domenica, Giugno 16, 2024

Xi Jinping, Cina | La morte dell’uomo mette Xi Jinping in una brutta posizione

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

commento Esprime le opinioni dello scrittore.

Xi Jinping, l’imperatore senza corona della Cina, sta attraversando la crisi politica più grave che abbia mai affrontato. Il Paese che governa è caratterizzato da stagnazione economica, alti tassi di disoccupazione e malcontento sociale. Anche il partito e il governo erano scossi.

La settimana scorsa si era diffusa la notizia che il ministro della Difesa Li Changfu (65 anni) era stato messo da parte. Ciò accade appena due mesi dopo la cacciata del ministro degli Esteri Chen Gang (57 anni).

Entrambi prevedevano un futuro luminoso per la leadership cinese. E ora sono finiti, entrambi dopo un breve servizio nel governo.

Perdita di leadership

Le ragioni non sono state menzionate. La portavoce del ministero degli Esteri cinese ha dichiarato venerdì scorso nella sua conferenza stampa: “Non ho informazioni da fornire”.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Norsk Debatt

Anche i cinesi comuni non sanno nulla. Naturalmente sono abituati a fare le comparse nel loro paese.

La leadership di Pechino chiede al mondo di riporre la propria fiducia nella Cina. Ma come può il mondo fidarsi di uno Stato e di una leadership a cui è strettamente precluso l’accesso?

Da quando è diventato capo del partito nel 2012, Xi Jinping ha licenziato un gran numero di dipendenti. Alcuni di loro sono stati condannati per corruzione e messi dietro le sbarre. Il membro del Politburo Bo Xilai ne è un buon esempio. Lui e sua moglie furono portati in tribunale e condannati all’ergastolo.

Altri sono semplicemente scomparsi.

Torbjorn Verovic

Nato nel 1948. Scuola materna. Si è laureato in storia. Ha lavorato per NTB all’estero, Arbeiderbladet all’estero e NRK all’estero. È scrittore a tempo pieno dal 1999. Ha scritto dodici libri sulla Cina e l’Asia. Molti di loro sono stati tradotti in lingue straniere. Ha vinto tre volte il Premio Brage (realismo) e una volta il Premio Cappelen. Tiene conferenze e conferenze, principalmente sulla Cina e su altri argomenti asiatici. Viaggia molto in Asia.

Potrebbe avere ragioni politiche

Adesso le voci abbondano.

Fonti di Pechino citate da diverse agenzie di stampa sostengono che Li Changfu è indagato per corruzione e che diverse altre persone potrebbero unirsi alle indagini. Li è stato eletto membro del Comitato Centrale del Partito Comunista nel 2019, ma aveva un background principalmente militare. L’Esercito popolare di liberazione ha da molti anni la reputazione di essere altamente corrotto. Pertanto, l’accusa di corruzione non è impossibile.

READ  Ucraina e Russia - Penso che la guerra possa minare Putin

Quando due di questi leader centrali vengono sostituiti in breve tempo, ciò può avere anche ragioni politiche.

Leggi anche

La Cina vede nemici ovunque

In qualità di presidente e leader del partito, Xi Jinping ha avuto accesso a un gran numero di paesi. Anche negli ambienti interni di Pechino forse c’è chi pensa che stia giocando male le sue carte. Il comportamento aggressivo di Xi nello Stretto di Taiwan e nel Mar Cinese Meridionale sta costando caro alla Cina, soprattutto in tempi come questi, quando l’economia sta fallendo e la maggior parte delle cose sono ferme.

La necessità di cambiare rotta è urgente.

È influenzato da ciò che accade

Non sappiamo quali discussioni si stiano svolgendo nella sala di Pechino. Probabilmente Xi Jinping ha il controllo sulla maggior parte delle questioni. Ma in un sistema come quello cinese, anche le dichiarazioni caute possono portare a conseguenze disastrose.

Sia Qin Gang che Li Shangfu erano considerati altamente competenti quando furono nominati. Chen era ambasciatore negli Stati Uniti e si riteneva che conoscesse molto bene il “nemico”.

Li aveva prestato servizio nell’Esercito popolare di liberazione, aveva studiato tecnologia missilistica e aveva conseguito un dottorato nella stessa materia. In qualità di membro dello Stato Maggiore e Ministro della Difesa, ha dovuto modernizzare la difesa missilistica del paese e dotarla di nuove tecnologie.

Naturalmente, entrambe le nomine hanno ricevuto il timbro di approvazione di Xi Jinping. Chiunque arrivi a questo punto in Cina viene prima accusato dal potente dipartimento di regolamentazione del Comitato Centrale. Competenze professionali, lealtà politica e circostanze finanziarie personali vengono tutte messe al microscopio.

Alla fine, Xi avrà l’ultima parola. Pertanto, anche lui è influenzato da ciò che sta accadendo ora.

