Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Vivere in un lungo incubo

Anche gli attivisti irriducibili del Centro Oleksandra Matviytsjuk per i diritti civili (CCL) sono rimasti scioccati dalle immagini di Botsja, ha detto a NTB il presidente del CCL, Oleksandra Matviytsjuk.

– Sono rimasto a Kiev all’inizio della guerra quando la Russia ha cercato di assediare la città. Abbiamo continuato il nostro lavoro e abbiamo imparato molto su quello che è successo a Potsja e in altre città dalle persone che sono riuscite a scappare, racconta Matwiczuk a NTB.

– Ero scioccato

Nonostante abbia ricevuto molte informazioni preliminari, è stato difficile assorbire ciò che è stato scoperto quando le forze russe si sono ritirate dalla regione di Kiev a maggio.

– Siamo rimasti scioccati anche quando abbiamo inviato persone a documentare quanto accaduto a Bucha, e successivamente a Izyum, a Kherson e così via. Viviamo in un incubo a lungo termine, dice Matwiczuk.

Il CCL si batte per i diritti civili in Ucraina sin dalla sua fondazione nel 2007, ma dall’invasione russa del 24 febbraio, l’attenzione si è concentrata sulla documentazione dei crimini di guerra. Matveychuk ha ripetuto un messaggio per tutto il fine settimana: non è solo una guerra contro l’Ucraina.

READ  In risposta agli stipendi dei CEO "pazzi": - Ci rubano i soldi

– Putin sta cercando di convincere il mondo intero che la democrazia, i diritti umani e lo stato di diritto non funzionano, ha detto.

– Una situazione difficile

Molti bielorussi si sentono dimenticati dopo l’invasione dell’Ucraina, afferma Natalia Bentsyuk, vincitrice del premio Nobel per la pace a nome del marito incarcerato.

– È una situazione molto difficile e ci sono altre questioni urgenti. Non aiuta a mantenere la Bielorussia in cima all’ordine del giorno, afferma Pintsjuk di NTB.

Accettazione del premio: Natalya Pinczuk ha ricevuto il premio Nobel per la pace a nome del marito detenuto. Foto: NTB
Mostra di più

Suo marito, Alice Bialiatsky, è il terzo vincitore del Premio per la pace a ricevere il premio mentre era in prigione. L’ultima volta che Bentjuk l’ha incontrato è stato in ottobre e non si aspetta che accada di nuovo così presto.

– Nel contesto odierno, non ho aspettative, dici.

Tuttavia, spera che il premio aiuti a risvegliare una sorta di speranza in Bielorussia.

– Questo premio dà ai bielorussi l’impressione di non essere stati dimenticati, di avere alleati e solidarietà nel resto d’Europa. I bielorussi sono una nazione europea e vogliamo far parte della famiglia europea.

Nessuno può sentirsi al sicuro

Il leader del memoriale Jan Raczynskij crede che la Russia abbia ambizioni oltre l’Ucraina e spiega come pensa che le autorità russe pensino dell’NTB. – L’ho detto più e più volte, e per la Norvegia non c’è bisogno che lo ripeta: deve continuare a proteggere i valori richiamati dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, dice Raczynskij a NTB.

Il leader del memoriale Jan Raczynski.  Foto: NTB

Il leader del memoriale Jan Raczynski. Foto: NTB
Mostra di più

Aiutare i rifugiati ucraini è anche un cenno del capo, afferma l’attivista veterano, che è a Oslo per ritirare il premio Nobel per la pace a nome della più antica organizzazione russa per i diritti umani, Memorial.

È un segno di solidarietà internazionale. È un segnale per chi vuole capire.

Dice che la guerra in Ucraina è un segno che nessuno può sentirsi al sicuro.

– Se guardi a ciò che dicono alcuni funzionari russi, puoi vedere che le loro ambizioni vanno ben oltre l’Ucraina. Il problema con la visione contorta delle autorità russe, dice Raczynskij, è che si basa sul fatto che tutti i problemi possono essere risolti con petrolio e gas.

(NTB)