Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Una dichiarazione di guerra della Meloni |  lotta di classe

Una dichiarazione di guerra della Meloni | lotta di classe

È venerdì mattina. In una cantina vuota di Roma, bandiere arcobaleno sono appese alle pareti. Quando verrà la sera, la sala si riempirà di gente pronta a festeggiare.

Per ora c’è solo Rachel Giuliano. È la presidente della prima e più grande organizzazione italiana per i diritti dei gay di Roma, Arcigay.

Ci liberiamo di alcune sedie di plastica rosa. Dice che questo seminterrato è un santuario per una minoranza ora sotto attacco da parte del nuovo governo di Giorgia Meloni.

– Abbiamo un governo omofobo, e la Meloni ha una politica che è una dichiarazione di guerra alla comunità gay, dice Giuliano.

Dice che fa male vivere in una comunità che vota per uno come la Meloni.

contro la “lobby gay”

Meloni, che appartiene al partito di estrema destra Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia), ha vinto le elezioni lo scorso anno. Ha promesso un confronto con le élite e una lotta per gli italiani comuni.

Ma le mani della Meloni sono legate dall’UE quando si tratta di quale politica economica può perseguire. Invece, lei e la destra, ispirata dalla destra americana, puntano molto sulla guerra culturale come strumento più importante per mantenere il loro sostegno.

READ  Nordic Semiconductor ha registrato un forte calo nel mercato azionario nonostante abbia registrato profitti record

– Sì alle famiglie naturali, no lobby LGBT, ha detto la Meloni in un discorso elettorale lo scorso anno.

Giuliani credeva che Meloni fosse apparentemente riuscito a prendere le distanze dall’estrema destra e dai fascisti italiani. Allo stesso tempo, mantiene una politica che ha un sostegno più ampio, come la mobilitazione contro i diritti dei gay, l’aborto e l’immigrazione da paesi e regioni in cui le persone non sono bianche.

In un altro famoso discorso, la Meloni ha affermato: “Sono una donna, sono una madre, sono una cristiana”.

– Questa retorica è stata usata su uno che fa sentire attaccati tutti noi che non rientriamo nella scatola naturale della Meloni, dice Giuliano.

Il primo passo?

Ma non sono solo parole dolorose. Ora il governo Meloni sta facendo in modo che venga tolta la possibilità che gli omosessuali italiani vengano registrati come genitori.

Giuliano afferma che l’Italia è già indietro rispetto ad altri paesi in Europa quando si tratta di diritti LGBT.

Le coppie dello stesso sesso in Italia hanno potuto sposarsi nel 2016. Ma a causa dell’opposizione della Chiesa cattolica, tra l’altro, non è stata adottata alcuna legge sul diritto all’adozione.

Tuttavia, c’era una scappatoia a Milano. Lì, il sindaco di centrosinistra ha permesso ai gay di registrare figli in affidamento. Ma all’inizio di marzo, il sindaco ha ricevuto un’ordinanza dal Ministero dell’Interno della Meloni per interrompere la pratica.

– Temiamo che questo sia solo il primo passo di un attacco più ampio, dice Giuliano.

Paura della violenza

Tra l’altro Arcigay svolge attività di informazione nelle scuole.

READ  Consumatore, cibo | Richiedere il congelamento dei prezzi nel Kiwi dopo la cerimonia dei dividendi: - inaudito

– Ora abbiamo paura che non ci sarà più permesso farlo, dici.

Allo stesso tempo, Giuliano teme di tagliare le sovvenzioni che attualmente vengono utilizzate per finanziare il proprio lavoro. Per lo meno, l’organizzazione gestisce una casa per giovani gay in fuga da situazioni pericolose. Il progetto è stato il primo del suo genere in Italia.

– Abbiamo già ricevuto segnali che riceveremo meno finanziamenti rispetto a prima.

«Dopo la vittoria della Meloni, ora vediamo che molti giovani gay sono ancora più timorosi e insicuri.»

Rachele Giuliano, Arcigay

Allo stesso tempo, teme che la vittoria della Meloni mandi segnali che legittimano la già diffusa omofobia italiana. Ora può diventare più prominente e, nel peggiore dei casi, più fisico.

– Temiamo che la soglia per qualcuno che viene infettato perché è gay ora sia più bassa, dice.

– Lo vediamo anche su Internet: dopo la vittoria della Meloni, adesso vediamo che molti giovani gay sono ancora più timorosi e insicuri. Giuliano dice che viviamo già con molto stress per non accettare chi siamo.

successo femminile?

Il giorno dopo l’incontro con Giuliano, Arcegai ha partecipato a una manifestazione anti-austerity a Milano. Vi è coinvolto anche il nuovo leader del Partito socialdemocratico, Eli Schlein. Schlain si identifica come parte della comunità LGBT.

La frammentazione delle forze progressiste ha aperto la strada a politici come Meloni. Giuliano ora spera che Schlein possa riunire e rilanciare la sinistra italiana.

– Ma è una donna, e questo rende le cose più difficili, dice.

Anche la Meloni è donna. Cosa ne pensi di diventare la prima donna presidente del Consiglio in Italia?

– Ovviamente qualcosa di molto importante, perché era qualcosa fuori portata per una donna.
Ma è davvero interessante testimoniare che è stata la destra a riuscire a votare una donna come primo ministro, non la sinistra.

READ  Sia gli israeliani che i palestinesi abbracciano il liquore

L’autrice britannica Sarah Fares ha descritto la Meloni come una rappresentante di quello che chiama “nazionalismo femminista”, una corrente in cui l’immigrazione dai paesi musulmani in particolare è presentata come una minaccia per le donne europee.

Faris ha anche definito la Meloni “un volto femminile di un’agenda antifemminista”.

Giuliano è d’accordo.

– L’Italia è ancora un paese macho-sciovinista e Meloni usa la sua posizione principalmente per affermare i secolari ruoli di genere tradizionali di casa, casa e famiglia, dice.