Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Una strategia per la sopravvivenza della razza umana?

Durante il vertice delle Nazioni Unite a Stoccolma +50 per commemorare la prima Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente nel 1972, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha riassunto la situazione come segue: “La crisi climatica sta uccidendo e sfollando sempre più persone ogni anno. La perdita di biodiversità minaccia più che tre miliardi di persone L’inquinamento ei rifiuti costano circa nove milioni di persone all’anno Fonte: Dagsavisen.

Il risultato non è molto alto dopo 50 anni di lavoro, tanti convegni, accordi e azioni. Quello che sembra aver avuto successo è l’accordo delle Nazioni Unite del 1989 per fermare le emissioni di CFC per mantenere lo strato di ozono sopra i poli.

Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres Ha detto un’altra cosa importante, che potrebbe essere cruciale per il futuro del pianeta. «Guterres ritiene che parte della soluzione potrebbe consistere nell’allontanarsi dall’utilizzo del PIL come misura dell’impatto economico di un paese, perché vede il PIL come un sistema contabile che premia l’inquinamento e gli sprechi.. ‘, secondo Dagsavisen.

In quella dichiarazione, Guterres “ha colpito nel segno”. Vediamo cosa dicono gli economisti sul PIL.

Il professore di economia Kali Mwinyi aveva Ekko’s su NRK Radio “con questo commento sul PIL:”Il PIL è stato creato per uno scopo limitato, non è mai stato creato come indicatore del benessere e del tenore di vita, ed è parte della base del valore per sostenere l’economia fino all’arrivo dei conti nazionali.. »

E lui ha detto: “Il problema è che devi assicurarti di avere tutti i costi, con tutti i valori generati ci sono grandi lacune in entrambe le parti. I costi ei costi ambientali sono inclusi in misura molto piccola, a meno che non li si paghi, se lo pagano il maiale inquina tutto il fiume, un forte calo di ciò che viene creato dai valori, uno distrugge gli altri valori. Ma se ciò che distruggi non viene, allora hai il peccato di omissione, ma pensare che si possa descrivere quanto sia coerente con un solo numero è un’idea ingenua e nessuno degli economisti che io sappia ci ha creduto.. »

Non c’è dubbio che gli economisti, gli imprenditori ei politici del mondo e noi siamo tutti nostri consumatori.peccato di omissione». È interessante che questo termine sia usato da un economista sociale. Il termine peccato può essere interpretato dal greco, hamartia, che manca la meta.

Dai un’occhiata più da vicino alla crescita economica e ai conti nazionali lordi.

Professor Elif Dahl (1916-1993), che è stato uno dei più intelligenti scienziati ambientali della nazione, dice nell’introduzione al libro «L’episodio si sta chiudendoScritto da Barry Commoner nei primi anni ’70. «I sistemi sociali socialisti e capitalisti che conosciamo oggi hanno creato una condizione per una certa percentuale di progresso di anno in anno. Ciò porta a una crescita esponenziale di lungo periodo che è molto difficile da conciliare con la domanda di equilibrio. È quindi discutibile se i sistemi sociali che conosciamo nella società moderna siano in grado di sopravvivere alla crisi ecologica. »

READ  Opel Grandland: Opel Grandland Hybrid 4, Ultimate

Questa chiarezza che la crescita applica agli effetti è ciò a cui si riferisce Guterres nel suo discorso.In fisica, si applicano alcune ipotesi naturali, la seconda legge della termodinamica:

L’energia è definita come i movimenti nelle particelle interne della materia. Le leggi della natura dietro di loro sono la prima legge della termodinamica che afferma che l’energia non scompare, ma si trasferisce solo ad altre forme. L’altra legge applicabile è chiamata legge dell’entropia, dove afferma che ogni volta che l’energia viene convertita, si trasforma in una qualità inferiore e alla fine la qualità è troppo bassa perché l’energia possa fare qualsiasi lavoro. Il fatto che l’energia faccia il suo lavoro si chiama “exergia”.

Dagli anni ’70 ad oggi, ad esempio, la produzione di energia in Norvegia è triplicata. Ciò significa che la nostra società industriale ha sperimentato una massiccia espansione del bisogno di energia, oltre al fatto che tutto il lavoro umano è diventato più efficiente. In altre parole, il nostro metodo per convertire l’energia in una qualità inferiore è diventato molto efficiente. Lo possiamo leggere da tutte le statistiche sull’uso delle risorse naturali e che la temperatura sul pianeta è in aumento. Il continuo aumento del consumo di energia significherà un aumento del consumo di risorse naturali e il rischio del riscaldamento globale. In altre parole, il nostro ottenere una trasformazione green non regge il “pugno” se seguiamo le leggi fondamentali della natura. L’opposto dell’entropia è la negentropia, che accumula energia. Per esempio. Quella luce solare viene convertita in biomassa attraverso il processo di fotosintesi. La fotosintesi è il processo più efficiente che abbiamo sul nostro pianeta. Il nostro lavoro deve essere un equilibrio tra entropia ed entropia.

In altre parole, il PIL non è correlato alla legge naturale di base della circolazione dell’energia e che più energia immettiamo nel sistema, più spazzatura esce. La crescita di un tale meccanismo è simile alla crescita cancerosa in relazione all’organismo umano.

Quindi al PIL:

C’è un’unità di misura nei conti nazionali che è il denaro. Tutte le attività economiche scambiate sul mercato e misurate in denaro hanno valore. Quando si semplifica lentamente, appare il PIL, quando vengono detratti gli input del prodotto nei diversi dipartimenti.

