Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Alcol, truffe | Che ne dici di un barattolo di vino per Natale?

Vai al polo per trovare del buon vino per Natale o potresti aver contrattato all’estero. Ma purtroppo puoi rimanere deluso.

opinioni Esprime le opinioni dell’autore.


Di recente, il commerciante di vini francese Vincent Ladasteck è stato condannato a un anno di carcere e multato di 205.000 corone per “imbroglio, frode su importanti sostanze alcoliche e uso illegale di AOP ()”. La sua azienda, miracolosamente, è stata multata di un milione di corone.

Questa è la prima volta nel mondo dell’alcol che qualcuno riceve una punizione così severa. Ma questo non è l’unico esempio di imbroglio in questo settore classico.

Clicca qui per iscriverti alle newsletter dalla discussione norvegese

Diossido di zolfo

Il caso è iniziato nel 2015 con un’ispezione di routine presso l’Istituto nazionale di origine e qualità (INAO) dell’azienda per i vini di Bordeaux. In Francia la gente non prende in giro la qualità dei vini.

L’INAO conduce più di 10.000 sondaggi ogni anno nel solo distretto di Bordeaux. Nelle bottiglie di quest’ultimo è stato trovato un eccesso di anidride solforosa (SO2). Il vino può aggiungere SO2, che dovrebbe prevenire l’ossidazione di lieviti e batteri.

Ha un odore tenue ma pungente, insensibile ad altre combinazioni. I produttori di vino biologici stanno cercando di evitare l’uso di SO2. I vini rossi secchi possono utilizzare fino a 150 mg per litro. Gli ultimi vini contenevano 240 milligrammi.

Gli ispettori INAO hanno detto che non era “leale”.

Pertanto, Ladasta è stato indagato per frode. È stato presto rivelato che era già stato condannato a 18 mesi di carcere nel 2016 per una truffa nota come “Moon Wine”.

READ  Serata italiana e Opera Pub in Arctic Cabins

Puoi leggere di più su Vibeke Knoop Rachline qui

“Bordeaux-Bashing”

L’inchiesta doveva rivelare condizioni ancora peggiori. Molti vini sono stati mescolati insieme, alcune bottiglie sono state aggiunte all’acqua e altre sono state vendute con falsi oggetti d’antiquariato. Per gli amanti del vino, si tratta di “vini famosi come Grave, Coates-de-Borg, Coates-de-Bordeaux e Saturnus”.

In totale, i vari metodi fraudolenti hanno coinvolto 920 ettolitri di vino o 122.788 bottiglie. In altre parole, è una grande truffa, ed è per questo che è punibile, anche se Ladost si dichiara innocente.

La causa è stata probabilmente finanziata dal Distretto di Bordeaux, dove in precedenza era stato segnalato un particolare “Bordeaux bashing” – con crescenti critiche ai vini.

Il grande cattivo

Vincent Ladastay è tutt’altro che l’unico che ha imbrogliato. Vinjuks è molto più diffuso di quanto si pensi, e vale solo per la Francia.

Nel 2018, gli investigatori francesi hanno scoperto una grave frode che coinvolgeva il vino spagnolo. È stato importato a basso prezzo e poi riempito in bottiglie francesi con nuovi look ed etichette. Recentemente, un padre e un figlio italiani sono stati condannati per aver contraffatto Romani Condi, uno dei vini più costosi al mondo.

In quel momento, Europol ha condotto l’indagine, che includeva un russo in Svizzera.

Secondo Europol, i criminali hanno scoperto che il modo più semplice per fare soldi è versare vino a buon mercato in bottiglie costose.

L’indonesiano Rudy Gurnarian è il più grande cattivo del vino di tutti i tempi, essendo stato condannato nel 2014 a 14 anni di carcere per frode massiccia.

Dal 2002 al 2012 ha venduto vino ai ricchi americani per oltre un miliardo di corone.

READ  La principessa Beatrice è diventata mamma per la prima volta

Leggi di più dal dibattito norvegese qui

Torniamo al vino di Natale sugli scaffali polari: lì non troverete vino fraudolento. Il monopolio del vino ha specialisti altamente qualificati che controllano attentamente che siano sugli scaffali.

La Norvegia non è ancora un paese del vino. Ma la frode alcolica è sempre più diffusa. Si dice che ogni ventesima bottiglia venduta all’asta non abbia un’etichetta.

I cinesi compravano bottiglie vuote dai forti di vino francesi e le riempivano con qualcosa di completamente diverso. A proposito, comprano non solo bottiglie vuote, ma anche veri e famosi castelli del vino.

Potrebbe essere il momento di trovare invece una nuova rivelazione In vino veritas?