Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un’imminente rivoluzione dello sci svedese – NRK Sport – notizie sportive, risultati e palinsesto delle trasmissioni

Johan Eliasch ha 60 anni, originario di Stoccolma, ha la doppia cittadinanza svedese e britannica e vive a Monaco. Ha una cerchia di amici che include scandaloso e scandaloso il principe AndréjE Farà una fortuna stimata in 25 miliardi di corone dalla sua attività, che include possedere la testa del gigante dello sci, anche dopo essere stato eletto presidente della Federazione internazionale di sci, la FIS, l’anno scorso.

Verso la posizione di potere supremo dello sci, salpa in una sorta di marketing dello sci d’altura ben equilibrato attraverso un mix di amici famosi, consapevolezza del clima e modernizzazione del mondo dello sci pietrificato.

E in soli 11 mesi si è reso così impopolare con il suo stile di guida testardo da essere stato paragonato sia a Donald Trump che al presidente della FIFA Gianni Infantino. Le critiche riguardano la mancanza di informazioni sulle decisioni e la totale mancanza di rispetto per l’organizzazione ei membri.

Durante il Congresso FIS di Milano, ormai a fine maggio, sarà rieletto ancora per quattro anni – e potrà davvero dare il via al suo grande progetto: una vera rivoluzione nel pattinaggio internazionale.

La rivoluzione inizia con il suo animale domestico, Alpine Twigs.

Le Alpi sono tutto

Il regalo d’addio di Wiegard Olvang allo sci di fondo quando si è dimesso nella stessa conferenza da presidente del comitato FIS di fondo è una proposta per la parità di distanze tra donne e uomini, che prevede che entrambi i sessi dovrebbero percorrere 50 km.

Ciò ha attirato un certo interesse qui in Scandinavia e nessuno nell’Europa centrale.

Le grandi nazioni dello sci hanno cambiamenti completamente diversi che temono molto, molto di più.

READ  Live Sports TV 17 maggio - Dagsavisen

Dietro di lui c’è il presidente svedese-britannico residente a Monaco. E non gli importa molto di quello che succede nello sci di fondo.

Nella visione di Johan Eliasch dalla sua elezione lo scorso anno, c’è una chiara ambizione di adattare molto meglio lo sport dello skateboard al format televisivo, tanto da essere essenziale per lo sport a lungo termine.

Sostenitore: Axel Lund Svendal ha aiutato Johan Eliasch nella campagna elettorale.

Foto: Tore Meek / NTB

Con la sua presenza come sostenitori ben pagati durante la campagna elettorale, aveva nomi di skate abbastanza grandi come Lindsey Vonn, Aksel Lund Svindal e Matthias Mayer.

Non è una stringa casuale.

In pratica, nel mondo di Johann Elias conta solo lo sci alpino.

Sono le Alpi le più grandi – e sarà più grande. Portare lo sport in nuovi mercati è l’obiettivo dichiarato del presidente. E anche qualcosa per cui ha lavorato in molti modi per molti anni, come capo proprietario del produttore di sci.

Sembra che si sia dimesso dalla carica di Direttore quando è stato eletto Presidente del Fronte di salvezza islamico, ma ha continuato a ricoprire la carica di Presidente del Consiglio di amministrazione.

Molti credono che il duplice ruolo sia più che problematico. Ma è chiaro che lui non è altro che per il momento non deve rispondere a ciò che lui stesso pensa di questo e lasciarlo andare avanti.

Sulla nuova via della seta per lo skateboard

Johan Eliasch ha elogiato le Olimpiadi di Pechino e la loro visione di attrarre 300 milioni di nuove persone a sciare. Ora la FIS vuole impegnarsi negli stessi mercati. Pertanto, Elias correrà le gare di Coppa del Mondo a Pechino e altrove in Cina. Il prossimo inverno aumenterà anche il volume delle gare di Coppa del Mondo, compreso il volteggio, negli Stati Uniti.

Questo riguarda l’Europa. D’altra parte, è più facile ottenere supporto dall’esterno delle tradizionali roccaforti dello sci del nostro continente. In parte, non è qui che risiede il nuovo potenziale di mercato.

Per la Norvegia, questo significa che tutte le gare di Coppa del Mondo di sci alpino maschile, le gare di Kvitfjell, sono a rischio di squalifica. Le gare femminili che hanno sostituito sono tutt’altro che finanziariamente attraenti. Per la Germania, per molto tempo è sembrato che sarebbe stato senza uno sprint maschile la prossima stagione. Tanto che a nessuno è mai stato detto nulla. Organizzatori e associazioni nazionali hanno tutti chiesto piani e calendari per la prossima stagione.

Coppa del Mondo Alpino Kvitfjell 2022

Rimozione? Le grondaie di Kvitfjell sono in pericolo prima della prossima stagione.

Foto: Eric Johansen/NTB

Invece, Eliasch vuole più gare in Cina, Stati Uniti, Canada e presto India, che sono anche tra i potenziali mercati, che si adattano anche a un altro nuovo motto, ovvero che un nuovo paese sarà nel calendario della Coppa del Mondo ogni anno.

Si dice che Johan Elias volesse la finale della Coppa del Mondo in Libano già il prossimo inverno, ma in pratica non era realistico. Proverò di nuovo.

Benvenuti ai Mondiali di Dubai

Durante l’inizio della stagione a Sölden nell’autunno del 2021, Elias, intervistato come presidente della FIS, ha affermato che il cambiamento climatico ha presto fatto pensare alle competizioni di Coppa del Mondo, ad esempio nella sala di pattinaggio di Dubai. Ciò è particolarmente vero durante la stagione calda.

Complesso sciistico Emirates

Sostituire? Elias vuole diffondere gli sport invernali in nuovi mercati come qui a Dubai.

