venerdì, Giugno 14, 2024

Una perdita di $ 7,4 miliardi contro Heimstaden Bostad

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

La svalutazione contribuisce a una perdita di 9,2 miliardi di corone svedesi al lordo delle imposte. Il patrimonio immobiliare ora vale 340 miliardi di corone svedesi.

Il calo totale di valore dall’inizio dell’aggiustamento al ribasso nel terzo trimestre dello scorso anno è di circa 40 miliardi di corone norvegesi.

Un calo di valore e un aumento dei costi degli interessi significano che Heimstaden Bostad si sta avvicinando al requisito S&P di mantenere un rating tripla B.

  • L’agenzia di rating del credito richiede a Heimstaden Bostad di avere un rapporto di indebitamento massimo del 60% per mantenere il rating. L’indice di indebitamento della società è ora del 56,6%, come calcolato da Standard & Poor’s.
  • L’indice di copertura degli interessi, l’utile operativo (ebitda) diviso per gli interessi passivi, deve essere almeno pari a 1,8 per soddisfare i requisiti di rating S&P. A partire dal secondo trimestre, quel numero di titolo è 2.1.

Nella lettera, la società ha scritto che il consiglio è determinato a difendere la designazione con “misure necessarie”, che potrebbero essere conferimenti di capitale e la vendita di immobili.

– Le azioni saranno d’ora in poi continuamente valutate dal Consiglio di Amministrazione, e informeremo il mercato se si deciderà di aumentare il capitale. Abbiamo già iniziato a vendere case, ad esempio in Olanda e Danimarca. Oggi abbiamo riferito che la percentuale che può essere venduta alle giuste condizioni aumenterà e che stiamo parlando di privatizzazione, ovvero vendita di singole case o portafogli più piccoli, ha scritto il direttore della comunicazione Christian Dreyer in una e-mail a DN.

sopportare più consumi

Dopo aver cancellato la proprietà nel trimestre, la società può subire un’ulteriore svalutazione di circa il sei percento prima di avere un rapporto debito/PIL, calcolato da Standard & Poor’s, superiore al 60 percento, secondo i calcoli di DN. Ciò corrisponde a un ulteriore calo di valore di circa 20 miliardi di NOK.

Man mano che i nuovi immobili saranno completati, ciò aggiungerà qualche miliardo di immobili in più. Contrasta l’effetto della perdita di valore. Un aumento dell’indebitamento netto fruttifero significherà che la società può permettersi meno svalutazioni. Pertanto, si deve presumere una certa quantità di spazio di manovra per quanto ammortamento l’azienda può sopportare e rimanere sul lato destro della linea del 60%.

I profitti diminuiscono

Heimstaden Bostad ha ora un debito di 220 miliardi di corone svedesi, suddiviso tra prestiti bancari e obbligazioni, nonché capitale ibrido.

Quando il tasso di interesse aumenta, la società sostiene costi di interesse sempre più elevati in quanto i contratti a tasso fisso scadono ei prestiti a tasso variabile fanno aumentare le spese.

In questo trimestre, il tasso di interesse è balzato di nuovo al 2,5%, rispetto al 2,2% dello scorso trimestre.

I guadagni derivanti dalle proprietà in affitto non sono abbastanza grandi da coprire le spese per interessi, gli investimenti e le tasse, il che significa che la società ha annullato il dividendo per il 2023, come riportato in precedenza da DN.

Nella presentazione di venerdì, è stato rivelato che la società sta rallentando i suoi investimenti in futuro.

La domanda è anche se la società sarà in grado di soddisfare i requisiti di rating S&P relativi al tasso di copertura degli interessi in futuro. A seconda del livello dei tassi di interesse in futuro, DN ha stimato che il debito dovrà essere ridotto fino a 30 miliardi nei prossimi anni per gestirlo.

Se il debito deve essere ridotto in modo sostanziale, l’impresa deve ottenere capitale dai proprietari, e possibilmente anche dai nuovi proprietari, poiché né i profitti né le disponibilità liquide correnti sono abbastanza grandi da ripagare sostanzialmente il debito. Il saldo di cassa è poco più di otto miliardi.

Ivar Tollefsen controlla Heimstaden, che a sua volta possiede il 38% di Heimstaden Bostad. Altri proprietari sono compagnie assicurative e pensionistiche come Alecta e Folksam.(condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri stati utilizzando collegamenti che conducono direttamente alle nostre pagine. La riproduzione o altro uso di tutto o parte del Contenuto può essere effettuato solo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per ulteriori termini vedere qui.

More articles

Latest article