Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Brandi Melville – È triste

La famosa catena di abbigliamento Brandi Melville è italiana e ha un solo punto vendita qui in Norvegia. In passato abbiamo assistito a lunghe code fuori dal negozio situato in Bogstadveien a Oslo. Le file sono per lo più caratterizzate da giovani donne.

Il negozio ha una sola taglia, o la cosiddetta “taglia unica”. Fa reagire le persone.

– È triste trovarsi in un negozio in cui solo un tipo di corporatura è il benvenuto nel 2022, afferma l’influencer Sonja Iren Johnsen per DinSide.

– Si dice che “taglia unica” ma non è del tutto vero, aggiunge.

Taglia unica: Solo una taglia disponibile in negozio. Foto: Malin Ayden
Vedi altro

Mosse terribili

L’account Instagram ufficiale di Brandi Melville ha circa 3,2 milioni di follower. Puoi vedere chiaramente che il marchio di abbigliamento è popolare sui social media, soprattutto tra le giovani donne.

Ottieni ancora solo vestiti in taglia “taglia unica”.

– La caratteristica spaventosa è che hanno solo una taglia. Le persone rimangono deluse quando i loro vestiti non vanno bene.

Johnson dice che se fosse entrata nel negozio da giovane, sarebbe rimasta delusa perché non sarebbe stata in grado di adattarsi ai vestiti lì.

– Potrei aver pensato a cosa dovrei fare per perdere peso o quale dieta dovrei seguire adesso. Insiste sul fatto che i giovani non dovrebbero pensare alla dieta.

Crede che molte persone si trovino in quella situazione e le fa male.

Puoi trovare molti video su YouTube di giovani donne che affermano di aver perso peso per indossare i vestiti di Brandi Melville.

DinSide ha tentato di contattare Brandi Melville attraverso più canali per ottenere un commento, ma senza successo.

Può creare pressione

Johnson teme che questo crei una malsana pressione corporea tra le giovani donne. Ricorda alcuni pantaloncini di jeans di BikBok che erano molto popolari nella sua infanzia.

– È assolutamente terrificante. “Mi sono piaciuti molto i pantaloncini di jeans, ma non mi stavano bene”, dice Johnson.

Troppo piccolo per un bambino?

All’inizio di quest’anno, la catena di abbigliamento Brandi Melville è stata nominata Barbie d’oro dell’anno in Norvegia. Il premio è stato assegnato all’attore che fa stare male i giovani. In questo caso, le catene di abbigliamento più piccole hanno ricevuto il maggior numero di voti.

Noi della redazione abbiamo testato alcuni abiti di Brandy Melville. Molti vestiti non si adattano a qualcuno che di solito indossa una taglia piccola o 36. I pantaloni in particolare sembravano una taglia più piccola, mentre altri capi di abbigliamento come maglioni e t-shirt si adattavano meglio.

Taglia piccola: non potevamo indossare alcuni vestiti, compresi i pantaloni non corrispondenti.  Foto: Malin Ayden

Taglia piccola: non potevamo indossare alcuni vestiti, compresi i pantaloni non corrispondenti. Foto: Malin Ayden
Vedi altro

Penso che crei unicità

Magdalene Petersen Mclntyre, professore associato di etnografia e ricercatrice presso il Center for Consumer Research dell’Università di Göteborg, afferma: Esprimere Le piccole dimensioni sono un modo per creare un modello di individualità.

– È come consumatore che dovresti essere qualificato per mostrarti con questi vestiti, il che si ottiene essendo molto magro. Questo semplicemente per creare un senso di selettività, spiega al giornale.

E, dice McIntyre, questa percezione è dannosa e colpisce gli ideali del corpo delle giovani donne.

– Certo che è dannoso. “Molte giovani donne possono avere problemi con l’immagine del proprio corpo e sentire di non essere abbastanza brave”, continua al giornale svedese.

Controverso

Brandi Melville è già uscita con il brutto tempo.

Quando sono usciti alla ricerca di “bambini” compresi i nostri. Più media Menzionato la questioneMa nessuno è riuscito a far parlare l’azienda.

Quando la società ha vinto Barbie d’oro quest’anno Anche quest’inverno non hanno risposto alle critiche.

Già nel 2017, la catena di abbigliamento era sotto i riflettori dei media quando i dipendenti sarebbero stati fotografati mentre arrivavano al lavoro.

La critica è stata respinta dall’allora allenatore europeo Anik Gilstonk-van der Hulst in una e-mail. Giornale quotidiano:

“Sono molto sorpreso di leggere queste false accuse. A causa della libertà di parola, ognuno ha il diritto di esprimere e condividere opinioni. Ma ricordiamoci che nessuno diventa grande distruggendo gli altri”.

“In secondo luogo, tutti i dipendenti hanno ricevuto molte informazioni su tutte le foto scattate. Questo è solo per uso dell’azienda. Utilizziamo le immagini per capire lo stile dei dipendenti in ogni paese e creare collezioni per diversi paesi (ad esempio, Roma ha diverse tendenze rispetto a Oslo).Inoltre, per spiegare ulteriormente la politica della nostra azienda non vedo alcun motivo”, ha risposto all’epoca.

READ  Christine Sorstal restituisce in biblioteca un libro italiano