Foto: KAMRAN JEBREILI / AP

Molti nelle tradizionali nazioni sciistiche intereuropee hanno reagito al comportamento eccessivamente aggressivo di Eliask e credono che lo sport non possa essere allontanato dal luogo a cui appartiene naturalmente. Sostituire una pista sulla pista di Kandahar a Garmish con una vistosa competizione in Libano non incoraggia necessariamente lo sci a lungo termine.
Se Eliasch ascolterebbe in particolare è più che incerto.

Dopo 23 anni con lo svizzero Gian Franco Casper come presidente, la FIS ha chiesto una riforma progressiva quando ha scelto lo svedese – e sono arrivati ​​fin qui.

L’unica grande innovazione che sembra effettivamente essere una realtà la prossima stagione è invece la velocità del possente Cervino a fine ottobre e inizio novembre. La corsa sarà storica, e non solo per l’altitudine sul livello del mare. Sarà anche la prima gara di Coppa del Mondo alpino a iniziare in un paese e finire in un altro. La partenza è a quota 3800 metri a Zermatt in Svizzera, mentre l’arrivo è a Cervinia in Italia.

Incredibile e vicino dovrebbero essere combinati. Le lussuose immagini televisive d’alta montagna ti affascineranno, mentre le immagini delle competizioni vicine e con le città parteciperanno più persone, sia sugli spalti che davanti agli schermi di tutto il mondo.

Cervino

Incredibile: la prossima stagione sembra che gli alpinisti partiranno dal Cervino in Svizzera e arriveranno a Cervinia, in Italia.

Foto: VINCENZO PINTO/AFP

Super in caduta?

Per semplificare il prodotto per i nuovi spettatori, Eliasch cambierà anche filiale. Un Super-G può decollare completamente, mentre uno slalom gigante può finire in un solo giro. Due che stanno impiegando troppo tempo per un pubblico televisivo ansioso sono la mentalità. D’altra parte, molti credono che sia qui la vera tensione.

Le reazioni dei grandi alpini come Svizzera e Austria sono già forti, e non c’è da stupirsi.

Noi norvegesi dobbiamo renderci consapevoli di questo. Tutte le proposte per cambiare i rami della nostra parata dello sci di fondo, combinato e salto nel tempo, hanno affrontato una feroce opposizione in questo paese.

È facile ora pensare che altro debba venire. Non c’è motivo per cui Eliasch debba intraprendere sprint individuali nello sci di fondo, nei diplomi di salto in stile e, in casi estremi, nell’impegnativo sport combinato. Ma per ora, sembra che questi sport possano essere in pace, al punto che Elias è assolutamente consapevole che esistono.

Apertura per la Russia

Il coinvolgimento di Johan Elias nello sci di fondo riguarderà principalmente la riapertura delle relazioni con la Russia e la disponibilità di sponsor dall’assolutismo fuorilegge.
L’incompetenza del capo della FIS nelle discussioni sul rifiuto dei corridori russi e bielorussi di partecipare alle recenti gare di Coppa del Mondo è stata tanto sorprendente quanto deludente, e si può solo continuare a speculare sulle ragioni di ciò.

Coppa del Mondo di sci 2019

Rielezione: il controverso capo sci russo Yelena Valbe sembra essere stato rieletto nel consiglio di amministrazione della FIS.

Foto: Fredrik Hagen / NTB

Potrebbe venire la vivace capo dello skateboarding russo Yelena Valpi Per essere rieletto nel Consiglio Direttivo FIS Alla conferenza di Milano. Con la benedizione di Elia.

Ovviamente, quell’opportunità avrebbe dovuto essere abbreviata.

Ma tutte le indicazioni sono che Ilyash e il suo governo apriranno le porte al ritorno della Russia allo sci internazionale il prima possibile.

Verso un monopolio del potere

Ma la vera rivoluzione appare molto meno al grande pubblico. E riguarda la centralizzazione del controllo sulle più importanti fonti di reddito, che si possono trovare nei diritti di trasmissione televisiva e nel marketing.

In breve, Ilyash vuole un modello simile all’IBU, ovvero l’International Biathlon Union, che possedeva da molto tempo. Lì, l’associazione controlla tutto, dalla vendita dei diritti, all’assegnazione delle razze e alla distribuzione del reddito tra gli stati membri. È riuscito.

In questo senso, non è controverso in primo luogo che anche la FIS voglia un modello del genere. C’è solo un grosso problema: la maggior parte dei diritti sono stati effettivamente venduti alcuni anni fa alla società di media Infront, che guadagna dalla rivendita.

Coppa del Mondo di Sci Alpino FIS - Slalom Gigante Maschile

Combattenti per il clima: nel Regno Unito, Elias era noto soprattutto per il suo impegno per l’ambiente.

Foto: Dennis Balibose/Reuters

Eliasch non ha ancora intenzione di aspettare, e il controllo del FIS tornerà centralmente. Con tutto ciò che comporta, domande su quanto potere dovrebbe avere il sindacato in Svizzera.
La strada passa comunque attraverso le aule dei tribunali in tutta Europa. Ma lo svedese Johan Elias pensa chiaramente che questa sia la giusta direzione.

Elias è altrimenti diventato famoso al grande pubblico britannico, insieme al già citato legame con il fallito principe Andrea, come attivista per il clima. Dopo aver acquistato un enorme appezzamento di terreno in Amazzonia, solo per preservarlo, è stato nominato consigliere per il clima dell’ex primo ministro Gordon Brown, sebbene Elias fosse apertamente conservatore.

Ora il suo prossimo obiettivo è che la FIS diventi la prima unione internazionale a impatto climatico zero. Poi, ovviamente, una corsa in una pista di pattinaggio nello stato desertico di Dubai è il punto di partenza.