Perde il suo splendore

Xi Jinping è stato ufficialmente elogiato nello stesso modo di prima. La propaganda del partito vuole che sia il più grande uomo sotto il cielo, e grandi e piccini devono studiare le sue “idee” molto diligentemente. Ma in realtà ha perso gran parte del suo splendore.

READ  La ragazza (7) è scomparsa negli Stati Uniti

Il modo in cui Xi e il partito hanno gestito l’epidemia è stato un campanello d’allarme per i cinesi. All’improvviso, milioni di persone hanno perso il lavoro e molti hanno dovuto lottare per guadagnarsi il pane quotidiano.

Terminato il lockdown, dopo due lunghi anni, i cinesi speravano che il partito e il governo accelerassero i tempi. Ma l’ascesa è stata lenta. L’anno scorso la Cina aveva un obiettivo di crescita del PIL pari al 5,5%. Il risultato è stato solo del 3%, il livello più basso dal 1976, anno della morte del presidente Mao.

Leggi anche

La crisi idrica in Cina minaccia milioni di persone: possono fare il bagno solo quattro volte al mese

Quest’anno il governo mira a raggiungere una crescita del 5%, ma anche questo potrebbe rivelarsi troppo ambizioso. Negli ultimi mesi, l’autorità statistica del paese non è riuscita a pubblicare i dati economici chiave, apparentemente perché non si adattano alla storia ufficiale di successo del governo.

Tra i dati nascosti ci sono quelli sulla disoccupazione.

I tassi di disoccupazione sono particolarmente elevati tra i giovani di età compresa tra 16 e 24 anni. A giugno la percentuale era del 21,3%. Successivamente, il governo ha scelto di mantenere segreti i numeri. Ciò indica che il mercato del lavoro si sta evolvendo di male in peggio.

Parliamo di almeno 100 milioni di persone completamente o parzialmente disoccupate. Finora sono rimasti in silenzio. Ma cosa succede il giorno in cui si tengono per mano e scendono in strada?

Paura di proteste

In Cina, la paura del caos è profonda. Anche nel partito, che ha il compito di tenere insieme un Paese grande e complesso. Durante la Rivoluzione Culturale (1966-1976), un Mao ormai ingovernabile riuscì a mettere sottosopra il Paese. Ad un certo punto la situazione era così grave che il partito sembrava avviato al collasso. Alla fine, le forze armate sono riuscite a riportare la pace nella città.

Xi Jinping ha deciso che una cosa del genere non accadrà mai più. Tuttavia, egli vede con paura la possibilità che le proteste si trasformino in qualcosa di più grande. Pertanto, il governo oggi spende tanto per la difesa interna quanto per quella esterna.

READ  La polizia teme che il presunto serial killer possa aver trovato una nuova vittima

Sotto Xi, il Paese ha acquisito forze di sicurezza mobili in grado di reprimere la ribellione ovunque si manifesti. Sia nelle aree rurali che urbane sono state installate videocamere per monitorare i più piccoli movimenti dei residenti.

Leggi anche

In Cina, milioni di pensionati arrabbiati possono trasformare i capelli grigi nella testa del regime

L’intensità della sorveglianza sul partito e sui suoi organi dirigenti non è meno intensa.

Xi Jinping ha creato un apparato di sicurezza in cui tutti, indipendentemente dal grado, sono soggetti a sorveglianza. In questo sistema basato sulla paura, lo spazio privato e politico a disposizione dei leader dei partiti per operare è estremamente limitato. Anche Xi vive prigioniero del regime ed è protetto da una guardia del corpo che vigila 24 ore su 24.

In queste strane circostanze, non è facile sapere chi siano i maggiori colpevoli.

Il peggio che potesse succedere

Quando quel giorno i paesi del G20 tennero il loro incontro annuale a Nuova Delhi, Xi scelse di restare a casa. L’assenza può essere spiegata in almeno due modi.

Forse non gli è piaciuta l’idea di finire all’ombra dell’orgoglioso ospite dell’incontro, il primo ministro Narendra Modi. Ma potrebbe anche aver ritenuto che le sfide interne fossero più importanti.

Leggi altre recensioni di Torbjørn Færøvik

Ora i cinesi e il mondo attendono con impazienza la continuazione di questi sforzi. La recessione economica continuerà o la Cina risorgerà?

La cosa peggiore che potrebbe accadere, dal punto di vista di Xi Jinping, è che il Paese entri in recessione e che i cinesi finiscano nella cosiddetta trappola del reddito medio. Ciò significa che la Cina non è in grado di fare il salto decisivo dall’essere moderatamente ricca all’essere ricca.

Se ciò accadesse, le promesse di Xi, incarnate nei suoi innumerevoli discorsi e articoli, evaporeranno come rugiada al sole.

More articles

Latest article