Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Articolo scientifico sulle fuoriuscite di petrolio e gas naturale sulla piattaforma continentale norvegese

Articolo scientifico sulle fuoriuscite di petrolio e gas naturale sulla piattaforma continentale norvegese

Sul fondale marino a sud delle Svalbard sono state osservate numerose fughe di gas naturale, in particolare di metano. Immagine: gabbia.


07.06.2023
I dati presentati in un nuovo articolo scientifico documentano una delle più grandi aree di fughe di gas nell’Artico.

Sono state documentate anche fuoriuscite naturali di petrolio nel Mare di Barents.

Articolo Fuoriuscita naturale di metano e infiltrazioni di petrolio dai serbatoi sottomarini dell'Artico È il primo articolo scientifico frutto della collaborazione di NPD con CAGE (Centro per gli idrati di gas artici, l'ambiente e il clima) e l'Università di Tromsø. È stato pubblicato per la prima volta sulla popolare rivista Nature Communications.

Leggi l'articolo qui

Rune Mattingsdal, geoscienziato dell'Agenzia norvegese per le scienze naturali, è uno degli autori dell'articolo scientifico:
“Il Mare di Barents potrebbe essere uno degli ‘hotspot’ più attivi al mondo in termini di rilascio naturale di metano sottomarino”, sostiene l’articolo.

Riepilogo dell'articolo (riepilogo):

Dividere le fonti antropiche e naturali (geologiche) di metano fossile nell’atmosfera rimane problematica a causa della mancanza di marcatori chimici distinti per distinguerle. Alla luce di ciò, è importante comprendere la distribuzione e il contributo delle potenziali fonti geologiche di metano.

Qui presentiamo osservazioni sperimentali di un rilascio su larga scala e finora non documentato di metano e petrolio dai serbatoi geologici nell’Oceano Artico. Il metano scorre da più di 7.000 punti di infiltrazione e si esaurisce in gran parte nell'acqua di mare, ma raggiunge comunque la superficie del mare e può spostarsi nell'aria.

Le chiazze di petrolio e le eruzioni di gas persistono attraverso osservazioni pluriennali e sono associate a precedenti strutture geologiche glaciali, che hanno subito un'erosione glaciale su scala chilometrica che ha lasciato i serbatoi di idrocarburi parzialmente scoperti dall'ultimo disgelo circa 15.000 anni fa.

READ  Le persone hanno sempre ragione, tranne quando hanno torto - VG

Questo rilascio prolungato e geologicamente controllato di idrocarburi naturali potrebbe essere una caratteristica degli ex bacini glaciali ricchi di idrocarburi comuni in tutta la piattaforma continentale polare e potrebbe rappresentare una fonte sottovalutata di metano fossile naturale all’interno del ciclo globale del carbonio.

Leggi altri articoli e rapporti di ricerca qui.

Aggiornato: 06/07/2023

ultime notizie

Numeri di produzione gennaio 2024


20/02/2024
I dati di produzione di Førebel per gennaio 2024 mostrano una produzione media giornaliera di 2.071.000 barili di petrolio, gas naturale liquido e condensato.

Permesso di perforazione pozzo 36/7-5 s


02/07/2024
La Direzione svedese dello scaffale ha concesso a Neptune Energy Norge AS una licenza di perforazione per il pozzo 36/7-5 S nella licenza di produzione n. 636, vedere l'articolo 13 della normativa sulle risorse.

Permesso di perforazione del pozzo 11/35-29 s


30/01/2024
La Direzione svedese degli scaffali ha concesso a Wellesley Petroleum AS una licenza di perforazione per il pozzo 35/11-29 S nella licenza di produzione 248 C, vedere la sezione 13 dei regolamenti sulle risorse.

Minerali essenziali


26/01/2024
I cambiamenti sono spesso difficili. Lo stesso vale per la transizione dai sistemi energetici fossili alle fonti energetiche rinnovabili.

Numeri di produzione dicembre 2023


23/01/2024
I dati di produzione di Førebel per dicembre 2023 mostrano una produzione media giornaliera di 2.096.000 barili di petrolio, gas naturale liquido e condensato.