Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Articolo: Il lato oscuro del successo dell’auto elettrica norvegese

Più del dieci per cento della flotta automobilistica norvegese sono ora auto elettriche, una percentuale che nessun altro paese può indicare. Ha prestato notevole attenzione e riconoscimento internazionale e politici di tutto il mondo si riversano in Norvegia per ascoltare il nostro approccio allo sviluppo delle infrastrutture, alla regolamentazione fiscale, ai tagli alle emissioni e allo sviluppo delle politiche.

Quello che non menzioniamo nella nostra storia di successo è il modo in cui garantiamo che il riutilizzo venga utilizzato su questi veicoli elettrici. Qui siamo lontani dai nostri paesi vicini.

Eric Voss Steny

Eric Voss Steny

Perché cosa succede veramente alle auto elettriche quando è il momento di raschiare o riparare?

Le risposte dall’industria automobilistica e dai politici sono che abbiamo un robusto sistema di riciclaggio per auto distrutte e ricambi auto. Fino al 98 percento dei materiali viene riciclato attraverso schemi come Autoretur. Allora qual è il problema?

La risposta è che il riciclaggio non fa bene all’ambiente quanto il riciclaggio.

Quando una Tesla diventa un pezzo di metallo di un metro cubo, non è così rispettosa dell’ambiente come se potesse essere rimandata sulla strada con parti usate di altre Tesla, o se quelle parti possono essere collocate in un’altra auto Tesla in officina. Questo è ciò che oggi l’officina rifiuta per paura di accorciare la garanzia per il consumatore.

Matthias Joel Johnson

Matthias Joel Johnson

L’industria automobilistica deve tenere conto del fatto che l’attuale prassi dei produttori di veicoli elettrici, in cui alle officine non è consentito installare parti usate senza abbreviare la garanzia, deve essere modificata se vogliamo aumentare il grado di riutilizzo nell’autofficina norvegese.

Le riparazioni delle auto e le sostituzioni delle batterie delle auto elettriche devono ovviamente essere eseguite da personale qualificato, e con la certezza che ogni vettura che entra in officina ne uscirà con la sicurezza prevista dalle normative. Le riparazioni possono farlo e vogliono entrambe le cose, se hanno la possibilità di farlo senza che la garanzia del prodotto sull’auto scada.

Qui, l’industria automobilistica probabilmente indicherà rapidamente il sistema fiscale sulle auto elettriche come una moda passeggera per ottenere questo risultato. Oggi, il sistema fiscale sui nuovi acquisti di veicoli elettrici rende l’acquisto di un veicolo elettrico molto redditizio, ma poco redditizio per riparare un veicolo elettrico. Come ha rivelato il programma televisivo NRK “Sløsesjokket”, non causerà così tanti danni all’auto elettrica da rendere più redditizio acquistare una nuova auto elettrica che ripararla.

Quando una Tesla si trasforma in un blocco di metallo di un metro cubo, non è così rispettosa dell’ambiente come se fosse rotolabile di nuovo sulla strada con parti usate di altre Tesla


Ironia della sorte, esiste una politica più verde per le auto fossili, che ha un regime di imposta sul valore aggiunto simile su acquisti e riparazioni.

Il risultato è che il meccanico automobilistico spesso deve spiegare al cliente che è probabile che l’acquisto di un nuovo veicolo elettrico sia più redditizio.

Per essere in grado di effettuare una conversione in un maggiore utilizzo di parti usate per la riparazione, dobbiamo anche aumentare le opportunità per le officine di acquistare parti usate. Aiuta se il desiderio di riparare parti usate è presente in un’officina a Trondheim se il meccanico non ha idea di dove acquistare queste parti entro un ragionevole periodo di tempo.

Qui, il settore assicurativo, l’industria meccanica e l’industria automobilistica devono collaborare per sviluppare buone soluzioni logistiche per la cooperazione.

Forse molti faranno notare che aumentare il grado di riparazione quando si usano parti usate è difficile, ma non andremo oltre i nostri paesi vicini per vedere che questo è effettivamente possibile e che la Norvegia è molto indietro a questo punto.

  • In Svezia, il 14% di tutte le riparazioni auto utilizza parti
  • In Danimarca, la cifra corrispondente va dal sette all’otto percento.
  • In Norvegia, meno del 2% delle parti usate viene utilizzato per riparare i danni alle auto, perché qui invece si ricicla.

Qual è esattamente il costo climatico di una simile strategia?

Un’analisi del ciclo di vita della Volvo V60 dello Swedish Environment Institute ha recentemente calcolato quanto costa questo ambiente. Per ogni auto riparata con parti usate, un risparmio previsto di 193 chilogrammi di CO22.

Lo scorso anno sono state eseguite 312.000 riparazioni per danni alla carrozzeria presso le officine di riparazione automobilistiche norvegesi. Se solo il dieci per cento di queste riparazioni fosse stato effettuato con parti usate, avremmo risparmiato all’ambiente più di 6.000 tonnellate di anidride carbonica2 (31.200 x 0,193 = 6022).

Ciò corrisponde a circa 760 norvegesi per un totale di C02Emissioni all’anno, quindi con solo il 10 percento di riciclaggio sulle riparazioni.

Affinché possiamo continuare a darci una pacca sulle spalle, invitando i politici dal resto del continente a noi e mostrandoci la storia solare della politica norvegese sulle auto elettriche, dobbiamo assicurarci di non essere solo campioni del mondo nell’ottenere auto elettriche. sulle strade, ma anche la cura primaverile della flotta di auto in modo sostenibile.

Sembra esserci un accordo politico diffuso sul fatto che l’esenzione IVA per i veicoli elettrici debba continuare, anche se prima o poi dovrà essere abolita. Non vediamo l’ora che ciò accada per rendere le riforme possibili e redditizie.(Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e / o dei nostri fornitori. Vogliamo che tu condivida i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Non è consentito copiare tutto o parte del contenuto o qualsiasi altro utilizzo dello stesso se non con il permesso scritto o come consentito dalla legge. Per condizioni aggiuntive guarda qui.

READ  Aker BP ed Equinor svilupperanno due giacimenti petroliferi per 14,5 miliardi di NOK - E24