Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Una grave siccità minaccia l’Italia e potrebbe trasformarsi in una crisi devastante

Una grave siccità minaccia l’Italia e potrebbe trasformarsi in una crisi devastante

L’Italia sta affrontando la peggiore siccità degli ultimi 70 anni. Le risaie sulle rive del Po si prosciugano completamente, distruggendo i raccolti utilizzati per preparare il risotto.

Una veduta del corso del fiume Po a Linarolo, Italia, il 25 giugno. Gran parte del letto del fiume è stata trasformata in una spiaggia sabbiosa.

Il fiume più grande d’Italia si sta trasformando in un deserto a causa della grave mancanza di precipitazioni nel Paese. Nelle risaie della regione della Lomellina, nel nord Italia, che si trova tra il fiume Po e le Alpi italiane, la siccità è così grave che è impossibile trovare abbastanza acqua per allagare i campi.

Normalmente questo campo dovrebbe essere immerso in 2-5 centimetri d'acqua, ma ora sembra una spiaggia sabbiosa, dice il coltivatore di riso Giovanni D'Agetta.

Cammina tristemente tra le sue risaie fuori Mortara in Lomelina. Se le piogge non arriveranno presto, il raccolto di riso di quest'anno morirà.

Da secoli i coltivatori di riso della regione producono il famoso riso Arborio, utilizzato nei risotti italiani.

Sembra una spiaggia sabbiosa

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), la carenza d’acqua è il fattore più dannoso per il riso, soprattutto nelle prime fasi di crescita. Le ondate di caldo con temperature che raggiungono i 40 gradi, che hanno colpito ripetutamente l’Italia di recente, possono ridurre significativamente la resa del riso.

Questo riso non è stato annaffiato per due settimane e il 90% delle piante di riso sono già completamente secche, dice Dageta.

– Spiega che le poche piante di riso sopravvissute devono essere messe a bagno nell'acqua entro due o tre giorni, altrimenti muoiono.

Ma il coltivatore di riso ha poche speranze che ciò accada.

La mancanza di precipitazioni in Italia è stata così grave che i governatori di diverse regioni italiane hanno dichiarato lo stato di emergenza nel tentativo di conservare l’acqua e coordinare la gestione delle risorse minime.

Il coltivatore di riso Giovanni D'Aghetta si trova in una delle sue risaie secche a Mortara, nella regione della Lomellina, nel nord Italia, il 27 giugno.

Il coltivatore di riso Giovanni D'Aghetta si trova in una delle sue risaie secche a Mortara, nella regione della Lomellina, nel nord Italia, il 27 giugno.

Conflitti di paure

Secondo l'Associazione West Sisia, nella Lomelina, le fonti d'acqua più importanti della regione, i fiumi Po e Dora Baltia, i livelli dell'acqua sono otto volte inferiori alla media in una normale stagione estiva. Regolano la quantità d'acqua nei canali che scorrono attraverso le risaie.

– Dal Po la nostra portata dovrebbe essere di 160.000 litri al secondo, ma ora arriviamo solo tra i 30.000 ei 60.000 litri al secondo, spiega il presidente dell'associazione, Stefano Pondisa.

Li ha costretti a prendere molte decisioni impopolari. Recentemente hanno deciso di tagliare la fornitura d'acqua ai pioppi, agli alberi da frutto e ad altre colture, per dare priorità al riso.

Ciò ha portato a una crescente frustrazione e rabbia tra i coltivatori lungo il corso del fiume, che stanno lottando per le stesse risorse in diminuzione dei coltivatori di riso.

Se la pioggia non cade presto per riempire i serbatoi d’acqua italiani, è probabile che sorgano maggiori conflitti tra gli agricoltori italiani.

Colpo di Milano

Anche la città più ricca d’Italia, Milano, sta cominciando a sentire gli effetti della grave siccità. Sabato il sindaco di Milano ha deciso di tagliare l'acqua a tutte le fontane della città nel tentativo di risparmiare risorse.

L'arcivescovo della città, Mario Delfi, si è recato lo stesso giorno in pellegrinaggio per “chiedere più pioggia” per i contadini.

Tra l'altro ha visitato tre chiese nelle zone agricole fuori Milano e ha benedetto con l'acqua santa una risaia nella chiesa di San Martino Ogliaro di Medelia.

La preghiera dell'arcivescovo potrebbe essere stata temporaneamente ascoltata, poiché martedì una pioggia sparsa ha colpito Milano e alcune parti del nord Italia. Ma in diversi luoghi la situazione sembra ancora peggiorare.

Lungo i fiumi Po e Tensino il letto del fiume è diventato così secco che molti locali si recano lì per prendere il sole su quella che oggi è una spiaggia sabbiosa.

L'arcivescovo di Milano Mario di Delfi benedice una risaia con l'acqua santa nella speranza che possa salvare i raccolti di riso di quest'anno.

L'arcivescovo di Milano Mario di Delfi benedice una risaia con l'acqua santa nella speranza che possa salvare i raccolti di riso di quest'anno.

Miliardi di perdite per l’agricoltura

Secondo la Federazione Italiana Produttori Agricoli, la siccità in Italia potrebbe comportare perdite di costi pari a 3 miliardi di euro, ovvero più di 31 miliardi di corone norvegesi, per l’agricoltura italiana. Si teme che fino al 30-40% del raccolto stagionale di quest'anno possa andare perduto.

Oltre alle scarse precipitazioni, l’Italia soffre di scarse infrastrutture idriche, con il 42% dell’acqua potabile del paese sprecata ogni anno. Ciò è in gran parte dovuto a tubi vecchi e alla scarsa manutenzione.

Si prevede che molte aree colpite in Italia dichiareranno lo stato di emergenza nel prossimo futuro. Centinaia di paesi e città nel nord del Paese hanno già adottato varie ordinanze per un uso responsabile dell'acqua nel tentativo di evitare ulteriori razionamenti.

READ  L’offerta di moneta nell’Eurozona si sta riducendo per la prima volta in più di 10 anni