Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Viaggia attraverso lo spazio verso il pianeta

Venere potrebbe diventare più abitabile, secondo i ricercatori dell’Università di Cardiff, del Massachusetts Institute of Technology e dell’Università di Cambridge, dopo aver trovato possibili tracce di forme di vita batteriche nelle nuvole che circondano il pianeta. Sky News e notizie del MIT.

Gli scienziati indicano che il pianeta – che dista 47,34 milioni di chilometri dalla Terra – contiene quello che sembra essere un gas incolore ammoniaca, che consiste di azoto e idrogeno, nello strato di nubi che circonda il pianeta.

molto acido

Il coautore dello studio William Baynes dell’Università di Cardiff ha affermato dopo lo studio che sanno che la vita può crescere in ambienti con valori più acidi della Terra, ma nulla è acido come le nuvole su Venere.

L’ammoniaca è altamente alcalina, cioè ha un basso valore di pH, a differenza dei gas acidi che acido solforico gas, che si trova nelle nuvole di Venere e ha un valore di pH elevato. La presenza di ammoniaca può neutralizzare il gas acido e rendere la vita più facile.

I ricercatori ritengono che la presenza del gas abbia cause biologiche, piuttosto che naturali, come fulmini ed eruzioni vulcaniche.

“Se qualcosa provoca la formazione di ammoniaca nelle nuvole, interromperà alcune delle goccioline, rendendole più abitabili”, ha detto Baines a Sky News.

La professoressa Sarah Seeger, un’altra coautrice del Dipartimento di geofisica e scienze planetarie del MIT, ha detto a Sky News che l’ammoniaca non dovrebbe essere trovata su Venere in primo luogo.

READ  Test: Gigabyte RTX 3090 Gaming OC 24 GB

L’ammoniaca non può esistere senza che l’idrogeno si leghi ad essa, e c’è pochissimo idrogeno nelle nuvole di Venere. Dice che qualsiasi gas che non si adatta al contesto ambientale sarà automaticamente sospettato di essere fatto di vita.

Gli scienziati prevedono che se ci fosse vita nelle nuvole di Venere, assomiglierebbero ai microbi sulla Terra, come i batteri, che hanno dimostrato la loro capacità di sopravvivere in condizioni molto difficili. Ci sono forme di vita sulla Terra che producono ammoniaca appositamente per rendere più vivibile il loro habitat.

Pianificazione dei viaggi nello spazio: – Incredibile

Come risultato dei risultati dei ricercatori secondo notizie del MITe tempi della tecnologia e astrobiologia Presto verranno lanciate missioni spaziali su Venere finanziate da privati.

Il professor Seeger è il ricercatore capo del progetto.

Stephanie Werner, professoressa di geofisica e scienze planetarie presso la UiO, dice a Dagbladet che le informazioni sorprendenti dietro questa storia sono in realtà che presto verranno effettuate missioni spaziali su Venere finanziate da privati.

Esperto: Stephanie Werner è professore di geofisica e scienze planetarie all'Università di Oslo e lavora nel campo delle scienze planetarie comparate.  Foto: UiO
esperto: Stephanie Werner è professore di geofisica e scienze planetarie all’Università di Oslo e lavora nel campo delle scienze planetarie comparate. Foto: UiO
Mostra di più

Il progetto di cui parla un esperto si chiama UiO “Missione di salvataggio di Venere”, una serie di concetti mirati di missione astronomica progettati per cercare l’abitabilità, i segni di vita e lo stato effettivo dell’atmosfera di Venere.

Werner afferma che il progetto sarà intrapreso per studiare la composizione e la struttura dell’atmosfera in modo più dettagliato.

Secondo Tech Times, la società lo farà Laboratorio di razzi Usa un razzo elettronico separato per inviare una sonda in orbita attorno al pianeta entro il 2023.

Improbabile, ma non improbabile

La presenza di ammoniaca è stata osservata per la prima volta nell’atmosfera di Venere negli anni ’70. Si trovano anche molti altri gas.

Successo: Dopo diversi lanci, il nuovo razzo SpaceX è in viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Qui riceveranno i turisti, tra le altre cose. Video: NASA.
Mostra di più

Werner afferma che la maggior parte dei gas su Venere sono tossici per la vita come la conosciamo.

READ  Sonos Sub Mini aggiusta i bassi

– Per me, la domanda rimane: perché dovrebbe esserci vita su un pianeta che non avesse le condizioni di un pianeta abitabile? Non è fuori discussione vivere la vita su Venere, ma lo considero improbabile. Tuttavia, sarebbe interessante studiare Venere, che è molto diversa dalla Terra, e non sappiamo davvero perché, dice Werner.

Inoltre, il professore afferma che a causa della temperatura nell’atmosfera di Venere, potrebbe essere possibile la formazione di vita microbica nelle nuvole.

La temperatura sulla superficie di Venere è di appena 500 gradi Celsius e l’atmosfera è composta principalmente da anidride carbonica, secondo La grande enciclopedia norvegese.