Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Vertice militare nelle foreste finlandesi – importante anche per la Norvegia – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Molto poco è trapelato dall’incontro di sei ore a Koningstedt Manor a Vantaa, a nord della capitale finlandese Helsinki.

Il quotidiano finlandese ha riferito che l’incontro è stato tenuto molto segreto fino alla sua conclusione per motivi di sicurezza quotidiano Helsingin Sanomat.

Ma le foto pubblicate sui social raccontano di delegazioni di grandi dimensioni dell’esercito dei due Paesi, guidate dal Capo della Difesa Mark Milley e dal Capo di Stato Maggiore Valery Gerasimov.

Vertice di riunione pesante. L’esercito russo-americano ha discusso di terrorismo e “incidenti pericolosi” in un incontro in Finlandia il 22 settembre.

Foto: Ministero della Difesa russo

Le forze armate finlandesi erano responsabili degli aspetti pratici dell’incontro e i generali hanno anche tenuto i propri incontri con il presidente finlandese Sauli Niinistö.

L’incontro potrebbe essere un seguito diretto ai colloqui tra i presidenti Joe Biden e Vladimir Putin a Ginevra a giugno.

C’è stato molto disaccordo, ma è stato deciso di intensificare la cooperazione in aree che sono nell’interesse di entrambi i paesi.

Dal punto di vista norvegese, in quanto Paese confinante con la Russia e con una crescente presenza militare statunitense nell’estremo nord, è stato significativo anche quanto accaduto ieri in Finlandia.

Koningstedt

Ambiente lussuoso. Il vertice militare tra Russia e Stati Uniti si è tenuto a Palazzo Koningstedt.

Foto: governo, Finlandia

combattere il terrorismo

Tuttavia, forse la cosa più importante è la lotta al terrorismo internazionale, che ha colpito duramente Stati Uniti e Russia negli ultimi vent’anni.

Basti citare gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 contro gli Stati Uniti e l’attacco a una scuola a Beslan, nel sud della Russia, nel settembre 2004.

Secondo il giornale Il giornale di Wall Street La lotta al terrorismo è stato uno dei temi più importanti trattati dall’incontro in Finlandia.

L’improvvisa e rapida conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani, seguita da una marcia caotica sugli Stati Uniti e sui loro alleati, ha creato una nuova situazione di sicurezza in Asia centrale.

Questa è un’area che è stata l’epicentro di molti attacchi terroristici a cui il mondo ha assistito.




Valle di Ferghana in Asia centrale: un focolaio di terrorismo?


Gli Stati Uniti vogliono una presenza militare in Asia centrale

Gli Stati Uniti ora vogliono valutare la possibilità di cooperare con la Russia per evitare che l’Afghanistan venga nuovamente utilizzato come base per attacchi terroristici.

Questo è ugualmente nell’interesse della Russia. Lo Stato definisce ancora i talebani un’organizzazione terroristica, anche se lo Stato si è detto pronto a collaborare con i nuovi governanti di Kabul.

Secondo fonti non confermate, gli Stati Uniti vogliono che le basi militari in Asia centrale siano in grado di monitorare la situazione in Afghanistan, e possibilmente colpire se si scopre che gruppi terroristici come Al-Qaeda e ISIS stanno rafforzando la loro posizione nella guerra. paese lacerato.

Le autorità statunitensi sono già in contatto con Kirghizistan, Uzbekistan e Tagikistan per vedere se le basi in questi paesi possono essere utilizzate per monitorare la situazione in Afghanistan.




La gioia del danno a Mosca, ma i talebani potrebbero essere un ritorno alla Russia


Termini di Mosca

Ma oggi questo non è possibile senza il consenso di Mosca, che ha già regole e accordi con molte ex repubbliche sovietiche in quest’area.

La domanda è cosa chiederebbe la Russia per consentire agli Stati Uniti di entrare in questa regione.

Le relazioni tra i due Paesi sono le peggiori dalla Guerra Fredda, non da ultimo a causa dell’intervento della Russia in Ucraina, con l’annessione della Crimea nel 2014 e il sostegno ai separatisti filo-russi nel Donbass.

Il fatto che gli Stati Uniti abbiano ora preso l’iniziativa di tenere un tale incontro è un fiore all’occhiello del presidente russo Vladimir Putin e del suo più stretto portatore d’armi, il generale Valery Gerasimov.

Gerasimov, Putin e Shoigu

Le armi di Putin. Il capo di stato maggiore Valery Gerasimov, a sinistra, e il capo della difesa Sergei Shoigu sono i più stretti consiglieri militari del presidente Vladimir Putin.

Foto: Sergei Savostyanov/Associated Press

Gerasimov nella lista delle sanzioni dell’UE

Per Putin è sempre stato importante essere presi sul serio, e ora è chiaro che gli americani lo prendono sul serio.

È anche interessante che Gerasimov, che dopo l’intervento in Ucraina è stato incluso nell’elenco delle persone con cui l’Unione europea rifiuta l’ingresso, sia stato autorizzato a venire in Finlandia per incontrare il suo omologo americano.

Secondo Helsingin Sanomat, il ministro degli Esteri finlandese, Pekka Haavisto, ha affermato che un incontro del genere è così importante che è giusto fare un’eccezione al divieto d’ingresso.

incidenti pericolosi

Secondo diverse fonti, anche “La gestione degli incidenti pericolosi” è stato un argomento importante durante un incontro tenutosi mercoledì in Finlandia.

Potrebbe riguardare luoghi in cui i militari degli Stati Uniti e della NATO sono in stretto contatto con la difesa russa.




Ecco perché il vertice Biden-Putin è così importante per la Norvegia


Succede spesso al largo delle coste della Norvegia, dove aerei e barche russi portano ospiti frequenti.

Questo vale anche per la regione del Mar Baltico, dove il Kaliningrad Klav russo è una seccatura per la politica di sicurezza.

MIG 31 e TU 160

fuori dalla Norvegia. Questa immagine inviata dal Ministero della Difesa russo mostrerà un bombardiere TU 160 scortato da un aereo MIG 31 al largo delle coste della Norvegia il 21 luglio 2021.

Foto: Ministero della Difesa russo/Reuters

Di recente, questa settimana, due bombardieri strategici russi TU-160 hanno volato in quest’area, seguiti costantemente da caccia danesi, svedesi e finlandesi, secondo la difesa russa.

READ  Maggioranza di sfiducia nei confronti del governo svedese - VG