READ  Tre lezioni da Monaco nel 1938

Da ciò deriva l’obiettivo economico della crescita.

“La crescita economica è un aumento della produzione di beni e servizi in una società ed è misurata dalla crescita (a prezzi costanti) del prodotto nazionale lordo. Il prodotto interno lordo è una misura del valore di beni e servizi prodotti in una società durante un determinato periodo di tempo..”, Tipo Negozio Norske leksikon.

Gli economisti affermano che è auspicabile che il PIL cresca dell’1-3% all’anno affinché l’economia del paese sia sana.

Per comprendere meglio questa connessione, è meglio confrontare il paese con l’azienda e l’account aziendale. In quei conti ci sono conti operativi e bilanci. Se l’azienda è in deficit, le spese possono essere maggiori del reddito, l’azienda è in perdita e questa perdita può essere vista nel bilancio dell’azienda. Lo stesso accadrà quando l’azienda realizza un profitto, quindi il patrimonio netto aumenterà o il debito diminuirà. C’è una differenza importante, l’azienda è un’economia privata e la nazione è un’intera economia. In un’economia privata, le entrate e le uscite monetarie possono essere calcolate, mentre in una macroeconomia sarebbe corretto calcolarle nell’economia reale (fair value). In macroeconomia, il denaro può essere utilizzato anche come unità di misura, ma poi si cercherà sempre se è destinato a creare valore o utilizzare valore.

(Alcuni potrebbero obiettare che ciò non è possibile senza vederlo dalla prospettiva del mondo intero. Questo è anche vero, ma una nazione può anche avere i propri conti in cui è coinvolto l’adeguamento delle esportazioni e delle importazioni.)

Gli economisti contemporanei si rendono conto che, come il capo economista di Sparebank1, Elisabetta Holvikha scritto in esso Dopo posta 25 ottobre 2015:

«Ma cosa succede se misuriamo la creazione di valore in modo completamente sbagliato? Forse dovremmo piuttosto fare una distinzione tra produzione di valori reali, vedere i servizi pubblici come consumi, e fare una distinzione tra investimento e consumo?»

Elisabeth Holvik ha assolutamente ragione, distinguendo tra valori reali e utilizzando valori reali, nella contabilità nazionale compare il “costo comunitario”.

Ora non manca solo il conto dei costi nei conti nazionali, c’è anche il bilancio mancante direttamente collegato ai conti. In altre parole, i valori della natura non sono allineati con l’attività economica della società. Riconciliando le finanze dell’uomo e della natura nella stessa dichiarazione, dove debito e credito sia nei conti operativi che nel bilancio sono in partita doppia, emergerà una nuova visione delle questioni finanziarie.

Utilizzando la contabilità in partita doppia, creata da commercianti italiani Frate Francescano Luca Pacioli (1445-1517) fu il primo a descrivere i principi della partita doppia. Descrisse il sistema nel 1494 nel suo libro «Somma di aritmetica, geometria, rapporti e proporzioni». Sulla base di questo lavoro, è indicato come il padre della contabilità.

READ  Klæbo Richiedi Special Olympics

La contabilità in partita doppia è un metodo di registrazione Operazioni contabili. Il principio è che deve essere aggiunto lo stesso importo Debitore (+) per il credito (-) su ciascuna voce. Questo sistema rende la contabilità autocontrollata in quanto la somma di tutte le registrazioni deve essere sempre zero. Il metodo è originario dell’Italia, dove è stato sviluppato da mercanti e banchieri. Fonte: Wikipedia

Preparando tale conto e bilancio per le nostre attività economiche e includendo l’economia della natura nella stessa valutazione, possiamo trovare la strada per una società che vive in maggiore armonia con la natura.

Il PIL sembra essere una statistica dell’attività economica che viene scambiata sul mercato l’una sull’altra e quindi si perde l’opportunità di connessione e gestione. Tuttavia, queste statistiche possono essere inserite in nuovi modelli di computer, in questo modo guardare la storia e imparare dagli errori che sono stati fatti. Si può anche usare questo per guardare al futuro, scenari futuri creativi che descrivono la possibilità di più vita per l’umanità, piuttosto che la prospettiva “oscura” che ora trasmettiamo alle generazioni future.

Impariamo l’economia per natura e impariamo a vivere in armonia con la natura dei popoli indigeni.

Alton KrenacLui, leader indigeno brasiliano e filosofo ambientale, ha pubblicato il libro «Idee per rimandare la fine del mondo» Nel 2021.

«Abbiamo creato l’idea astratta che l’uomo è l’obiettivo del mondo, e usciamo nel mondo come battelli a vapore con lo slogan che esiste una forma di umanità che tutti dovrebbero riconoscere, che il mondo è sotto i nostri piedi e che possiamo portalo da noi». Interpreto quanto scrive Krenac, in modo che si sia creato un mostro, l'”uomo economico” che si impossessa dell’intero globo e lo distrugge. “

La nozione astratta di crescita e di PIL si basa sui presupposti errati discussi in questo articolo.

In linea con ciò, ho inviato una proposta per un nuovo Conto Eco-Economico Nazionale ai quattro paesi: Finlandia, Svezia, Danimarca e Norvegia. È un appello perché essi, sulla base del comune nord, preparino un nuovo modello per la nostra economia.

Posso condividere le mie esperienze e gli esempi di 50 anni di lavoro, da una prospettiva locale e nazionale. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres deve essere preso sul serio, per creare un modello più in linea con i fondamenti ei circuiti della natura. Sarebbe sradicare il “peccato di omissione” dell’economista e dare ai consumatori del mondo una vera scelta per contribuire a creare un pianeta per la sopravvivenza umana.