. Testa significa testa / testa e Rossa significa rosso. Il nome Testarossa è impresso sul cofano rosso.

La Ferrari ha realizzato una lunga serie di 250 modelli, e uno dei più leggendari di questi è stato rivelato durante il salone dell’auto di Parigi del 1959.

Questo è stato chiamato SWB (passo corto) e fastback / coupé (berlinetta) che era anche legale per la strada, motivo per cui viene spesso definito 250 GT SWB Berlinetta.

Uno dei motivi per cui si distingue così tanto è che la stessa Pinin Farina ha contribuito a progettare questa vettura sportiva un po ‘compatta e ha conquistato il mondo.

Si dice che la Ferrari abbia fatto solo poche centinaia di copie di questo, per questi modelli “ibridi” che sono stati costruiti sia per le piste che per le strade non hanno avuto alcuna possibilità contro le auto da corsa più pure che apparvero in pieno vigore negli anni ’60.

READ  Batti Granada e preparati per le semifinali

Ma c’è qualcosa chiamato “il re è morto, il re ha vissuto a lungo”.

Il gruppo britannico RML, che di solito sviluppa parti ad alte prestazioni sia per gli sport motoristici, i produttori di auto sportive e persino i militari, non ha dimenticato il simbolo del 1959, e in realtà ne è così affezionato che saluta anche il modello.

La nuova vettura si chiama RML Short Wheelbase ed è un tributo alle supercar del passato con un tocco moderno.

Con il motore Ferrari V12 montato anteriormente e le linee familiari della Ferrari 250, ora in un telaio in fibra di carbonio, il passo corto è chiaramente Grand Rover Dallo scaffale più alto.

RML afferma di aver sfruttato tutta questa esperienza quando ha raggruppato questo modello GT con un passo corto, ottenendo un livello di comfort e praticità che non si sarebbe potuto immaginare in 60 anni.

Tra le altre cose, hanno rialzato il tetto per una maggiore altezza interna e hanno fornito all’auto sedili regolabili elettricamente, sistema di navigazione, aria condizionata, portabicchieri e un sollevatore mobile, ovviamente in modo discreto.

Sotto il cofano, hanno messo un V12 Ferrari da 5,5 litri che produceva 485 CV e 568 Nm di coppia. La potenza viene erogata alle ruote posteriori da un cambio manuale a 6 marce Ferrari, e anche le prestazioni sono “decenti”. L’RML riporta che 0-60 mph (96,6 km / h) scompare in 4,1 secondi, mentre la velocità massima è di circa 300 km / h.

L’unica cosa importante per la RML erano le classiche linee 250 e, nonostante la crescita dell’auto, le linee iconiche erano chiaramente preservate. Qui, dettagli come le luci posteriori impilate, il cofano del carburante sporgente, la griglia e le prese d’aria dietro le ruote anteriori e sul cofano sono tutti a posto, ma progettati in modo nuovo.

E non pensare che questo sia un lavoro da fare tra due mesi.

“Dopo quasi tre anni, ci stiamo avvicinando al completamento dello sviluppo del passo corto”, afferma Michael Malloch, CEO.

Questo è un lavoro enorme come nessun altro.

Il passo corto RML sarà in vendita nell’ultimo trimestre di quest’anno e sarà unico quasi quanto la Ferrari 250 SWB. Si accontentano di fare circa 30 auto.

Il risultato è altrettanto bello di quello che poteva fare una Ferrari nel 1959, come mostrano le immagini qui sotto.

Leggi anche: