Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Anniversario dell’eruzione del vulcano di Sant’Elena

Oggi nella scienzaIl 18 maggio 1980, il Monte St. Helens ha subito un’eruzione catastrofica e mortale che ha causato la più grande frana mai registrata. All’inizio dell’anno, migliaia di piccoli terremoti, valvole di vapore e un prominente rigonfiamento di 140 piedi (140 piedi) indicavano che il magma si stava sollevando nel vulcano. Poi, alle 8:32 ora locale di 41 anni fa, un terremoto di magnitudo 5.1 ha scosso la montagna e ha causato una massiccia frana e un’eruzione laterale che ha portato al collasso del lato nord del vulcano. Il magma della pressione calda è esploso e il pennacchio di cenere ha raggiunto un’altitudine di 80.000 piedi (24 km) prima di coprire l’area circostante. Geologo con USGS Descritto L’esplosione devastante:

Ha distrutto un’area di 230 chilometri quadrati in cinque-nove minuti. Ha praticamente ucciso tutto all’interno di quella zona.

Cinquantasette persone, compreso un vulcanologo David A. Johnston E fotoreporter Red Blackburn, È stato ucciso durante l’eruzione del vulcano di Sant’Elena il 18 maggio 1980. L. Osservatorio di Johnston Ridge A Toutle, Washington, prende il nome dal defunto vulcanologo. A partire dal 10 maggio 2021, mentre l’osservatorio è chiuso senza una data di apertura fissa, l’area della piazza dietro l’edificio con una splendida vista sul cratere e sull’area dell’eruzione è aperta.

per: Mount St. Helens è stato fotografato sette anni prima che il vulcano eruttasse nel 1980. Foto tramite US Forest Service / eruptionbook.com.

Montagne innevate con crateri in cima, un pennacchio di fumo al centro, nuvole da dietro e un riflesso nell'acqua in primo piano.

Dopo: Mount St. Helens è stato fotografato due anni dopo un’eruzione nel 1980. Foto via Lyn Topinka / USGS.

La fitta foresta che copriva le pendici del vulcano è stata convertita in cenere in un’area nota come zona di implosione, che si estendeva quasi. 10 km dalla vetta. Anche gli alberi più lontani dall’interno dell’esplosione sono stati danneggiati dal caldo torrido. L’intera estensione dell’area forestale distrutta è nota come zona di compensazione. Negli ultimi decenni, questa regione si è lentamente ripresa.

Zona di montagna ricoperta di tronchi d'albero che sono stati spenti.

Questa fotografia aerea del raccolto è stata scattata l’8 giugno 1980, dopo che un’eruzione ha colpito il vulcano di St Helens. Immagine tramite USGS / Geoengineer.org.

Lahars – Correnti di fango che trasportano detriti da eruzioni vulcaniche – rapidamente formate dallo scioglimento e dalle nevicate sui lati del Monte St. Helens. Le grandi lacune che si sono verificate nell’eruzione del 1980 hanno danneggiato case, strade e ponti nelle comunità vicine.

Tronchi accanto a grandi camion capovolti.

Gigante Lahar Legname, camion e detriti furono spazzati via durante la discesa lungo il fianco della montagna a Mount St. Helens il 18 maggio 1980. Foto via D. Olson / National Park Service.

Oggi l’altezza di Sant’Elena è di 8.363 piedi (2.550 metri) Stratovulcano Si trova nella contea di Skamania, Washington, ed è più corto di circa 400 metri rispetto a prima dell’eruzione vulcanica del 1980. È il vulcano più attivo della Cascade Range che si estende lungo la costa nord-occidentale del Nord America. La Cordillera de las Cascadas fa parte di Anello di fuoco del Pacifico. Mount St. Helens è ancora considerato uno dei I vulcani più pericolosi Sono gli Stati Uniti d’America.

READ  Il padrino greco di Sophia è stato sconvolto quando ha sentito che le forze armate norvegesi praticano lo spazio misto - e che ha funzionato

Dal 1980, Mount St.Helens ha continuato a subire periodici terremoti ed eruzioni vulcaniche, ma non nella stessa misura del 1980. Cascades vulkanobservatorium Monitoraggio costante dell’attività sul Monte St. Helens.

Nuvole di cavolfiore grigio e nero sopra il vulcano.

Una foto del Monte St. Helens durante l’eruzione del vulcano il 18 maggio 1980. Foto da Amman / Combs / National Park Service.

In conclusione: il vulcano del Monte St. Helens è esploso in un incidente catastrofico il 18 maggio 1980, uccidendo 57 persone e cambiando drasticamente il paesaggio.

Guarda altri video sull’eruzione del Monte St. Helens

Il magma sorge all’interno del Monte Sant’Elena, ma non è prevista un’eruzione vulcanica

View from Space: Life Reclaiming Mount St. Helens

Cos’è l’Anello di Fuoco?

Diana Konners