Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Vuoi più ricerca artistica

Molto cambia nella ricerca

La piattaforma pubblicherà testi demo in diverse serie tematiche. Il primo argomento riguarderà le superfici. Successivamente, sarà il design generale che verrà ulteriormente esplorato.

L’obiettivo è creare migliori collaborazioni tra accademici, artisti e architetti e creare nuovi collegamenti professionali tra il dominio libero, le attività culturali e le istituzioni di ricerca e educative, tra voci giovani e ricercatori affermati, e tra professionisti e discipline norvegesi e internazionali.

Nel campo dell’arte e dell’architettura, è in corso un dibattito su cosa comportino la ricerca artistica e la ricerca artistica attraverso il design e come la ricerca attraverso l’arte e l’architettura differisca dall’opera d’arte o dalla pratica del design in sé, ritiene Haaland.

È professore associato sia alla School of Architecture and Design di Oslo (AHO), dove insegna nel programma di dottorato, sia in Storia dell’arte e dell’architettura all’Università di Bergen. Sottolinea che ci sono molti cambiamenti nel campo dell’editoria di ricerca.

È evidente che sia il sistema di conteggio dei margini che le revisioni dei colleghi ciechi non sono produttivi, invece sono alla ricerca di nuovi sistemi per fornire un feedback professionale in modo positivo.

Finanziato dal Ministero degli Affari Esteri

In occasione del lancio è stato anche pubblicato l’articolo “Fra tegl til tre”, uno studio del Museo Vadsø, scritto insieme a Tord Øyen, che collabora con l’architetto della città di Bergen, e Grid Owen, storico dell’arte e Ph .D. Fellow presso UiT – Norwegian Arctic University. Secondo Haaland, il testo è una promettente introduzione al metodo del programma.

L’articolo è un buon esempio di come rendere visibile la collaborazione nel testo e combinare diversi punti di vista insieme.

READ  Come parliamo insieme di resistenza ai vaccini e teorie del complotto?

Attualmente il progetto è finanziato con il supporto del Ministero degli Affari Esteri.

– Rohm ha l’ambizione internazionale di crescere praticanti norvegesi a livello internazionale. Poi è importante includere la produzione e la diffusione della conoscenza. L’obiettivo è gestire e creare una rete e connettere giovani professionisti e ricercatori con ricercatori internazionali.

Noi membri della redazione rappresentiamo diverse istituzioni, quindi speriamo di creare una piattaforma gratuita in cui queste istituzioni, come l’AHO, il Museo Nazionale e NTNU, possano partecipare come partner.

Il comitato editoriale è composto da Victoria Bugge Øye, Gustav Jørgen Pedersen, Anna Ulrikke Andersen, Sara Yazdani, Marie-Alix Isdahl e Anders Rubing.

Cerchiamo di trovare argomenti a cui entrambe le discipline possono contribuire. Con le feature surface, l’idea è cercare di capire le superfici, i materiali e cosa succede quando cultura e natura si fondono in nuovi materiali. Haaland dice che questo è interessante per l’arte e l’architettura, così come sia per i professionisti che per i teorici.