Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Venmonopolit, Venn | Elizabeth Hunter, Manager di Vinmonopolet: – Siamo molto economici con vini molto costosi

Potrebbe rallegrarsi dei numeri di vendita dell’ultimo anno, ma il vincitore del coronavirus non ha costretto sua madre, Ellie Hagen, a cambiare le sue abitudini di consumo di vino.

Così il manager di Vinmonopolet può contare su un anno passato eccezionalmente buono. I norvegesi in genere acquistano circa 30 milioni di litri di vino e alcolici altrove, mentre Vinmonopolet ha vendite di poco più di 80 milioni di litri in un anno tipico. Le frontiere chiuse hanno contribuito fortemente alla crescita del 40% dello scorso anno.

Abbiamo raggiunto una crescita del 40%. Questo commercio proveniva da altrove, come il commercio transfrontaliero in Svezia e le vendite esentasse. In precedenza, avevamo solo stime del commercio, e ora abbiamo già la documentazione delle vendite all’estero, dice Hunter a Nitavisen.

Hunter non ha bisogno di commentare la politica fiscale norvegese. Può solo menzionare che mentre la Norvegia ha aumentato le tasse sugli alcolici ogni anno negli ultimi anni, tranne quest’anno, la Svezia non lo ha fatto. Così la distanza è aumentata di prezzo.

Leggi anche: I recenti numeri di Rema 1000 mostrano una tendenza distinta nei modelli di acquisto norvegesi

Ma è chiaro che ci sono molte cose che tentano i norvegesi a fare acquisti in Svezia, come generi alimentari e riparazioni auto. Dopodiché, siamo così a buon mercato sui vini costosi, gli stranieri vengono in Norvegia per acquistare vini costosi a prezzi bassi, dice Hunter delle differenze di prezzo.

L’unico aspetto positivo di Karl

Torneremo al monopolio della vendita di liquori e alcolici. La 52enne Hunter ha la più grande foto di una festa di progressione come patrigno da quando aveva 8 anni.

Ho solo cose positive da dire su di lui come persona. È un padre di famiglia, ma come mio nuovo patrigno, non ha mai cercato di prendere il mio posto dopo il mio padre biologico. Hunter ricorda che non ha iniziato a crescere i bambini, l’ha lasciato a mamma e papà, ma era sempre lì.

Leggi anche: Test del prezzo: questi articoli sono piuttosto costosi quando attraversano il confine norvegese

rispetto

Quando le è stato chiesto cosa significassero sua madre e il patrigno per lei come persona e leader, ha risposto:

Ho portato molto con me da casa, ma se dovevo sottolineare una cosa, devo essere stato fortunato e ho incontrato molte persone interessanti. Poi ho imparato che tutti dovrebbero essere trattati con rispetto, indipendentemente dal fatto che siano di alto rango nella società o meno.

Siamo tutti solo umani. “Le autorità possono rispettare, ma non aver paura”, dice Hunter a Nettavisen Okonomi.

Leggi anche: Oslo ha in programma di riaprire: fornirà una licenza gratuita per bevande alcoliche e affitterà uno spazio stradale tutto l’anno

READ  - Al momento del primo - E24

Uomo di famiglia

Tu o tua madre lo avete assunto come consigliere da quando sei diventato un leader?

– No. Con loro posso discutere di tutto, ma parliamo un po ‘di politica. Molte persone pensano di sì, ma abbiamo pochissime discussioni politiche. Siamo d’accordo che non va bene.

Il manager di Vinmonopolet inizialmente viveva nella periferia orientale di Oslo, ma poi si trasferì a Ullern, nella parte occidentale di Oslo, dove viveva il patrigno di Hagen.

– Ho vissuto su entrambi i lati della città, ed è un bel peso avere con te, come dici tu della crescita.

Leggi anche: Cosa ci alziamo con Carl I. Hagen?

Autoironia

Cosa ne pensi dell’acconciatura di tua madre e del divertimento intorno a lei nel corso degli anni?

