Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Barth Eddy sulle relazioni degli Stati Uniti d'America con Israele: – L'atmosfera è pessima

Foto: Jawad Parsa/NTB

Il ministro degli Esteri Espen Barth Eide (AFP) ha affermato che gli Stati Uniti hanno poca pazienza con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Secondo Eddy, gli Stati Uniti si aspettano che Israele prenda sul serio la proposta di pace araba su cui si sta lavorando.

Si basa sulla normalizzazione tra i paesi arabi e Israele – e su una soluzione a due Stati, in cui la Palestina diventa uno Stato separato.

La Norvegia sostiene questo lavoro e la bozza sarà pronta presto, secondo Eide.

– Una volta raggiunto il cessate il fuoco e consegnati gli ostaggi, è possibile presentare un piano globale. Allora diventa una questione di “prendere o lasciare” per Israele. Se lo respingono apertamente, perdono ogni credibilità, dice Eddie.

– Ho sentito da tutti i canali che la tolleranza americana nei confronti di Netanyahu è scesa a meno dell'1%. Dice che c'è un'atmosfera pessima e si riferisce al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Il ministro degli Esteri Espen Barth Eide (AFP) ha incontrato domenica il primo ministro palestinese Mohammed Shtayyeh (direttamente sopra Eide) e il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Maliki (a sinistra). Foto: Alf Bjarne Johnson

Il primo ministro dell'Autorità palestinese Mohammad Shtayyeh incontra domenica il ministro degli Esteri Espen Barth Eide durante la conferenza sulla sicurezza a Monaco.

Eddie afferma che il ritorno alla situazione precedente all'attacco terroristico avvenuto il 7 ottobre dello scorso anno non è un'opzione.

READ  Richard Branson era ai confini dello spazio - E24

– Era una polveriera, dice.

Dice che si stanno elaborando anche i dettagli di un cessate il fuoco a breve termine e cosa comporterebbe. Secondo Eddy, deve essere pronto prima che venga presentato il piano a lungo termine.

Grazie Norvegia

Il Primo Ministro dell'Autorità Palestinese ringrazia la Norvegia.

– Il mio messaggio al popolo norvegese è grazie. Messaggio di ringraziamento. Voglio ringraziare il governo, il primo ministro, il ministro degli Esteri e la loro squadra. La Norvegia non è sola, ma il paese si è trovato al momento giusto per la pace e la giustizia, dice Shtayyeh a VG.

Il Primo Ministro afferma che le autorità norvegesi hanno dimostrato il loro rispetto per le leggi internazionali e hanno indicato la strada.

-Abbiamo bisogno di una voce ragionevole. Ci sono non pochi paesi che hanno invitato Israele a continuare le sue atrocità. Dice che la Norvegia era una voce ragionevole.

Durante l’incontro, i palestinesi hanno avuto ben chiaro ciò di cui avevano bisogno dalla Norvegia. Foto: Alf Bjarne Johnson

– gioca un ruolo

Il primo ministro Jonas Gahr Storr (AFP) ha dichiarato sabato che esiste una soluzione per sbloccare le entrate fiscali e doganali che Israele ha congelato dallo scorso autunno.

Ora il primo ministro palestinese ringrazia la Norvegia per il suo ultimo sostegno e afferma che i palestinesi hanno bisogno dell’aiuto che stanno ricevendo.

Dice che nelle crisi le persone mostrano il loro carattere:

Jonas Gahr Sture in conversazione con il primo ministro olandese Mark Rutte durante la conferenza sulla sicurezza. Foto: Jawad Parsa/NTB

– È allora che le persone contano, nelle crisi. Persone con morale, originalità e rispetto per le leggi internazionali. La Norvegia è stata un modello in questo. Non perché ci sostengano, ma la Norvegia gioca un ruolo anche altrove, dice Shtayyeh.

READ  Australia: - Claire (95) spara con un'arma elettrica

– Spostamento forzato dei palestinesi

VG e TV 2 hanno potuto intervistare il Primo Ministro all'inizio dell'incontro con Parth Edi.

Il primo ministro palestinese è profondamente preoccupato per la situazione a Rafah.

– Avrà conseguenze disastrose. Tutti i palestinesi di tutta Gaza vengono spinti a Rafah. Di solito ci vivono 400.000 persone. Ora ci sono 1,4 milioni di persone, ha detto Shtayyeh a Channel 2.

– Israele trasferisce con la forza persone da Gaza all'Egitto. Noi e gli egiziani stiamo lavorando duramente per fermarlo. Le persone devono poter tornare alle loro case nel nord e nell’ovest di Gaza. Dice che Rafah è molto ristretta.

– Dovrebbe aprirsi

Ritiene che sia importante per la Norvegia richiedere un cessate il fuoco in un momento in cui molti paesi occidentali erano meno chiari.

La Norvegia ha chiesto un cessate il fuoco immediato. Qui abbiamo una dichiarazione del governo norvegese e del Primo Ministro, secondo cui la situazione deve finire e gli aiuti di emergenza devono entrare a Gaza, dice Shtayyeh.

Ora ritiene che si debba fare di più per la popolazione civile di Gaza.

– Tutto ciò che entra a Gaza è solo una piccola parte di ciò di cui abbiamo bisogno. Tutti i valichi di frontiera verso Gaza devono essere aperti. Il sostegno all’UNRWA è estremamente importante per tutti noi. Dice che è un'istituzione molto importante.