Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Una stanza tranquilla – 80 anni dalla tragedia di Hustadvika

Una stanza tranquilla – 80 anni dalla tragedia di Hustadvika

“Una tranquilla, stellata, fredda sera di febbraio. Due barche si stanno dirigendo a nord verso Hustadvika. La veloce 'Irma' diretta a nord ha superato il faro di Hesteskjæret e ha raggiunto la nave da carico più lenta 'Henry'. Sarà un incontro breve e infelice, uno che diventerà il loro tragico destino condiviso.

La Norvegia è in guerra e questa sera due torpediniere norvegesi si nascondono ad Averwe. È stato loro ordinato di attaccare un convoglio nemico atteso. Vedono arrivare le due navi e un tragico siluro colpisce Irma ed Henry.

Così viene descritto l'evento sul pannello informativo sul sito web del memoriale. L'”Irma”, costruita nel 1905, affondò il 13 febbraio 1944. Nella sera più buia di febbraio morirono 61 passeggeri lungo la costa norvegese insieme ai quattro marinai a bordo della nave da carico “Henry”.

I blocchi fresati e rialzati con precisione ci mostrano immediatamente l'importanza della pietra come portatrice di cultura e trasmittente di storia. Allo stesso tempo, i blocchi 3D ci danno un classico esempio di come l’espressione della struttura della roccia dipenda dalla sezione osservata.
immagine: Anna K. Engvik

Stanza silenziosa

È facile immergersi nella storia guardando Hustadvika. Più verso il mare per vedere la tragica scena del crimine. Il luogo della memoria “Stille rom” è stato costruito appositamente per accogliere il dolore, il lutto, la riflessione e la riconciliazione.

Nel mezzo di una regione dove le tempeste possono trasformare il mare in un tumulto schiumoso, lo spazio per la riflessione è molto potente nelle giornate calme. Due grandi massi sono stati accuratamente tagliati dalla roccia. In memoria delle due navi e di tutti coloro che erano a bordo.

Anna K. Engvik
immagine: privato

Echeggiando tra i muri di pietra

Il silenzio dona un'ulteriore eco nello spazio tra i muri di pietra e nella cava di roccia formatasi durante lo scavo.

Il memoriale dimostra anche come la pietra abbia apportato benefici alla nostra società in molti modi. Le storie raccontate attraverso la pietra sono importanti in quanto portatrici di cultura e storia.

L'uso della “stanza silenziosa” per la pietra “immobile” dà appartenenza. Nel mezzo di una vasta regione geologica dove l'eternità ha modellato la roccia, le rocce si sollevano durante il giorno e si fissano al loro posto. Nel taglio 3D realizzato dallo scultore, lo gneiss, spesso trascurato, viene messo in bella mostra con i suoi collegamenti nelle pareti.

La pietra nel mezzo

Le rocce riguardano la nostra storia intima qui in mezzo allo spartiacque. Ma essi, insieme ai minerali e alle strutture della roccia, portano con sé anche una storia naturale che risale a più di un miliardo di anni fa.

Per noi geologi l’opera d’arte è allo stesso tempo un classico esempio di geologia 3D. I fianchi delle rocce mostrano come l'espressione della struttura della roccia dipenda dalla sezione osservata.

Conoscendo la geologia circostante, sappiamo che la storia del fiume Gneiss risale a 1.650 milioni di anni fa. La struttura galleggiante che vediamo oggi si è formata in connessione con la formazione della catena montuosa caledoniana nelle profondità della crosta terrestre circa 400 milioni di anni fa.

Qui, nella breccia marina di Hustadvika, vicino al faro di Histsjær, fu teatro della tragica notte del 13 febbraio 1944.
immagine: Anna K. Engvik

nella memoria

Il monumento è stato creato dallo scultore Geir Stormoen. In memoria dei caduti nel dopoguerra nell'affondamento della nave autostradale “Irma” e della nave da carico “Henry”. Il memoriale si trova nel villaggio di pescatori di Røeggen, all'estremità di Averøy. È stato ufficialmente svelato da Sua Maestà il Re Harald V il 16 settembre 2002: “Il destino di Irma ed Henry è un ricordo particolarmente doloroso e doloroso perché sono stati i norvegesi a togliersi la vita ai norvegesi”.

Il memoriale è un luogo tranquillo per tutti coloro che visitano il luogo. Nei brevi viaggi serali o come turisti a lunga percorrenza. Come portatore culturale e conduttore della storia del nostro tempo. Un luogo utilizzato da scolari e studenti. In mezzo a ciò che ci offre la storia naturale dell'immortalità.

Anna K. Ingvik, ricercatore presso il Servizio Geologico della Norvegia

Vuoi scrivere sull'argomento? Invia un'e-mail a [email protected]

Vuoi scrivere un post da lettore? Invia un'e-mail a [email protected]

Qui troverete materiali di opinione sul dibattito Nordvest – il portale di opinione di Rbnett

READ  Centro Sagatanjen per la salute e il welfare, Elezioni | Non sarà vero