– Penso che si stia prendendo in giro, e si è allineata un paio di volte intorno all’acconciatura e ha raddrizzato l’attaccatura dei capelli. È un lavoro matematico, perché ha ricevuto molta attenzione negativa. Ma lei ha perseverato e non si è lasciata influenzare.

– Ha ancora dei bei capelli, ma non quelli di una volta. Hunter risponde: La rispetto per aver fatto quello che vuole, indipendentemente da quello che potrebbero pensare gli altri.

sociale

– In quale altro modo descriveresti tua madre?

– Mia madre è eccezionalmente socievole con un buon umore, pettegolezzi e festosa con cui stare, dice Hunter a proposito della mamma che viene dal vertice di Gudbrandsdalen.

– Quando è venuta a Oslo e ha ottenuto un lavoro come signora dell’ufficio e segretaria presso la NEBB (un’ex società di ingegneria elettrica norvegese, ndr), ha dovuto abbandonare l’accento. Hunter dice che parla “abbastanza accento” quando parla con sua madre.

Elle Hagen aveva appena 21 anni quando è diventata madre, come la sua.

– È fantastico avere una giovane mamma e lei e Karl sono attivi.

E i benefici del vino?

Nessuno di loro è particolarmente interessato al vino, ma hanno i loro marchi preferiti e la mamma non è brava a cambiare le abitudini.


Cartone in cabina

La pandemia di Corona ha portato a diversi cambiamenti nel modello di lavoro. Durante la pandemia si è assistito ad un aumento dei vini in cartone o bag-in-box, precedentemente acquistati all’estero.

Molti si sono recati in cabina durante la pandemia di Corona, e la cabina e la borsa appartengono insieme alla scatola. Il punto, dice Hunter, è che anche le vendite nelle aree delle cabine hanno registrato una forte crescita.

E poco prima che la pandemia di Corona chiudesse la Norvegia, poco più di un anno fa, venerdì e sabato si sono verificati molti scambi di vendite di Vinmonopolet. Hunter ora dice che con una pandemia, facciamo praticamente acquisti durante la settimana e all’inizio della giornata. Questo è un bene dal punto di vista del controllo delle infezioni

READ  Più di 1.000 immigrati a Lampedusa

Stiamo anche bevendo più a buon mercato e più costoso di prima della pandemia. Ma il vino medio che acquistiamo è di 134 kr, e questo vale sia per i vini rossi che per quelli bianchi.

Meno viaggi d’affari

Cosa puoi dire del fatturato nei primi tre mesi dell’anno?

Stiamo ancora assistendo alla stessa crescita del 40% rispetto allo scorso anno, ma ora abbiamo l’epidemia per un anno intero. Dopo il 12 marzo, possiamo confrontarci con la corona per la prima volta e siamo entusiasti di vedere se la curva è stabile o meno.

Pensi che ci saranno cambiamenti permanenti nei modelli e nei volumi di acquisto quando la comunità si aprirà?

Cerchiamo di fare previsioni, ma è molto difficile prevedere quando e quando torneranno gli scambi transfrontalieri. Questo probabilmente accadrà nel tempo, ma alcune cose probabilmente non saranno le stesse di prima, come i viaggi d’affari.

In generale, le riunioni si svolgeranno tramite telefono e Microsoft Teams. Invece di viaggiatori d’affari che vogliono fare acquisti esentasse, speriamo che acquisteranno con noi in misura maggiore.

Leggi anche: La riparazione medicinale proteggerà meglio la nostra giovinezza

Le bevande sono più deboli

Altrimenti, la tendenza è che le vendite di prodotti con una percentuale di alcol inferiore crescano maggiormente rispetto alle vendite di prodotti con una percentuale di alcol maggiore. Quindi stiamo parlando di vini deboli fino al 13-14 percento, ma stiamo anche assistendo a una crescita in alcune categorie di bevande alcoliche, afferma Hunter.

Noi norvegesi beviamo più leggeri, come il vino bianco, lo spumante e il vino rosato, a scapito del pesante e scuro. La temperatura gioca un ruolo importante, quando è estate e sole, vogliamo qualcosa di luminoso e leggero. Quando è inverno e buio, compriamo più vino rosso,

Il vino italiano rimane il più popolare in Norvegia, seguito da Spagna e Francia. Ma i norvegesi amanti del vino ne acquistano anche di più all’estero dagli Stati Uniti e dall’Australia.

Bevi di meno

Hunter non crede che il consumo complessivo di vino e liquori sia aumentato durante la pandemia di Corona, ma che il commercio sia con loro. La crescita naturale di Vinmonopolet è di ca. 1 per cento ogni anno, appena al di sotto dell’aumento della popolazione.

Vediamo che i giovani bevono meno. Che lo sviluppo qui sia negativo è un’ottima cosa. Di particolare interesse, ad esempio, è lo schema con settimane di cura e simili, in cui le persone bevono troppo.

Quali altri sondaggi hai sui consumi?

– Abbiamo il nostro monitor corona con attenzione alle opinioni. La domanda qui è se le persone bevono di più durante la pandemia, ma 9 su 10 hanno risposto che il consumo non è cambiato o solo meno 1 su 10 beve in più.

READ  La Norse Atlantic è cresciuta di oltre il 4% dall'inizio del suo primo giorno di negoziazione - E24

Quando chiediamo alle persone di più sui motivi, le risposte sono che non ci sono molte feste o incontri sociali, come matrimoni, ecc., Come abbiamo visto durante altre crisi che il consumo di alcol è diminuito, come è successo durante la crisi finanziaria.


Cacciatori

Vinmonopolet ha ricevuto molti elogi per la sua formazione dei dipendenti. Hunter dice che sono molto fortunati ad avere molti dipendenti sinceramente interessati a quello che stanno facendo. Crea anche la motivazione per iniziare in Vinmonopolet.

Abbiamo dipendenti che hanno lavorato nel settore alberghiero e della ristorazione, compresi i pescatori. Ma abbiamo una formazione obbligatoria che i dipendenti devono firmare per il loro completamento prima di iniziare. Non ci sono ancora sfide, dice Hunter, la nostra gente vuole saperne di più.

Le persone vogliono seguire più corsi, migliorare sempre di più. Abbiamo molti dipendenti che lavorano qui da 30 o 40 anni, l’età media è di circa 45 anni e sono cresciuti enormemente, dice.


Nessun bonus

Lo stipendio medio è leggermente superiore alla media dei dipendenti del negozio. Hunter sostiene che la soddisfazione sul lavoro non riguarda solo la retribuzione. Altri buoni piani e un ambiente di lavoro sicuro, buono e stabile sono altrettanto importanti. Non può invogliare i propri dipendenti con bonus o sconti.

– Niente carote, abbiamo una formazione professionale. Ma abbiamo anche persone che praticano l’astinenza sessuale che lavorano qui, sebbene non siano molte, e abbiamo anche alcuni dipendenti che hanno problemi con l’alcol. Non possono partecipare a degustazioni di vini o ad altre attività professionali

Come trattate queste persone?

Prima di tutto, è difficile per una persona vivere tra vino e liquori. È anche una sfida professionale nel tempo poiché nessuno dei due gruppi è in grado di campionare la merce e informarne i clienti.

Ma non importa, nessuno lo gusta tutto. Nella gamma totale online, Vinmonopolet ha presto 30.000 articoli da offrire, mentre i suoi negozi più grandi ce l’hanno quasi. 3000.

Altro vino al nord

E sì, quindi, c’è una differenza nelle preferenze sulla Norvegia, così come a Oslo, come riportato da Avisa Oslo questo inverno.

– Più a nord vai nel paese, maggiore è la quota di liquori. Ma abbiamo visto che la quota di vini al Nord è diminuita dal 60 per cento per le nuove vendite, mentre la quota di vino è in aumento.

Pubblicità

Enormi sconti su tutto ciò di cui hai bisogno per correre